Tag: Gloucester

Zebre di recupero, i quarti di finale delle coppe europee e la finale del Trofeo Eccellenza: un sabato ricco di rugby!

Programma davvero intenso questo sabato: in campo Zebre-Connacht, i primi due quarti di finale di Champions Cup (Leinster-Wasps e Munster-Tolosa), altrettanti di Challenge, la Qualifying Cup che ora si chiama European Rugby Continental Shield con il Mogliano che ospita l’Enisei e la finale del nostro Trofeo Eccellenza tra Viadana e Fiamme Oro.

GUINNESS PRO12, Zebre-Connacht (15.30)
Partita che si doveva disputare a settembre ma che il maltempo ha interrotto tra primo e secondo tempo. Connacht che è settimo e che ormai ha poco o nulla da chiedere alla stagione, bianconeri che invece inseguono una vittoria quest’anno arrivata solo una volta. George Biagi torna capitano, Canna e Violi in cabina di regia, centri saranno Bisegni e Boni con Lovotti, D’Apice e Chistolini che occuperanno la prima linea. Nessuna copertura tv.

Zebre:  15 Dion Berryman, 14 Kayle Van Zyl, 13 Giulio Bisegni, 12 Tommaso Boni, 11 Lloyd Greeff, 10 Carlo Canna, 9 Marcello Violi, 8 Federico Ruzza, 7 Derick Minnie, 6 Joshua Furno, 5 George Biagi (c), 4 Gideon Koegelenberg, 3 Dario Chistolini, 2 Tommaso D’Apice, 1 Andrea Lovotti
Riserve: 16 Sidney Tobias, 17 Andrea De Marchi, 18 Pietro Ceccarelli, 19 Valerio Bernabò, 20 Oliviero Fabiani, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Matteo Pratichetti, 23 Edoardo Padovani
Connacht: 15 Josh Rowland, 14 Danie Poolman, 13 Tom Farrell, 12 Bundee Aki, 11 Stacey Ili, 10 Jack Carty, 9 John Cooney, 8 John Muldoon (c), 7 Eoin McKeon, 6 Sean O’Brien, 5 Andrew Browne, 4 Quinn Roux, 3 Finlay Bealham, 2 Tom McCartney, 1 Denis Buckley
Riserve: 16 Dave Heffernan, 17 Ivan Soroka, 18 Dominic Robertson-McCoy, 19 James Cannon, 20 Eoghan Masterson, 21 Caolin Blade, 22 Craig Ronaldson, 23 Eoin Griffin

 

CHAMPIONS CUP
Leinster-Wasps (ore 16.15, diretta su SkySport 2)
Qui entriamo nelle partite imperscrutabili, di pronostico quasi impossibile. Si gioca a Dublino, in casa della squadra prima in classifica nel torneo celtico, ma ad arrivare è la formazione che sta guidando il campionato inglese… Partita imperdire, che probabilmente sarà decisa dai dettagli.

Leinster: 15 Joey Carbery, 14 Adam Byrne, 13 Garry Ringrose, 12 Robbie Henshaw, 11 Isa Nacewa (c), 10 Johnny Sexton, 9 Luke McGrath, 8 Jack Conan, 7 Seán O’Brien, 6 Dan Leavy, 5 Hayden Triggs, 4 Devin Toner, 3 Tadhg Furlong, 2 Richardt Strauss, 1 Jack McGrath
Riserve: 16 James Tracy, 17 Cian Healy, 18 Michael Bent, 19 Ross Molony, 20 Josh van der Flier, 21 Jamison Gibson-Park, 22 Fergus McFadden, 23 Zane Kirchner
Wasps: 15 Kurtley Beale, 14 Christian Wade, 13 Elliot Daly, 12 Jimmy Gopperth, 11 Willie Le Roux, 10 Danny Cipriani, 9 Dan Robson, 8 Nathan Hughes, 7 Thomas Young, 6 James Haskell, 5 Kearnan Myall, 4 Joe Launchbury (c), 3 Jake Cooper-Woolley, 2 Tommy Taylor, 1 Matt Mullan
Riserve: 16 Ashley Johnson, 17 Simon McIntyre, 18 Marty Moore, 19 Matt Symons, 20 Alex Rieder, 21 Joe Simpson, 22 Alapati Leiua, 23 Josh Bassett

Munster-Tolosa (18.45, diretta su SkySport 2)
Per come è andata finora la stagione la Red Army parte con i favori del pronostico, tanto più che gioca tra le mura di casa, ma il Tolosa è squadra di grandissima esperienza e sottovalutarla è l’errore peggiore che si potrebbe fare. Ghiraldini parte titolare tra i francesi.

Munster: 15 Simon Zebo, 14 Darren Sweetnam, 13 Jaco Taute, 12 Rory Scannell, 11 Keith Earls, 10 Tyler Bleyendaal, 9 Conor Murray, 8 CJ Stander, 7 Tommy O’Donnell, 6 Peter O’Mahony (c), 5 Billy Holland, 4 Donnacha Ryan, 3 John Ryan, 2 Niall Scannell, 1 Dave Kilcoyne
Riserve: 16 Rhys Marshall, 17 James Cronin, 18 Stephen Archer, 19 Dave O’Callaghan, 20 Jack O’Donoghue, 21 Duncan Williams, 22 Francis Saili, 23 Andrew Conway
Tolousa: 15 Maxime Medard, 14 Yoann Huget, 13 Florian Fritz, 12 Gael Fickou, 11 Paul Perez, 10 Jean-Marc Doussain, 9 Sebastien Bezy, 8 Francois Cros, 7 Yacouba Camara, 6 Thierry Dusautoir, 5 Yoann Maestri, Richie Gray, 3 Census Johnston, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Cyril Baille
Riserve: 16 Julien Marchand, 17 Gurthro Steenkamp, 18 Dorian Aldegheri, 19 Tala Gray, 20 Piula Faasalele, 21 Joe Tekori, 22 Luke McAlister, 23 Arthur Bonneval

 

CHALLENGE CUP
Bath-Brive (ore 13.45)
La Challenge Cup è una competizione che le squadre inglesi e – soprattutto – francesi tendono un po’ a snobbare, almeno nella sua lunga fase a gironi. Dai quarti di finale in poi la faccenda cambia con i club che vedono a volte nella competizione un modo di dare un senso all’intera stagione. Cosa senz’altro vera per il Brive, che nel Top 14 viaggia a metà classifica, mentre il Bath pur non brillando particolarmente può ancora guadagnarsi una semifinale di Premiership.
Gloucester-Cardiff Blues vede gli inglesi partire favoriti, ma l’approccio mentale sarà determinante. Ieri sera La Rochelle ha conquistato la semifinale superando Edimburgo in trasferta con il risultato di 32 a 22 grazie a una partenza sprint.

Bath: 15 Anthony Watson, 14 Semesa Rokoduguni, 13 Jonathan Joseph, 12 Matt Banahan, 11 Tom Homer, 10 Rhys Priestland, 9 Kahn Fotuali’i, 8 Taulupe Faletau, 7 Tom Ellis, 6 Zach Mercer, 5 Luke Charteris, 4 Charlie Ewels, 3 Kane Palma Newport, 2 Nathan Charles, 1 Nathan Catt
Riserve: 16 Joe Graham, 17 Beno Obano , 18 Shaun Knight, 19 Levi Douglas, 20 Paul Grant, 21 Chris Cook, 22 Adam Hastings, 23 Ben Tapuai
Brive: 15 Gaetan Germain, 14 Taku Ngwenya, 13 Arnaud Mignardi, 12 Seremaia Burotu, 11 Benito Masilevu, 10 Matthieu Ugalde, 9 Teddy Iribaren, 8 Fabien Sanconnie 7 Poutasi Luafutu, 6 Said Hireche, 5 Arnaud Mela, 4 Johan Snyman, 3 Kevin Buys, 2 Francois Da Ros, 1 Vivien Devisme
Riserve: 16 Thomas Acquier, 17 Karlen Asieshvili, 18 Soso Bekoshvili, 19 Julien Le Devedec, 20 Dominiko Waqaniborutu, 21 Vasil Lobzhanidze, 22 Thomas Laranjeira, 23 Sevanaia Galala

Gloucester-Cardiff (ore 21.05)
Gloucester: 15 Tom Marshall, 14 Charlie Sharples, 13 Henry Trinder, 12 Billy Twelvetrees, 11 Jonny May, 10 Billy Burns, 9 Willi Heinz, 8 Ben Morgan 7 Jacob Rowan, 6 Ross Moriarty, 5 Jeremy Thrush, 4 Tom Savage, 3 Josh Hohneck, 2 Richard Hibbard, 1 Paddy McAllister
Riserve: 16 Motu Matu’u, 17 Yann Thomas, 18 John Afoa, 19 Mariano Galarza, 20 Lewis Ludlow, 21 Callum Braley, 22 Mark Atkinson, 23 Henry Purdy
Cardiff Blues: 15 Matthew Morgan , 14 Alex Cuthbert, 13 Rey Lee-Lo, 12 Steven Shingler, 11 Blaine Scully, 10 Gareth Anscombe, 9 Lloyd Williams, 8 Nick Williams 7 Josh Navidi, 6 Sam Warburton, 5 Jarrad Hoeata, 4 George Earle, 3 Tau Filise, 2 Kristian Dacey, 1 Gethin Jenkins,
Riserve: 16 Matthew Rees, 17 Corey Domachowski, 18 Kieron Assiratti, 19 Macauley Cook, 20 Sion Bennett, 21 Tomos Williams, 22 Willis Halaholo, 23 Aled Summerhill

 

EUROPEAN RUGBY CONTINENTAL SHIELD: Mogliano-Enisei (ore 14.30)
“L’EPCR è lieto di annunciare la nuova identità creata per il Torneo di Qualificazione alla Challenge Cup che si chiamerà ormai European Rugby Continental Shield (scudo continentale).
L’obiettivo di questo torneo, organizzato dall’EPCR in collaborazione con la Federazione Italiana di Rugby (FIR) e Rugby Europe, è di ampliare gli orizzonti del rugby in Europa e consentire ai club emergenti e ai club già affermati, provenienti da varie aree geografiche, di partecipare alla Challenge Cup”. Così il comunciato stampa dell’EPCR ci ricorda il senso del torneo e la nuova denominazione dello stesso.
Domani prendono il via i play-off che vedono la partecipazione del Mogliano che ospita i russi dell’Enisei. Sempre domani a Tbilisi si gioca Krasny Yar – Timisoara Saracens. Sabato 22 aprile le gare di ritorno.

Mogliano: Bonifazi, D’Anna, Zanon, Visentin, Marcaggi, Giabardo, Fabi, Manni, Corazzi (Cap.), Van Vuren, Ceccato, Orso, Rapone, Gatto, Buonfiglio
A disposizione: Nicotera, Vento, Trejo, Baldino, Carraretto, Gubana, Amela, Benvenuti

 

TROFEO ECCELLENZA, Fiamme Oro-Viadana (ore 15.30, diretta web su The Rugby Channel)
Oggi verrà assegnato il primo trofeo nazionale della stagione. Al  Mario Lodigiani di Firenze, scendono in campo il Viadana detentore della competizione in carica e le Fiamme Oro, vincitrici nel 2014.

Viadana: Taikato-Simpson; Manganiello, Brex, Menon, Bronzini; Ormson (c), Frati; Grigolon, Denti And., Orlandi; Caila, Krumov; Garfagnoli, Scalvi, Denti Ant.
A disposizione: Silva, cafaro, Cavallero, Gelati, Anello, Gregorio, Cipriani, Tizzi
Fiamme Oro: Wilbore; De Gaspari, Seno, Sapuppo, Bacchetti; Buscema, Marinaro; Amenta, Cristiano, Bergamin; Caffini, Duca; Ceglie, Moriconi, Cocivera
A disposizione: Vicerè, Iovenitti, Di Stefano, Fragnito, Zitelli, Calabrese, Azzolini, Valcastelli

Annunci

Challenge Cup: Rovigo-Gloucester 7-55

Da RovigoOggi.it

Salvato l’onore, anche se in parte. La “paga” è inferiore rispetto a quella rimediata in Inghilterra, ma è pur sempre un 55-7 che non ammette repliche. Quattro mete per tempo e per il Gloucester, con tifosi al seguito, la pratica Rovigo è chiusa.

Si dirà che 55 punti incassati sono  troppi, è vero, ma di più non si poteva fare. O forse una maggiore attenzione in occasione di due segnature ospiti che tuttavia non avrebbero cambiato le sorti di un match che la Femi Cz Rovigo, nell’ultimo impegno casalingo dell’Amlin Challenge Cup ha onorato mostrando qualche spezzone di gioco piacevole.

Purtroppo il Gloucester, non lo scopriamo oggi, si è dimostrato squadra tosta e determinata, in grado di ribaltare a proprio favore i momenti di pressione avversaria.

Un XV di un altro piano “votato” all’occupazione degli spazi, alla gestualità condita da un invidiabile possesso palla. Molto più rapido e pronto a stroncare sul nascere gli attacchi rossoblu- E quando quest’ultimi  sembravano sul punto di fare breccia, entrava in  gioco la grande reattività ospite che impediva la finalizzazione delle azioni. Una volta solo si è visto un cedimento, in occasione della meta di Anouer, ma lasciato smaltire il veemente attacco rossoblu, gli inglesi si sono rifatti con gli interessi punendo più del dovuto gli uomini di Polla Roux cui va dato merito di aver tentato di contenere gli straripanti avversari.

Che non si sono mai tirati indietro nonostante il match fosse ininfluente ai fini di una classifica impossibile da rimpinguare causa il risultato di Agen – La Rochelle  (17-28) che lancia al vertice i francesi pronti a mettere sotto la Femi Cz Rovigo nell’ultima giornata di Amlin Cup.

Ma se va dato merito agli inglesi, altrettanto lo si deve dare ai Bersaglieri meno “rugosi” rispetto alle ultime uscite (coi Crociati non fa testo) e più determinati nell’approccio alla gara.

Nella mattinata prima della gara è stato ricordata la scomparsa di Mario Battaglini avvenuta il 1° gennaio 1971, un simbolo della palla ovale rodigina (leggi l’articolo).
Femi Cz Rovigo Delta – Gloucester Rugby  7-55 (0-27)

Femi Cz Rovigo Delta: Calanchini (11’ st Zorzi); Stanojevic, Pace (38’ st Lunardon), Zarattini (26’ st Duca), Bacchetti; Bustos,  Zanirato; Guzman, Persico, Lubian (Anouer); Montauriol (11’ st Barion) , Reato; Ravalle (18’ st Datola), Mahoney (32’ Marzolla),  Boccalon (21’ st Dolcetto).

All: Polla Roux

Gloucester Rugby: Morgan (11’ st May); Sharples, Trinder, Molenaar, Vainikolo; Burns (Taylor), Lewis (24’ st Pasqualin); Thomas (15’ st Capdevielle),  Dawidiuk 16’ st Azam), Doran-Jones; Buxton, James (28’ Brown); Strokosch, Hazell, Cox.

All: B. Redpath

Arbitro: Graham Knox (Scozia)

Marcatori

4 cp Burns, 10’ m Lewis tr Burns, 14’ m Trinder tr      Burns, 25’ m Hazell, 31’ m Sharples

St: 6’ m Sharples tr Burns, 18’ m Anouer tr Bustos, 73’ e 77 m Taylor tr Taylor, 79’ m May tr Taylor

Man of the match: Charlie Sharples

 

Un Milani in più per Rovigo contro il Gloucester

Da La Voce di Rovigo

Cresce l’attesa per la sfida di sabato prossimo, allo stadio Battaglini di Rovigo, quando arriverà la forte squadra del Gloucester Rugby per la Challenge Cup. La formazione, nella premiership inglese, occupa attualmente il sesto posto (con due partire da recuperare)
e che già all’andata aveva dato una storica lezione ai rossoblu.
Nella prestigiosa compagine militano diversi nazionali dell’Inghilterra ed anche giocatori che hanno vestito la maglia di Scozia, Galles, Francia, Samoa e Fiji.
Se da un lato questi confronti mettono in evidenza il divario tra la realtà del miglior campionato nazionale professionistico del mondo e quella di un campionato che si è
ridimensionato ad un livello semiprofessionistico, dall’altro lato sono  l’occasione per sperimentare ritmi di gioco e intensità agonistica inusuali per le squadre italiane.
La Femi Cz è stata inserita in un girone durissimo, dal quale ha però saputo trarre molte lezioni e l’intensità e la concentrazione con cui ha disputato sabato scorso il primo tempo con i Crociati ne sono testimonianza.
Prima dell’incontro è previsto un omaggio alla memoria di Mario Battaglini . Il mitico “Maei”, leggenda del rugby rodigino, scomparso 40 anni fa, a cui è intitolato lo stadio della
città. In vista dell’incontro, lo staff tecnico ha  voluto cogliere l’occasione permessa dal regolamento delAmiin Challenge Cup per inserire in rosa il neo acquisto Luigi Milani, un pilone. In questa fase del torneo, infatti, è possibile una sola sostituzione all’elenco originario. Il giocatore potrebbe partire subito o sarà comunque messo in campo a partita in corso. Ieri la squadra ha riposato; oggi allenamento la mattina e il pomeriggio; domani la rifinitura.
In settimana i giocatori Legora, Milani e Van Niekerk sono stati sottoposti all’università di Verona, Facoltà di Scienze Motorie, a test isocinetici per valutare la presenza di eventuali disequilibri nella muscolatura degli arti inferiori conseguenti agli infortuni che hanno
subito nello scorso anno. Tutti e tre gli atleti hanno ottenuto buoni risultati evidenziando un buon livello di guarigione.
Sabato, in mattinata, avrà luogo l’annunciato incontro tecnico che vedrà relatore Carlo Orlandi ed al quale la società ha invitato diversi tecnici delle squadre vicine. L’incontro
verterà sul tema: l’analisi della partita in funzione della formazione del giocatore.