Tag: Briganti di Librino

Sei Nazioni senza scampo per l’Italia. O almeno così dicono i bookmakers

©INPHO/Dan Sheridan

Il trionfo azzurro viene dato a 501, le squadre più vicine  – si fa per dire – sono Scozia e Galles, quotate a 13 (e solo per un bookmaker). E per le prime due gare? Poche le quote già disponibili ma chiudere dopo Inghilterra e Irlanda con un -30/40 complessivo di gap tra punti subiti e incassati non sarebbe un risultato da buttare via. Sperando, ovviamente, di andare meglio

Inghilterra favorita assoluta, Irlanda prima inseguitrice. Poi, più distanti, ci sono Galles, Scozia e Francia, con posizioni intercambiabili a seconda del bookmaker ma comunque molto vicini tra loro. In fondo, lontanissima, c’è l’Italia. Così chi gestisce le scommesse vede il Sei Nazioni 2018. In un articolo – che potete leggere qui nella sua interezza – della scorsa settimana R1823 raccoglie le principali quote sulla vittoria finale dei tre principali bookmakers. Qui mi limito a ricordare che la vittoria dell’Inghilterra è data a meno di 2, che l’Irlanda viaggia abbondantemente oltre al 3, che Galles, Scozia e Francia stanno tra il 7.50 e il 13 e che l’Italia è data da tutti a 501. Per chi gestisce le scommesse è quasi più facile che arrivino i marziani che non assistere al trionfo degli azzurri.

L’Italia oltretutto nelle prime due giornate incontrerà proprio le due grandi favorite: l’Inghilterra (a Roma) e l’Irlanda (a Dublino). E cosa dicono i bookmakers in quel caso? La vittoria di Sergio Parisse e compagni è data tra i 6.75 e 9.5 mentre quella inglese va da 1.08 a 1.9: scommettitori che sembrano avere idee molto chiare quindi. A oggi solo betfair ha già aperto quote su Irlanda-Italia e dà la vittoria dei padroni di casa scontata (1.08) mentre quella dell’Italia un mezzo miracolo (18).
Io, nel mio piccolo, mi accontenterei di chiudere l prime due partite con un gap tra punti fatti e incassati a -30/40. Sperando ovviamente di essere smentito.

Annunci

Assalto ai Briganti di Librino: un incendio doloso distrugge la loro club-house

Un gesto vigliacco, infame, che manda letteralmente in fumo anni di rinunce e sacrifici, di un impegno continuo in un quartiere complicato. Un gesto che lascia senza parole ma a cui il rugby italiano saprà rispondere

Quella dei Briganti di Librino è una di quelle storie di rugby di cui parla spesso un po’ tutta la stampa, anche quella che non segue quasi mai o del tutto le vicende ovali. La storia di un gruppo di persone che decidono di fare qualcosa per cercare di migliorare, almeno un po’, la vita dei ragazzi di un quartiere difficile di una città del sud. Nel caso dei Briganti si tratta di San Teodoro in quel di Catania.
Una squadra nata nel 2006, che vagabonda per un po’ di anni prima di occupare e risistemare un impianto pubblico descritto così da Marco Pastonesi su Repubblica un paio di anni fa: “un campo, due palestre, spogliatoi e club-house, progettato per le Universiadi del 1997, poi dismesso, vandalizzato, profanato, ma mai dimenticato – realizzato con i soldi dei contribuenti; quelli che in due mesi e con una centinaio di persone lo sistemarono; quelli che da allora lo restaurano, lo arricchiscono, lo presidiano; quelli che il 12 maggio 2015 lo hanno finalmente conquistato con una convenzione di comodato d’uso gratuito per sei anni, si spera rinnovabili. Briganti: illegali ma giusti, idealisti e romantici ma pratici e concreti”.

Questa notte un incendio doloso ha distrutto la club house dei Briganti. Un gesto infame, da vigliacchi, che non necessita di commenti. Così ne danno notizia su facebook gli stessi Briganti:
La nostra Club House non esiste più.
Un incendio doloso appiccato stanotte l’ha completamente distrutta. Sono andati perduti dieci anni di ricordi, trofei, l’intero patrimonio della Librineria, tantissimi cimeli accumulati in questi anni, il materiale tecnico e medicale, la cucina, tutto, tutto distrutto dall’incendio.
Il tetto della struttura sta cedendo, ci sembra improbabile di poter recuperare l’edificio, aspettiamo che i vigili del fuoco ci consentano di accedere all’interno (non prima di domani pomeriggio) per farci un’idea ancora più precisa.
Quel meraviglioso luogo dove tanti ragazzi si sono incontrati nelle circostanze più disparate è improvvisamente diventato un ricordo da conservare nella memoria, non c’è più.
Non sappiamo chi possa aver compiuto questa infamia, in questo momento siamo davvero provati, sotto choc. Quel che è certo è che sarà stato qualcuno abituato a muoversi al buio, nell’ombra, per compiere gesti vigliacchi, barbari, incivili, codardi.
Sappiamo anche che oggi affrontiamo il giorno più tetro della nostra storia dal quale sarà molto difficile venirne fuori, perchè la delusione e la rabbia del ritrovarci davanti alla Club House morente ci paralizza.
Nei prossimi giorni decideremo se e come andare avanti.
Stateci vicino, abbiamo davvero bisogno di non sentirci soli contro la barbarie.