Il fast food del weekend: conferme da Zebre e Benetton, due coppe un po’ così e nubi su Italia-Australia

La Challenge Cup ci dà altre risposte sulla crescita di Treviso e le inevitabili magagne bianconere. Poi i risultati di Continental Shield e Coppa Italia e – dulcis in fundo (mode sarcasmo: on) – un problema non da poco per il test-match di Padova

Cosa diciamo da almeno un anno a questa parte? Che le Zebre non possono prescindere da quei 15-18 uomini, quelli che da queste parti definisco “i titolarissimi”, senza i quali il livello della squadra scende parecchio (troppo) e ne risente spesso anche l’approccio alle partite. Così a un Bristol non trascendentale bastano poco più di 20 minuti per chiudere la pratica e alla fine si va sotto la doccia con un comodo 43 a 22 per gli inglesi. Anche la prima trasferta di Challenge Cup ad Agen, un anno fa, era finita più o meno così, insieme alle altre gare giocate lontane da Parma. In casa l’andazzo cambia, magari si vince poco ma le partite sono più serrate e combattute. Come dicevo prima: l’approccio mentale è diverso. La crescita di una squadra si misura anche da questo e le Zebre confermano anche questo fine settimana quanto il loro cammino sia ancora lungo.

Il Benetton Treviso, sempre in Challenge Cup, ha dato una bella ripassata al Grenoble: 40 a 14. La squadra francese viaggia nella parte bassa del Top 14, più o meno nelle stesse acque del Bristol in Premiership, e magari non è arrivata al Monigo con la voglia di spaccare il mondo, cosa che non è così inusuale con le formazioni transalpine nella prima fase di questa competizione, ma oggi i biancoverdi sono l’altra faccia della moneta su cui campeggiano le nostre due squadre celtiche. Treviso sa quello che vuole e sa come ottenerlo, non sempre ci riesce ma l’atteggiamento mentale è quello giusto. E’ una squadra solida che tiene i piedi per terra ma sa che un primo salto di qualità vero può arrivare quest’anno. Non è detto che ce la faccia, non è automatico, ma ha tutte le carte in regola.

Tra sabato e domenica si è giocata la prima giornata della terza coppa europea, la Continental Shield. Una competizione tutta da decifrare nei suoi reali valori ma che dà non poche possibilità a una delle squadre del nostro massimo campionato nazionale di giocare il prossimo anno in Challenge Cup (scalino a mio modestissimo parere esageratamente alto per noi). Calvisano dopo i due ko consecutivi in Top 12 va a vincere in Georgia per 6-17 in casa del Locomotive Tbilisi , Rovigo e Petrarca pareggiano 34 a 34. Rossoblu che non si fanno mancare l’ennesimo “caso” con le pubbliche accuse del tecnico Casellato a Momberg.

Per la serie “cose dalla dubbia utilità che cambiano nel nome ma non nella sostanza” si è giocata la prima giornata della Coppa Italia, ex Trofeo Eccellenza. Questi i risultati
Girone 1
Valsugana Rugby v Lafert San Donà 34-14
Verona Rugby v Mogliano Rugby 1969 48-7
Classifica: Verona 5, Valsugana 5, Lafert San Donà 0, Mogliano Rugby 1969 0
Girone 2
S.S. Lazio Rugby 1927 v Valorugby Emilia 18-19
Rugby Viadana 1970 v Toscana Aeroporti I Medicei 22-17
Classifica: Rugby Viadana 1970 4, Valorugby Emilia 4, S.S. Lazio Rugby 1927 1, Toscana Aeroporti I Medicei 1

Last but not least: il pasticciaccio brutto di Italia-Australia. Velocissimo recap: lo stadio Euganeo di Padova, che il prossimo 17 novembre deve ospitare il test-match tra azzurri e wallabies, ha problemi di sicurezza che da mesi ne limitano la capienza, partite di calcio comprese. La Questura della città veneta per la sfida tra azzurri e wallabies vuole limitare l’afflusso di tifosi a 9mila unità (un terzo circa della sua reale capienza), ma i tagliandi già venduti per la partita in questione sono già oltre 10mila. Il problema non si è presentato improvvisamente, se ne parla già da settimane ma finora non si è cavato un ragno dal buco. Un mese fa, più o meno, ho chiesto notizie a fonti federali che mi avevano garantito che per Italia-Australia non ci sarebbero stati problemi e la capienza disponibile sarebbe stata quella massima: evidentemente però non è così, non a oggi almeno.

2 risposte a "Il fast food del weekend: conferme da Zebre e Benetton, due coppe un po’ così e nubi su Italia-Australia"

  1. fracassosandonà

    discorso da lettore di cronaca locale…

    da quando l’Euganeo ha ospitato Tonga 2016 e SAF 2017 non mi risulta siano cambiate le norme di sicurezza né la struttura dello stadio, dovrebbe essere cambiato solamente il questore…

    lo stesso stadio teneva al massimo 9000 spettatori di calcio (forse anche meno) anche gli anni scorsi, ma è un impianto da oltre 30.000 posti…
    per la nazionale di rugby è sempre arrivata la deroga che il questore attuale sembra non voler concedere…

    per spiegarsi, uno stadio come il Monigo, che è un gioiellino, non è idoneo ad ospitare partite di calcio dilettantistico in quanto privo delle misure di sicurezza minime richieste per ospitare il pubblico della pallatonda…
    tiene invece serenamente 5000 rugbisti, armati di bottiglie di vino, tagliere e coltello per tagliare la soppressa…

    se come sembra il nuovo questore pretende l’installazione di telecamere per il telericonoscimento biometrico degli spettatori mi sa che la partita si giocherà davanti a pochi intimi…
    non ci sono i tempi tecnici per l’installazione di un impianto del genere né credo che una giunta possa impegnarsi a spendere d’urgenza un centoerotti mila euro dall’oggi al domani senza che ve ne siano i presupposti…

  2. Gysie

    Poiché non avevo messo in conto di andare a Padova…mi dedico ad altro. Nota sulle Coppe europee e specialmente sulla Challenge. A parte un paio di club francesi quest’anno la competizione è stata presa abbastanza sul serio da tutti: certo, la prima squadra al completo è stata schierata solo da Northampton e Clermont, ma tutte le altre hanno messo in campo formazioni con un sufficiente numero di titolari. E del resto anche nei campionati non si è ancora visto un turnover selvaggio. Né può essere omesso che il Pro14 esce decisamente rafforzato da questo primo turno, al netto delle sconfitte interne di Scarlets e Glasgow, che peraltro hanno affrontato due dei contendenti più accreditati per la vittoria finale. Ma già il pareggio di Munster a Exeter, fino a sabato uno schiacciasassi, riequilibra il bilancio. In realtà, pare che la Champions sia un affare per squadre che sono abituate a giocarla ad alto livello (con l’eccezione del Tolone…ma lì hanno problemi ben più seri).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.