Tag: Tolone

Le Tre di R1823: i convocati inglesi per il Sei Nazioni, le vecchie Zebre litigano, Kaino va a Tolone?

Ecco le tre notizie di cronaca ovale più importanti della giornata. I link rimandano agli articoli pubblicati da R1823 di Duccio Fumero. Queste le news di oggi, cliccate sui titoli per leggerle interamente.

SEI NAZIONI: INGHILTERRA, ECCO I CONVOCATI
Eddie Jones ha annunciato un gruppo allargato in vista dell’esordio del 4 febbraio contro l’Italia a Roma

ZEBRE: VELENI E DENUNCE PER I VECCHI SOCI
Mentre le Zebre hanno voltato pagina (troppo tardi) i vecchi amministratori sono in guerra tra di loro

RUGBYMERCATO: TOLONE, IL PROSSIMO COLPO È KAINO?
Con l’addio annunciato di Vermeulen si fa sempre più concreta l’ipotesi dello sbarco del forte All Black alla corte di Mourad Boudjellal

Annunci

Una parola di troppo per Bastareaud, un All Blacks agli Wasps e la Serie A: Le Tre di R1823

Ecco le tre notizie di cronaca ovale più importanti della giornata. I link rimandano agli articoli pubblicati da R1823 di Duccio Fumero. Queste le news di oggi, cliccate sui titoli per leggerle interamente.

POLEMICHE: BASTAREAUD DA’ DEL “FROCIO” A SEBASTIAN NEGRI
Rischia grosso il centro di Tolone, il cui insulto omofobo si è sentito nel microfono dell’arbitro ieri

RUGBYMERCATO: WASPS, IL COLPACCIO E’ SOPOAGA
Le voci degli ultimi giorni sono state confermate dal club inglese che ha fatto firmare il mediano degli All Blacks

SERIE A: ACCADEMIA IN PROMOZIONE, FLOP RECCO
Si è conclusa questo weekend la fase a gironi del campionato cadetto. Ecco le poule promozione.

Coppe europee per Treviso e Zebre, qui le formazioni. E poi i guai scozzesi: Le Tre di R1823

ph. Tiziano Pucci

Ecco le tre notizie di cronaca ovale più importanti della giornata. I link rimandano agli articoli pubblicati da R1823 di Duccio Fumero. Queste le news di oggi, cliccate sui titoli per leggerle interamente. In primo piano le formazioni di Benetton e Zebre, impegnate questo domenica e sabato rispettivamente in Champions e Challenge Cup:

CHAMPIONS CUP: TREVISO, IL XV PER TOLONE
Kieran Crowley ha annunciato la formazione che sfiderà i francesi domenica

CHALLENGE CUP: ZEBRE, FATTO IL XV PER PAU
Michael Bradley ha annunciato la formazione che sabato scenderà in campo in Francia nella coppa europea

SEI NAZIONI: SCOZIA, PROBLEMI GROSSI IN PRIMA LINEA
L’infortunio di Marfo è l’ultimo di una lunga serie e per Townsend la coperta è corta

Polemiche e rivincite: i ritorni di Padovani e Brunel

Edoardo Padovani torna alle Zebre: non mancano le polemiche e c’è chi vorrebbe che chiedesse scusa (machedavero???). Jacques è il nuovo ct della nazionale francese: da noi se n’è andato con pochi rimpianti ma il nostro miglior Sei Nazioni di sempre (assieme a quello del 2007) porta la sua firma. Se fosse stato messo nelle condizioni concesse a O’Shea… chi lo sa…
Alcune brevi riflessioni da una ventosissima spiaggia. Lo so, c’è casino, ma il video volevo farlo lì. Ci si ribecca il 30.

Zebre e Benetton, non è più tempo di sfortuna. Tutt’al più c’è da inca**arsi

Due gare diverse tra loro ma che confermano (sempre in maniera diversa) la crescita delle nostre due principali formazioni, nonostante le sconfitte. Ora c’è da fare un altro salto che non è fisico o tecnico, ma di mentalità. Un salto culturale: dimenticarsi la sfortuna 

Le Zebre per un tempo hanno fatto diventare matti i francesi del Pau, attualmente settimi in classifica nel Top 14, a soli 9 punti dalla vetta. Treviso si è vista portare via la vittoria contro il Tolone (ragazzi, il Tolone!) solo nel recupero. Questo è quello che ci consegna il fine settimana di coppe europee.
Partite diverse, avversari diversi e storie diverse. A Parma i bianconeri sono bellissimi nel primo tempo e vanno al riposo sul 30 a 7, alla fine il tabellone però dirà 33 a 38 per Pau, capace di piazzare un parziale di 31 a 3 nella ripresa e di recuperare un gap che sembrava enorme. Al Monigo invece i biancoverdi vengono colpiti a freddo da Semi Radradra, non si disuniscono e lottano punto a punto con l’armata transalpina e vengono puniti all’ultimo secondo da un piazzato di Trinh-Duc che fissa il risultato sul 29-30.

Cosa dire? Che man mano che le settimane passano quanto di buono si è visto in questo primo squarcio di stagione viene confermato. Di più: diventa più solido e importante. Cresce. Treviso a Bath aveva perso 23 a 0 pagando la sua sterilità offensiva, ma il club inglese in mischia aveva sofferto le pene dell’inferno: la sconfitta ci stava, ma quel passivo era eccessivo. I ragazzi di Crowley hanno dimostrato contro una delle squadre più forti, organizzate e complete di tutta Europa che se riescono anche a concretizzare se la possono giocare fino all’ultimo respiro con tutti, o quasi.
Le Zebre hanno un problema di rosa, con i rincalzi che non sono all’altezza dei titolari. Non al momento, almeno. Ad Agen, dove c’era stato un turn-over massiccio, la cosa era subito saltata agli occhi e il secondo tempo di Parma lo ha certificato al di là di ogni dubbio. Non è un problema da poco, le Zebre rischiano di dover lasciare sul campo diverse partite per questa cosa, gare che con una rosa un po’ più ampia e all’altezza potrebbero portarsi a casa. Tipo quella di sabato.

Un’ultima cosa, la più importante. Nei commenti post-partita di tifosi e appassionati in tanti hanno usato la parola “sfortuna” per i ko delle nostre due squadre. Qui la sfortuna conta davvero poco. Se regali un tempo a una squadra come il Pau perdere non è un colpo di sfortuna. Se subisci due mete tecniche, se la disciplina lascia a desiderare e se incassi una marcatura pesante perché hai fatto un passaggio un po’ così favorendo un intercetto la parola “sfortuna” non devi usarla. E il primo a non farlo è stato infatti coach Bradley che nel dopo-partita ha sottolineato più volte gli errori e le mancanze dei suoi uomini.
Allo stesso modo, per quello che riguarda Treviso non puoi parlare di sfortuna se commetti un fallo. Cose che capitano, certo, che fanno parte del gioco ma la sfortuna è altro, è la folata di vento improvviso che cambia la direzione di un calcio. Un fallo non è sfortuna, è un errore.
Se Treviso o le Zebre avessero vinto sarebbe stato per colpi di fortuna? No. Non parliamo allora di sfortuna per queste due sconfitte. Intendiamoci, non voglio dire che la dea bendata non incida in nessun caso ma le squadre vere (che sono quelle che ragionano in grande a prescindere dei risultati) non si aggrappano mai alle casualità e cercano sempre i perché, le responsabilità. Si cresce così. Meglio dire che i risultati di sabato ti provocano incazzature memorabili. Meno elegante magari, ma più corretto.