Sconfitte normali e sconfitte “di sistema”: i diversi ko di ragazze e U20 nel round 1 del Sei Nazioni 2017

italia-galles-u20-2017

ph. Fotosportit/FIR

L’italia è uscita dalla triplice sfida con il Galles dello scorso fine settimana con tre ko. Tre sconfitte diverse tra loro e non paragonabili, ma di cui bisogna tener conto.
Di quella degli uomini abbiamo parlato in lungo e in largo, meno invece di quella delle ragazze e dell’U20.

Quella di Jesi della nazionale femminile è quella meno problematica delle due, quella meno “di sistema”, se così si può dire. Ovviamente ct Di Giandomenico deve rivedere alcune cose, oliare dei meccanismi, capire perché il suo gruppo ha lasciato le redini in mano alle gallesi soprattutto nelle prime fasi dei due tempi, ma si tratta di un qualcosa che non ha funzionato all’interno di una squadra che ha saputo comunque reagire, macinare gioco. L’Italia femminile manca forse in un po’ di cattiveria mentale, non sa ancora aggredire una partita dal punto di vista psicologico per tutti e 80 i minuti di gioco, ma la materia prima c’è: ci sono le giocatrici. C’è il gioco. E nel nostro panorama ovale questo non è scontato. Le nuove leve hanno già dato dimostrazione di avere le carte in regola per stare con le senatrici.
L’Italia, in buona sostanza, ha “semplicemente” commesso degli errori e perso una partita, può davvero giocarsela da pari a pari con le altre formazioni. E’ chiaro che ci sono dei valori anche qui, l’Inghilterra è oggi di un altro livello, ma il Galles era avversario alla portata delle azzurre e sono sicuro che quello di sabato è un ko che ha lasciato molto amaro in bocca a capitan Barattin e compagne. Domenica a L’Aquila la sfida a quell’Irlanda che per noi rappresenta finora un tabù ma che anche secondo la responsabile FIR del settore Maria Cristina Tonna, come ha raccontato a questo stesso blog, non è più una montagna impossibile da scalare.

Poi c’è l’U20, e qui il discorso cambia un po’. Perché davvero siamo probabilmente al miglior gruppo degli ultimi anni, ma proprio per questo non possiamo accontentarci di prestazioni come quella di venerdì scorso a Legnano. Ivan Malfatto sul Gazzettino di lunedì sottolineava alcune “relazioni pericolose”:

Graulhet (Francia), 27 marzo 2015: Italia under 18 batte Galles 14-13. Legnano (Milano), 3 febbraio 2017: Galles under 20 batte Italia 27-5. Sono passati solo due anni, ma pare un secolo. Gli Azzurrini che all’Europeo superarono i gallesi, approdati alla categoria superiore sono stati spazzati via nell’esordio al Sei Nazioni. (…) resta la valutazione negativa di vedere allargato in due sole stagioni il gap da 1 a -22 con la stessa generazione (classi 1997/98) e diversi degli stessi protagonisti (9 italiani e 5 gallesi in entrambe le sfide; 13 azzurrini dell’under 18 oggi in rosa).

Un gruppo di ragazzi che per un paio d’anni hanno raccolto scalpi importanti (non solo il Galles ma anche Argentina, Francia, Irlanda) e che al momento di dimostrare di poter fare davvero il salto di qualità in una categoria dove abbiamo raccolto pochissimo invece si impianta bene o male sugli stessi errori di sempre.
Vero è che la sensazione lasciata dagli azzurri è che possono davvero fare meglio di così, e che ovviamente ogni giudizio dopo solo 80 minuti di gioco non può che essere parziale, va preso con le proverbiali pinze. Però a naso si intuisce che quello dell’U20 è un ko più legato ai nostri annosi ritardi rispetto ai pari età gallesi, inglesi, eccetera eccetera.
Il duo Orlandi/Troncon ha praticamente deciso di giocare la sua prima partita di questo Sei Nazioni 2017 solo con gli avanti: scelta tattica, legata alle condizioni meteo e del campo o perché i nostri trequarti non possono garantire le stesse opzioni che hanno gli altri? Le risposte arriveranno nel proseguimento del torneo, nelle prossime partite capiremo se davvero il gap che ci frena viene scavato a quell’età.
E in questo senso non si può non rilevare che i 23 gallesi schierati una settimana fa a Legnano giocano tutti nelle academy delle franchigie celtiche del loro paese. Tutti tranne uno, che però veste la maglia del Gloucester. E i 23 irlandesi che lo scorso venerdì hanno superato la Scozia in trasferta (e che l’Italia affronterà venerdì a Prato) sono tutti collegati a Leinster, Munster, Connacht e Ulster. Nessuno dei nostri ragazzi ha invece annusato l’ambiente del Pro12. Questa cosa non può non pesare.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Rugby femminile, Sei Nazioni, Under 20 e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

78 risposte a Sconfitte normali e sconfitte “di sistema”: i diversi ko di ragazze e U20 nel round 1 del Sei Nazioni 2017

  1. AdG ha detto:

    Il post pone tutti i quesiti possibili. Meno uno, siamo sicuri che a livello di talento parliamo di giocatori che si equivalgono in tutti i 23 elementi schierati?
    Che poi sia il miglior gruppo degli ultimi anni è vero e lo si è visto nello svolgersi della partita. Il paragone con quanto successo nei due anni precedenti (U18) è indicativo, ma non può avere valore assoluto. Di certo se contiamo il n° di allenatori che seguono i ragazzi Gallesi e i nostri siamo di fronte ad un confronto impari a favore dei primi e visto che anche in U20, ormai sono i particolari a fare la differenza questo conta moltissimo.

    • speartakle ha detto:

      “Sconfitte normali e sconfitte di sistema”:

      “Di certo se contiamo il n° di allenatori che seguono i ragazzi Gallesi e i nostri siamo di fronte ad un confronto impari a favore dei primi e visto che anche in U20, ormai sono i particolari a fare la differenza questo conta moltissimo.”

      Di sistema.

      • AdG ha detto:

        Non credo che ci possa essere qualche dubbio in propostito. Ma già che ci siamo vediamoli anche quali sono, nel concreto, queste lacune. Del resto se la dichiarazione di O’Shea più recente è stata ” Sono venuto per traghettare l’Italia nel professionismo” non mi pare ci possano essere dubbi sul fatto che qualche struttura vada modificata. Non credi?

      • speartakle ha detto:

        Bene, quindi mi fa piacere che si sia d’accordo, io te e Paolo.

  2. Mr Ian ha detto:

    Io invece penso che la sconfitta della femminile sia proprio quella più di sistema, inteso come organizzazione di una nazionale ad un evento fondamentale come il 6N. Si vedeva dall inizio che il Galles era una squadra organizzata e strutturata nel gioco, tecnicamente non superiore all Italia ma di sicuro con un game time collettivo invidiabile, 3 tm prima del debutto di sabato…
    Alcune scelte di gioco soprattutto nel secondo tempo quando c’era la possibilità di segnare la meta, si sprecava il possesso con una scelta di gioco visibilmente improvvisata.
    Quando all U20, ancora dare un giudizio è prematuro, il talento anche se a sprazzi si vede. Una domanda mi sorge spontanea, ma i coach oltre al gioco degli avanti, hanno mai avuto altre alternative?? Il meteo era brutto per entrambe, eppure quando i nostri centri erano serviti riuscivano sempre a prendere il vantaggio.
    Quanto al numero degli allenatori che seguono i ragazzi, non so se siano pochi i nostri, in fondo partendo dal club, ai cdf alle accademie c’è una miriade di allenatori che seguono i ragazzi, il problema fondamentale è quanto questi siano specializzati.

  3. Mr Ian ha detto:

    O.T. Rennie che già fa fuori Favaro per portarsi qualche giocatore dai Chiefs, peccato per Simone, penso dietro al mancato rinnovo ci siano parecchi fastidi fisici, ma di sicuro gli acquirenti non mancheranno..

  4. kinky ha detto:

    Dai su, vedete…siamo alla prima partita e già supercrocefissi. Cioè spiegatemi, Ivan Malfatto ha scritto che l’Italia U20 è stata spazzata via dal Galles? Allora:opziona A Ivan Malfatto non ha guardato la partita; Opzione B non capisce un cazzo di Rugby; Opzione C non ha mai giocato a Rugby…che provi a chiedere ad uno dei ragazzi che erano in campo “hei come mai siete stati spazzati venerdi sera” e vedete con che naso si ritrova perchè i ragazzi venerdi tutto gli si può dire ma che siano stati spazzati via. Questa è una cazzata grande come il TrumpTower! Queste polemiche si possono denunciare a torneo finito oppure dopo almeno 3 partite disputate, non certo per una partita che tra l’altro fa sempre storia a sé!
    Paolo ti chiedo esplicitamente: siamo stati spazzati via? Mi basta sapere un semplice si o no. Sono curioso della tua valutazione.
    Che lo staff tecnico non sia adeguato può essere benissimo, perchè alla fin fine l’attacco è diretto allo staff tecnico e tutta la struttura delle giovanili ma usare come mezzo una singola partita e sopratutto i ragazzi propio no, non lo posso accettare.

    • kinky ha detto:

      Aggiungo, prendiamo la nazionale femminile e facciamo lo stesso ragionamento che Malfatto ha fatto con la U20: l’anno scorso la nostra nazionale ha vinto 16-12, quest’anno abbiamo perso 8-20 e siamo passati da +4 a -12 (differenza punti 16) ma addirittura due anni fa vincemmo 22-5…quindi siamo passati in due anni da +17 a -12!!! Ecco, alla prima partita affermare ste cose non vi sembra un po’ riduttivo e poco rispettoso nei confronti della squadra? O meglio se adesso dicessi che sono state spazzate via dal Galles e non si può passare da +17 a -12 in due anni cosa mi direste?
      Dai su, aspettiamo qualche partita per poi poter giudicare in maniera oggettiva.

      • AdG ha detto:

        E’ comunque un ottimo gruppo, quello degli U20 e va messo nelle condizioni perchè:
        1) possano dare il massimo possibile
        2) possano fare un’esperienza positiva e formante che resterà per sempre nella loro vita di sportivi e di uomini
        Orlandi e Troncon hanno bisogno di ulteriore supporto più che di essere licenziati.

      • kinky ha detto:

        Ciao AdG, in teoria quest’anno ce l’hanno. Lo stesso Orlandi due settimane ammise che Aboud è una sorta di DoR per l’Under20!

      • Maxwell ha detto:

        @kinky
        Io ammetto anche di non capire un cazzo di rugby.
        Ero a Legnano e non ho voluto rivedere la partita sul PC quindi ti parlo di sensazioni e ricordi.
        – ci hanno rullato per un quarto d’ora, poi un’azione nei 22 e abbiamo fatto meta.
        Poi ci hanno rullato per 25 minuti, il possesso (sempre a sensazione) sarà stato del 75% e hanno fatto meta e calcio.
        -2t
        2 calci in 3 minuti buttati nel cesso che si poteva andare a 8
        -rullati per 35 minuti. Entrate nei loro 22 : 0 (zero)
        Poi se il discorso è che per la nostra annata d’oro …… “vedrete che riusciremo a vincerne una”…….ok ……. abbiamo idee diverse.

      • kinky ha detto:

        Ciao Maxwell, qui anche secondo te, come intende Malfatto, siamo stati spazzati via?

      • Maxwell ha detto:

        Io dico che nel 2T in 36 minuti siamo entrati nella loro metà campo 4 volte.
        Mai nei loro 22.
        1 touche persa da ########## presso i 22 sul 5-20
        Tu come lo chiami ? Io mi adeguo a te.
        Che poi l’allenatore valga poco ( mia opinione, non giudizio ) e la maggior parte dei ragazzi abbia le emorroidi da panchina di eccellenza è un altro discorso

  5. carpediem ha detto:

    Come già scritto, a veder mio il materiale sembra buono, il cuoco meno-Troncon ha un curricula imbarazzante: se non si voleva continuare con Brunello nella prosecuzione logica della U18, al momento dell’arrivo di COS &co si doveva trovare un tecnico all’altezza della situazione.

    • fracassosandonà ha detto:

      Ferma la rispettabile e libera scelta fatta da Brunello, non sarà mai dato a sapere, se non a lui e a pochi, quali proposte avesse avanzato il presidente della federazione alternative a quelle offerte dal presidente del calvisano.

      • Maxwell ha detto:

        La realtà triste è che i Guidi e i Cavinato hanno avuto l’occasione U.20,Città del Capo, Franchigia.
        In teoria il tecnico U.20 dovrebbe essere migliore del tecnico U.18
        Invece a Città del Capo ci sta Brunello.
        Siccome a Città del Capo ne capiscono di rugby, Troncon deve valere quanto una moneta da 5 centesimi bucata.

      • Maxwell ha detto:

        P.S.
        In genere i tecnici bravi cercano di far carriera fuori…….
        La mia personalissima opinione è che se Troncon avesse un po di dignità cercherebbe un qualsiasi posto dai suoi amici Michelin, anche a 1.100,00 euro al mese. …… da subito !

      • Mez10 ha detto:

        Severo, ma giusto!

  6. Stefo ha detto:

    Cormazione Irlanda U20:
    Ireland U20 (v Italy):
    15. Colm Hogan (Dublin University/Munster)
    14. Jordan Larmour (St.Mary’s College/Leinster)
    13. Gavin Mullin (UCD RFC/Leinster)
    12. Ciaran Frawley (UCD RFC/Leinster)
    11. Calvin Nash (Young Munster/Munster)
    10. Johnny McPhillips (Ballynahinch/Ulster)
    9. Johnny Stewart (Queen’s University/Ulster)
    1. Joey Conway (UL Bohemians/Munster)
    2. Tadgh McElroy (Lansdowne FC/Leinster)
    3. Charlie Connolly (Dublin University/Leinster)
    4. Fineen Wycherley (Young Munster/Munster)
    5. Oisin Dowling (Lansdowne FC/Leinster)
    6. Cillian Gallagher (Corinthians/Connacht — captain)
    7. Paul Boyle (Lansdowne FC/Leinster)
    8. Caelan Doris (St.Mary’s College/Leinster)
    Replacements:
    16. Adam Moloney (Shannon RFC/Munster)
    17. Rory Mulvihill (UCD RFC/Leinster)
    18. Matthew Burke (Corinthians/Connacht)
    19. Jack Regan (UCD RFC/Leinster)
    20. Gavin Coombes (Young Munster/Munster)
    21. Jack Lyons (Young Munster/Munster)
    22. Conor Fitzgerald (Shannon RFC/Munster)
    23. Tommy O’Brien (UCD RFC/Leinster)

    Solo due cambi rispetto alla formazione che ha giocato in Scozia. Calvin NAsh al posto dell’infortunato capitano Kelly con Hogan che va estremo e Nash all’ala…ha giocato nel recupero del Pro 12 la scorsa settimana Nash…unico ad aver giocato in campo in Pro 12 fino ad ora, che gli altri ahnno esperienze in B&I Cup al massimo.
    Altro campio il pilone destro dove Connolly sara’ titolare al posto di Cooper. Connolly e’ stato uno dei pochi positivi dei 6 impeigati in prima linea Venerdi’ scorso, con lui in campo l’Irlanda ha avuto un minimo di solidita’ in mishcia ordinata che fino al suo impiego era stata distrutta.

    Come gia’ detto la scorsa settimana in mischia ordinata abbiam subito, non so se Connolly da solo basti, dubito. Abbiam subito anche in maul nel primo tempo, un po’ meglio nel secondo. Davanti al di la’ di queste cose Doris si e’ confermato il bel talento prospettato nonostante la giovane eta’, Gllagher ha fatto quello che poteva e da un certo punto ha guidato piu’ lui con la sua esperienza la squadra che Kelly. Non male anche Dowling quando impiegato come ball carrier.
    Dietro non pervenuti in attacco i talenti Larmour e Mullin (olre a Kelly che peor’ non ci sara’), sui centri in difesa abbiam sofferto parecchio, io ofrse non avrei confermato Frawley, mentre McPhillips ad apertura ha fatto tuto somamto una buona partita, anzi e’ stato proprio il suo piede sia sui piazzati ma ancor piu’ sul calcio tattico a tenerci a contatto oltre a qualche spreco scozzese di troppo.

    @Paolo: novita’ sulla copertura TV/online? Qui RTE non la da in programma

    • il grillotalpa ha detto:

      nessuna novità, credo che alla fine andrà ancora su TRC

    • malpensante ha detto:

      Analisi condivisa: i cambi sono stati determinanti e, come ci dicevamo dopo la partita, Connolly il più importante sempre che si possa giudicare la prestazione del singolo dal miglioramento della chiusa. Ma a occhio viene naturale pensarlo. Quanto ad Aboud sai cosa ne penso, ma è inutile discuterne visto che tutti conoscono alla perfezione lui, il lavoro fatto in Irlanda e così via. Per non parlare di cosa siano le academy che con le nostre hanno in comune solo la traduzione del nome. Si sa mai che faccia una fine più utile delle stats dei calciatori (che tanto Canna è un gran cecchino, Allan uno scarpone e Orquera neanche a nominarlo), metto lì un minimo di informazione. I miei sono questi qua: Nash, che ha esordito in Celtic settimana scorsa, è uno che compie tra un po’ un anno di academy, come Coombes (per me un filo macchinoso ma è il miglior 8 giovane in circolazione per la Provincia) e Wycherley. Lyons, Conway, Moloney , Conor (per cui stravedo, solito vizio) non sono in accademia dove però c’è il fratello Stephen che di anni va per i 22. Proprio preciso preciso al nostro modello di selezione (formazione deche?) e di accademie, no?

  7. AdG ha detto:

    Ognuno ha i suoi incubi notturni, qualche utente di questo Blog è ossessionato dalla carriera di Brunello. Chissa perchè di fronte ad un tecnico federale che vuole andare ad allenare nel massimo campionato italiano, il presidente federale dovrebbe impedirgli questa esperienza.

    • Maxwell ha detto:

      Finché G. siede sulla poltrona ci sarà sempre gente che parla.
      Giusto o sbagliato che sia, è il gioco delle parti.
      Io sono contento di G. e Cos (anche se G. dovrebbe avere un “DoR amministrativo” e reputerei una iattura avere Innocenti e Munari.
      Opinioni opinabili……
      Nello sport ci siamo già passati con Agnelli e Galliani presidenti di lega calcio ad esempio.

  8. fracassosandonà ha detto:

  9. il Camerlengo ha detto:

    con questo post, dove hai linkato una filastrocca per augurare la morte di qualcun’altro,hai dimostrato soltanto di essere un poveraccio di infima categoria

    • fracassosandonà ha detto:

      la malizia è negli occhi di chi legge… a me sembra che la filastrocca faccia le sue considerazioni ma che non auguri proprio niente a nessuno…
      quanto a quell’altro, non sarà certo la sua insignificante presenza e pervicacia provocatoria a rovinarmi il piacere di leggere questo sito…

  10. AdG ha detto:

    Egregio Massimo Brunello,
    mi presento. Sono un autorevole commentatore di blog.Gli utenti di uno di questi mi hanno eletto addirittura come loro rappresentante. Tengo a precisare che si tratta di un incarico senza emolumenti e compensi.
    Da due anni mi angoscia un fatto e mi permetto pertanto, in ragione anche della carica che ricopro, di chiederle dei chiarimenti.
    Io le chiedo di rendere pubblica, la controfferta , se c’è stata, della FIR nel momento in cui il Calvisano Le ha chiesto di diventare capo allenatore della società.
    Il non conoscere i particolari del suo passaggio da allenatore della nazionale U18 e responsabile dell’Accademia di Mogliano ad allenatore del Calvisano mi sta rendendo la vita impossibile. Mi sveglio spesso di notte in preda ad incubi feroci e il fatto di passare nottate insonni mi rende poco lucido durante il giorno.
    Vede, io e alcuni amici, avremmo preferito che Lei fosse rimasto ad allenare i ragazzi dell’U18 e non ci interessa molto del fatto che Lei l’anno scorso abbia disputato la finale scudetto e quest’anno sia , imbattuto, in testa al campionato . Vede noi riteniamo l’eccellenza un campionato dello stracaxxo e siamo sicuri che Lei abbia accettato l’incarico di allenare il Calvisano solo per le improprie pressioni del presidente federale.
    Nella speranza che Lei possa aderire a queste mie richieste l’occasione mi è gradita per porgerle i miei più cordiali saluti

  11. Da ha detto:

    Brunello o meno, quanti anni sono che la nostra Under 20 non è all’altezza della competizione?
    Aboud è l’uomo giusto per far crescere il nostro settore giovanile, il suo lavoro con l’Irlanda è li a dimostrarlo.
    Ora, tenendo presente che un sistema collaudato non lo costruisci in 6 mesi ma in almeno 6 anni, tanto vale cercare di avere pazienza.
    Poi, che sia meglio collegare le accademie alle franchigie come fanno altri per abituare i giovani talenti all’alto livello, beh, io penso sia una buona idea..

    • 6nazioni ha detto:

      altri sei anni non bastano i 10 passati, spesi milioni di euro senza risultati.
      dica al sig. Aboud di non sentire le sirene della f.i.r. ma di andare personalmente
      dal 19/02/2017 nei vari campi di rugby dove si gioca il torneo u.20 elite’ li c’e’ sicuramente da visionare ragazzi x il RUGBY. inizi con il girone 1, poi il girone 2, il
      girone 3,girone 4.

  12. Fiumi ha detto:

    Salve a tutti,
    da anni vi leggo con piacere, sia di “là” che di qua, ridacchiando di fronte alle schermaglie verbali tra alcuni di voi, certo che, seduti a guardare una partita e con in mano un birra, arrivereste presto a delle idee comuni e condivise. Mi piacerebbe sapere, però, a fronte di così tanta visione nefasta da una parte e speranzosa dall’altra, cosa fate di concreto, di reale, per fare in modo di portare il nostro rugby ai livelli a cui tutti aspiriamo. Cioè sapere se e come siete impegnati nel mondo rugbystico. Non è una provocazione, tengo a precisarlo, ma solo una mia vecchia curiosità. Buona continuazione a tutti e buon rugby.

    • AdG ha detto:

      Un emerito caxxo caro Fiumi, ma questa è la spensierata leggerezza del blog. Qualche volta alcuni di noi utenti alza il culo dal divano e si va allo stadio, ma già questo è uno sforzo sovrumano. In compenso conosciamo perfettamente lo know-how per portare in un battibaleno il rugby italiano a livello di quello gallese, se solo qualcuno ci desse retta. Buon ultimo, siamo bravissimi nell’insultare coloro che ogni giorno spendono tempo e soldi per tenere aperte società e club House. Ma il meglio di noi lo diamo in occasione delle elezioni federali dove chi non la pensa come noi altro non è che un pecorone portatore di voti. Forse adesso che ci penso, tu potresti essere uno di quelli.😎😎😁😁

    • Gianni berton ha detto:

      Ciao Fiumi.
      Leggo con piacere il tuo post.
      Non mi interessa sapere se sei un troll o meno e su quale…fiume navighi.
      Trovo che hai fatto bene ad esporre questa domanda in quanto sia qua, che soprattutto ” di la “, in troppi si prendono troppo sul serio.
      Tra l’altro ritenendo di essere i divulgatori del verbo ed i depositari della verità.
      Personalmente non sono impegnato in niente, nel rugby, se non per ritrovarmi, soprattutto al Monigo, con svariati amici conosciuti per merito di PW.
      Però, a me piace molto la figa.
      😎😂👍👏👏✌️😍😍😋😋

    • fracassosandonà ha detto:

      Faccio il papà del minirugby nei concentramenti e nei tornei e il pubblico pagante il sabato/domenica pomeriggio alternativamente tra Treviso, Eccellenza, girone 3 di A e B, U20 Elite, dove capita, quando capita e se capita. Mediamente due partite al mese riesco a vederle.
      Mia moglie fa tre lavatrici a settimana e la tassista.
      Consumo parecchie birre in club house.
      Vedo la nazionale una volta all’anno e neanche tutti gli anni. Vedo pure l’U20 se capita vicino.
      Faccio la mia parte.

      • Jock ha detto:

        Almeno hai ammesso che bevi anche molto. Inoltre, aggiungerei, hai presentato venti volte circa, nel corso degli anni e a tutti noi, il tuo concittadino Ciccio Zanusso, con comodo di tutta la famiglia.😜

    • Mamo ha detto:

      Ciao Fiumi,
      il saluto a te è occasione per salutare anche gli amici del Monigo (Jock, Berton e Fracasso – gli altri non mi pare siano ancora intervenuti qui oggi) cosa faccio per il rugby ? Fumo nervosamente allo Stadio, al Campo e davanti alla TV.
      Considera che su ogni pacchetto grava un’accisa di circa il 70 % per cui contribuisco direttamente e lautamente alle Casse del Tesoro che quindi può erogare al CONI circa 400 milioni all’anno e quest’ultimo ne gira circa 2.600.000 alla FIR.
      Ecco, come vedi Fiumi, io do molto al Rugby e, grazie al mio tabagismo, garantisco una certa continuità e sicurezza economica che è alla base per mantenere, migliorandolo, il movimento.

      • Fiumi ha detto:

        Mi spiace che qualcuno l’ha presa sul personale ma non intendevo ASSOLUTAMENTA offendere nessuno. Non era mia intenzione. Anche io come tanti, ho seguito i figli durante il loro percorso nel mini rugby, se riesco vado a vedere l’Eccellenza, rarissimamente il PRO12. Ho avuto la fortuna di vedere la nostra nazionale alcune volte nei test match autunnali, mai però nel 6N. Sono Dirigente di una società, tiro lo righe prima delle partite, porto le borse con le maglie, organizzo il terzo tempo pantagruelico tipico della mia società. Ma tecnicamente zero. Mi spiace. Leggo solo chi ne sa piu di me.

      • Mamo ha detto:

        Sono l’ultimo arrivato ma, per quanto mi riguarda, che tu sia il benvenuto Fiumi 👍

      • Jock ha detto:

        @Fumi: per prima cosa, sinceri complimenti per quanto fai, con impegno e sacrificio, credo. Sei stato simpatico e, se posso, molto cortese, a presentarti così, sia inteso senza degnazione alcuna. Mi permetto di interloquire, a riguardo. Nessuno si è offeso, siamo un gruppo di amici che, oltre commentare, si prende abbastanza in giro, qui, e allo stadio. Vecchi supporter e giocatori. Comunque, per certo, non hai offeso nessuno. Ad ogni modo, se vuoi coprire di contumelie figuri come @mauro, @gimomonza, @bangkok, @maxwell, @fracasso, @rabbidaniel e, massimamente, @mamo, @giovanni, e @ Gianni berton, e, per il primo il sottoscritto, sappi che, senz’altro altro, se lo meritano. 😂😎😜Solo, nel caso di @malpensante, che è di un mileu culturale ben differente, penso sia necessario rivolgersi a lui a mezzo del suo maggiordomo Arcibaldo.

      • Jock ha detto:

        @mamo, sai leggere? @giovanni e @rabbi, non li saluti?

      • Fiumi ha detto:

        AVero ancora due cose da svelare. Ovviamente tutte a mio sfavore. Cioè non è che porto i calzini bianchi con i sandali, ma, come dire, sono tra quelli che non ha mai giocato ed in aggiunta, scusate ancora, sono di Brescia. 😥😎

      • Fiumi ha detto:

        *avrei

      • AdG ha detto:

        Fiumi, il fatto che tu sia bresciano è fuor di dubbio un aggravante del tuo essere uomo di rugby
        Che non ti scappi detto che una volta nella tua vita hai incrociato Gavazzi in piazza Vittoria perché sarebbe la tua fine.

      • Mamo ha detto:

        Rabbi ! Giovanni ! 🤗🤗🤗

      • Fiumi ha detto:

        L’ho visto passeggiare solitario al San Michele. Mi ha fatto malinconia.

      • malpensante ha detto:

        Mi ha telefonato A., ti saluta

  13. Giovanni ha detto:


    Dal minuto 3:22…

    • Gianni Berton ha detto:

      Ciao Venezuela.
      Si, sono bravo sul divano. Soprattutto se e’ lungo e comodo.
      Cmq me la cavo anche in piedi ed in altre posizioni.
      Però preferisco star sotto, se no mi viene mal di schiena.
      Certo che, come animali, preferisco su tutti, la pecora.
      A confronto di quella bestia di Jock che, causa il salso, preferisce dromedari e bracocefali… 😎👌👍😎

      • malpensante ha detto:

        Signor Berton, stia al tema e resti in Italia anziché menar il can per L’Aia: la domanda che le pongono dal Venezuela richiede risposte altrettanto chiare per quanto eventualmente circoncise. E non ci venga a raccontare che per “alzare il livello” della suddetta la soluzione sia votare per lei e il suo ingannevole slogan “più tacchi per tutte”.

      • Giovanni ha detto:

        Alzare il passaggio a livello…?

      • Jock ha detto:

        @ Gianni, dromedari e cammelli hanno un sex appeal che levati.

  14. Gianni berton ha detto:

    Signor Malpensante, non vesta i panni del benpensante !
    Intanto ho studiato alla Scuola Radio Elettra e so benissimo che Venezuela e’ una abitante di Venezua, concittadina del reprobo Jock.
    Aggiungo che non mi sogno neanche più di recarmi all’estero, tipo Villach, per fornicare.
    Meglio restare nel Veneto dove si può trovare una più comoda e riservata canonica… 😋😋😋😋
    Tenga conto che non mi interessa alzare il livello della discussione : mi basta che si alzi il mio…😎😎
    Noi de Il Rugby & Le Tette abbiamo un unico slogan : viva il clito che ride. Non certo il Suo.

    A latere per il fratellone Jock :
    passi per i cammelli. Quelli che ti fregano sono i facoceri ! 😂😂😂😍😍😍

  15. Gianni berton ha detto:

    Ah, scusami Fiumi, ti devo una risposta.
    La mia era una battuta, fatta solo perché ci sono vari troll che ogni tanto si fanno vivi.
    Asta l’asta.
    Ciao.

  16. Sergio Martin ha detto:

    Noto con piacere che ormai se “campa de prepotenza” in stereofonia, un po’ qua e un po’ la’😄
    Un saluto a @Fiumi, che è uno dei benemeriti che tirano la carretta…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...