Favaro out, Campagnaro in panca contro il Galles. Ecco la prima Italia del Sei Nazioni 2017

parisse-legoEccolo qui, il primo XV della nazionale italiana per il Sei Nazioni 2017. Si gioca a Roma domenica pomeriggio, alle 15, contro il Galles (diretta tv su DMAX, telecronaca di Antonio Raimondi e Vittorio Munari).
Un torneo attesissimo per la sua importanza intrinseca ma anche perché è il primo sotto la guida di Conor O’Shea, tecnico su cui l’Italia ovale ha riposto non poche speranze per una inversione di rotta tanto decisa quanto duratura.
E quali sono le scelte del ct? Padovani estremo, Canna e Gori in cabina di regia, centri biancoverdi con la coppia McLean e Benvenuti. In terza non c’è Favaro e vengono schierati Mbandà e Steyn, ovviamente insieme a capitan Parisse. Interessante la prima linea con Cittadini e Lovotti affiancati da Gega come tallonatore. Non è titolare Campagnaro, che va a sedersi in una panchina di livello assieme Furno, Minto, Allan e Ghiraldini. Simone Favaro non ce la fa e non è tra i 23 per domenica.

Italia: 15 Edoardo Padovani, 14 Giulio Bisegni, 13 Tommaso Benvenuti, 12 Luke McLean, 11 Giovanbattista Venditti, 10 Carlo Canna, 9 Edoardo Gori, 8 Sergio Parisse, 7 Maxime Mbandà, 6 Bryan Steyn, 5 George Fabio Biagi, 4 Marco Fuser, 3 Lorenzo Cittadini, 2 Ornel Gega, 1 Andrea Lovotti
Riserve:  16 Leonardo Ghiraldini, 17 Sami Panico, 18 Pietro Ceccarelli, 19 Joshua Furno, 20 Francesco Minto, 21 Giorgio Bronzini, 22 Tommaso Allan, 23 Michele Campagnaro

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Nazionale, Sei Nazioni e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

83 risposte a Favaro out, Campagnaro in panca contro il Galles. Ecco la prima Italia del Sei Nazioni 2017

  1. AdG ha detto:

    Questa è l’Italietta nostra, escludendo Mclean, Sergio, Steyn, Furno, Allan, tutti ragazzi di formazione italiana che escono cioè dal ns. sistema. Vedremo quanto i due draghi riusciranno a renderli invincibili.

  2. Stefo ha detto:

    Passata la sorpresa iniziale di certe scelte (Ghira, Minto, Bronzini, Campagnaro) ci ho ragionato su e penso (sbagliandomi magari) che COS abbia fatto queste scelte seguendo la logica di cercare di avere piu’ impatto che puo’ per il finale della partita. Quindi magari non subito tutti i titolari ma alcuni sostituti che partono e giocano in una squadra al 100% fisicamente mentre quelli che sulla carta sarebbero titolari entrano dopo per cercare di dare un impatto…se l’Italia riesce a difendere bene nei primi 50-60 minuti e tenersi attaccata nel punteggio, l’entrata di quei 4 potrebbe dare una sferzata al gioco interessante.

    • Jock ha detto:

      Mi sembra un discorso molto giusto, se guardiamo agli spot copribili da chi siede in panca, sono ben distribuiti tra gli atleti.

    • Giovanni ha detto:

      Se fosse come tu dici, si sta assumendo un grosso rischio. Potrebbero entrare in campo a “babbo morto” ed a quel punto non serve a nulla l’impatto dei 4 dalla panca.

      • Stefo ha detto:

        Giovanni certo che e’ un rischio ma e’ un allenatore con a disposizione un certo materiale ed allora deve anche inventarsi qualcosa ad un certo punto…io la trovo una mossa interessante.

    • frank ha detto:

      Ho scritto in breve le stesse cose, non avevo ancora visto il tuo commento Stefo (io mi sono esplicitamente riferito a Campagnaro).

      Speriamo che al 50-60esimo la situazione non sia già compromessa.

    • Kinky ha detto:

      Stefo, anch’io l’ho pensato…ma dopo due secondi ho pure realizzato che nemmeno la Nuova Zelanda si permette certi lussi!

      • Kinky ha detto:

        …e comunque un ragazzo che all’estero fa 6 mete in 3 partite DEVE giocare!

      • ginomonza ha detto:

        kinky la NZ no si permette perchè di fuoriclasse ne ha a bizzeffe.
        Noi no e credo, come Stefo, che la scelta sia interessante.

      • Stefo ha detto:

        La nuova zelanda pero’ non ha bisogno di cercare soluzioni come queste posto che l’interprerazione sia corretta.
        Se l’Italia vince con meta a’ultimo minuto su turnover di minto e ghira con bronzini che piglia il break e spara offload a campa in supporta che brucia tutti diventa un genio..,

    • Giovanni ha detto:

      …altrimenti sarà la solita imbarcata e tutti a dire “questo è il materiale a disposizione, diamogli tempo per lavorare, è un 6N di transizione” e via di bla bla bla (non mi riferisco a te)…

    • Sergio martin ha detto:

      Questa volta sono per il Lodo @Stefo… Speriamo di sorprenderli negli ultimi 20 minuti. Una panchina così forte non l’abbiamo mai avuta…

      • 6nazioni ha detto:

        MARTIN NON SI VINCE CON LA PANCHINA SI VINCE CON I TITOLARI IN CAMPO.
        se cos non li schiera nei primi 15 crede che i panchinari siano meno forti, almeno
        spero sia cosi’

      • ginomonza ha detto:

        Si parlava di BB ai mondiali?

  3. Marco Rimini ha detto:

    Boh!!! Perplesso, ma il CT è lui …

  4. frank ha detto:

    Perplesso a proposito di Bisegni….particolarmente in forma?

    Magari tiene Campagnaro come “scardinatore” per gli ultimi 30 minuti? Se cosi’ fosse speriamo di non arrivare a quel punto con il risultato già compromesso?

  5. Mr Ian ha detto:

    se penso agli anni di accademie, selezioni e super preparazioni il tutto alla fine non si riflette con il xv in campo…non dico meglio questo o quell altro perchè alla fine O’Shea li vede tutti i giorni e sa chi è più in palla e chi no.
    Le partite sono 5 e gestire il gruppo è fondamentale, non puoi rischiare il tutto per tutto alla prima e prendere imbarcate nelle altre, se devono essere sconfitte che siano le più dignitose possibili…

    • Giovanni ha detto:

      Parliamoci chiaro: viene a mancare un giocatore, in questo caso Favaro, e siamo puntualmente nelle pesti. Questo al netto della triade, del fitness e del rispetto politico. Intanto vincere non ha mai fatto schifo a nessuno e, almeno sulla carta, questa è quella dal pronostico leggermente meno sfavorevole, poi non c’è alcuna certezza che le imbarcate non possano arrivare lo stesso, specie ora che c’è il bonus che contro di noi sarà un must per tutti. Occhio che alla terza si va a Twickenham…e dopo ne restano altre due.

  6. Gianni berton ha detto:

    Signori, viva le Tette : è tornato il 6N !!
    Voglio bene a Bisegni, anche se non so chi sia.
    Come dicevo, O’Scena, oltretutto, si sarà pure confrontato con MIchele Gatto & Center.

  7. Mamo ha detto:

    Su Campagnaro avete già detto voi e quello che dite ci sta, ma un Bronzini che subentra a Gori poco ha a che fare con la cavalleria che entra in battaglia a finire il lavoro dei fanti.
    Strana la scelta del mio adorato O’Shea a cui continuo, comunque, a voler bene.

  8. speartakle ha detto:

    Forse c’è anche il calcolo, ma credo che COS, come da dichiatazioni, cerchi più che una vittoria, la consistenza durante tutto il torneo e continuare a lavorare sul piano di gioco di novembre.

    • frank ha detto:

      Come ho scritto di là, se il game-plan resta lo stesso che almeno abbiano imparato ad eseguirlo alla perfezione, e non alla cazzo di cane.

      Poche cose e semplici, ma almeno fatte bene.

  9. Gianni berton ha detto:

    Più’ o meno, ad ogni vigilia del 6N siamo partiti con la speranza di una vittoria casalinga in apertura di Torneo.
    Idem oggi. A prescindere del risultato finale, pensare che O’Scena & Co. riescano a far diventar grande l’Italia, da subito, e’ pretendere troppo : non ci sono riusciti un bel po’ di predecessori.
    Però, credo che tutti, oltre a lui, vorremmo vedere partite tirate fino alla chiusura.
    Basta tariffe, ovviamente, ma anche sconfitte onorevoli, sbracando nel secondo tempo.
    Anch’io confido in qualche successo, ma sarei ugualmente stra contento anche davanti a cinque sconfitte, però uguali a quelle che capitano alle altre del Torneo, che se la giocano sempre.
    Sconfitti, ma non perdenti.

    • Giovanni ha detto:

      Per chiunque non dovesse arrivare il bonus contro di noi sarebbe una mezza sconfitta. Quindi aspettiamoci avversari che giocheranno ancora più alla morte fin dalla prima partita.

  10. jazztrain1 ha detto:

    Quando inizierà il 6 nazioni B?

    Georgia, Romania, Belgio, Spagna, Russia e Germania

  11. Giovanni ha detto:

    Per me ci sono almeno tre scelte discutibili: Steyn titolare, che per come sta giocando non lo vedrei manco nei 23, Bisegni all’ala (auguri quando capiteranno North e L.Williams dalle sue parti) e Campagnaro in panca, dato che è in forma e con una gran voglia di giocare. Gega sta giocando bene ed in maniera continua ed avere Ghira per gli ultimi 25-30 minuti ci sta. Assenza di Favaro pesantissima: avrei provato a rischiare Minto da 7 e mi sarei portato Barbini come cambio. Alla fine avrà ragione COS, ma almeno io mi sarò sbilanciato prima…a differenza di quelli che non sbaglian mai. 😉

    • Mr Ian ha detto:

      non vorrei essere pessimista o negativo all inverosimile, ma occhio a pompare le prestazioni di Campagnaro. In CC lui ha marcato, ma va visto anche tutto il lavoro di Nowell per portarlo a fare meta, e in quel occasione Nowell è stato un ira diddio…
      Nella partita delle tre mete, nei Wasps giocavano tantissimi ragazzetti, compreso il figlio di Umaga..
      In quest Italia è tutto diverso, in primis le mete se le deve costruire e andare a cercarle, per cui se O’Shea pensa che il giocatore è meglio che parta dalla panca, ma benissimo così. ovviamente Michelino rimane un grande…
      per Kinky : Wales U20 team to face Italy U20
      15 Will Talbot-Davies (Newport Gwent Dragons) 14 Jared Rosser (Newport Gwent Dragons) 13 Ioan Nicholas (Scarlets) 12 Kieran Williams (Ospreys) 11 Ryan Conbeer (Scarlets) 10 Ben Jones (Cardiff Blues) 9 Dane Blacker (Cardiff Blues) 1 Rhys Carre (Cardiff Blues) 2 Ellis Shipp (Newport Gwent Dragons) 3 Keiron Assiratti (Cardiff Blues)
      4 Alex Dombrandt (Cardiff Met) 5 Max Williams (Newport Gwent Dragons) 6 Morgan Sieniawski (Cardiff Blues) 7 Will Jones (c) (Ospreys) 8 Morgan Morris (Gloucester)
      Replacements
      16 Corrie Tarrant (Cardiff Blues) 17 Steff Thomas (Scarlets) 18 Chris Coleman (Newport Gwent Dragons) 19 Jack Pope (Ospreys) 20 Aled Ward (Cardiff Blues) 21 Declan Smith (Scarlets) 22 Phil Jones (Ospreys) 23 Cameron Lewis (Cardiff Blues)
      Nicholas e Conbeer sono i miei pupilli, quest ultimo 17 anni…

      • il grillotalpa ha detto:

        Ciao
        Verissimo: Michele sta giocando bene ed è molto migliorato ma va pure detto che gli Wasps nella coppa anglo-gallese hanno schierato la seconda squadra. Forse la terza.

      • Giovanni ha detto:

        Io la partita di Anglo-Welsh manco l’ho vista, però ho visto tutta quella in casa contro Ulster e ti dico che, mete a parte, in difesa era attivo come non mai.

    • Jock ha detto:

      Gli vuole far fare minuti, vuole avere alternative, vuole concorrenza nei ruoli, guarda a lungo termine e non mira granché a vincere mettendo dentro tutto il meglio dei 23, fin dall’ inizio. Vuole imporre un piano di gioco da fargli realizzare con costanza e precisione, senza deflettere, per tutta la partita. Vuole intensità da tutti per gli 80, giostrando il meglio che ha tra i 23. Lo ha detto a chiare lettere, mi pare. Detto ciò, per Bisegni, che, pure, non capisco, saprà, di certo, lui. Possiamo esserne sicuri.

      • Mamo ha detto:

        Sì.
        Nel senso che lui mi da sicurezza e son certo che abbia ragione anche su Gori .. ma non mi va giù.
        Un abbraccio.

      • Jock ha detto:

        @mamo, grazie per avermi tolto dall’ imbarazzo di chiedere delucidazioni sul dialetto parmense. La prossima volta, però, meglio che contatti Arcibaldo il maggiordomo, per simili quisquilie, piuttosto che il padrone di casa.

      • ginomonza ha detto:

        mamo non ti va giù : cynar che ti tira su 😉

      • Mamo ha detto:

        Ecco. L’unica cosa confortante è che secondo il tuo postulato, Gino, con luilì in campo dovremmo vincere . Vale anche per la Nazionale ? 😉
        l

      • ginomonza ha detto:

        @mamo: io postulo tu postuli egli postula : te lo dico a partita finita ! 🙂 😉

    • ginomonza ha detto:

      Spesso sbilanciandosi prima si dicono delle cagate!
      Se mi permetti ho più fiducia in COSCATTVENTER che in te 😇

  12. Gianni berton ha detto:

    Tenete conto che Barbini e’ infortunato.

  13. AdG ha detto:

    Alla fine la pietra dello scandalo è Campagnaro non schierato nel XV iniziale. Non lo era a novembre, lo diventa due mesi dopo. Certo due mesi sono , generalmente, il periodo che fa di un buon giocatore, un campionissimo.
    Del resto se non si trovasse una pietra dello scandalo che razza di blog sarebbe.
    Haimona docet.

  14. malpensante ha detto:

    Mah. Spero che la formazione sia Venter oriented, sulla base di chi abbia dimostrato di saper fare le cose meglio nell’organizzazione difensiva (Steyn, Panico e Bisegni soprattutto), Gega, mah, forse ha ragione Stefo a pensare che un eventuale danno si recuperi meglio all’inizio che al 70′: E spero che abbia in mente un piano di gioco diverso dal calcio tattico, anche quello visto finora e non finalizzato alla conquista territoriale ma a mantenere l’equilibrio della linea. Se no, tra Gori e Canna (e pure Luke non è un geometra), second mi sarìson mis mäl bombé. Sperando (e tre), infine, di sbagliarmi.

  15. Stefo ha detto:

    Ora a aprte l’interpretazione su certe scete che e’ del tutto personale e magari errata a me comunque pare che COS stia dando segnali importantissimi in termini di conduzione del gruppo.
    Primo non sta li’ tanto per il sottile a cercare di far legna oggi per ingraziarsi il pubblico, ma che sia pronto a fare scelte diverse e prendersi rischi guardando oltre. Insomma COS, Catt e Venter han le spalle abbastanza grandi per sopportare sconfitte ed andare avanti ed hanno le palle di farlo e di metterci la faccia. Io continuo a pensare che con gli ABs si ia andati al massacro ma preferisco COS che dopo la aprtita va in sala stampa e dice che i ragazzi hanno eseguito il suo piano al Nonno di heidi che diceva che i giocatori non lo ascoltavano e non facevano in aprtitta quello che diceva, che c’erano primedonne ecc ecc…tutte cose detto dopo le sconfitte del tour Pacifico+Giappone…questi son pronti a dire “lasciate stare i ragazzi, volete prendervela con qualcuno? Siam qua!” e a me sembra un cambio di modi non da poco!
    Secondo, l’aveva detto che guardava al futuro al costruire un gruppo piu’ lungo, ora non ha le scelte di un’Inghilterra, di un’Irlanda e ancor meno di una Nuova Zelanda ma in qualche maniera deve provarci ad avere alternative, quelli sono al momento e su quelli deve costruire…cosa che tra le altre cose funziona anche in termini di non dare certezza ad uno del psoto perche’ si chiama Caio ed ha 50 caps in Nazionale.

    Segue la sua logica che va l’oltre la singola partita, non mi pare guardi in faccia a nessuno, si prende i suoi rischi e cosa piu’ importante ad oggi quando e’ stato il momento di metterci la faccia e prendersi la responsabilita’ nel caso l’ha fatto…non mi pare poco!

    • Mr Ian ha detto:

      condividi quello che scrivi e aggiungo che il discorso bonus point sarà un nuovo inizio per questo torneo. Per cui l obiettivo dell anno sarà non concedere il bonus a nessuno e poi dai prossimi anni se il carrozzone deciderà a muoversi, costruire qualcosa di solido per il prossimo mondiale

      • malpensante ha detto:

        Ian, poi tireremo le somme sull’effetto bonus nel 6N. In Celtic come in Eccellenza serve a quelli più forti per giocare metà partita alla volta.

  16. mauro ha detto:

    Formazione catartica che ci monda dall’irrazionalità di certe scelte meno concrete, che ci purifica dalle passioni e dagli estetismi offensivi.
    In chiave calcistica si direbbe: primo non prenderle, ma stiamo giocando a rugby, per cui…
    Dai commenti estesi (qua e su altri siti) trapela stupore e pindariche giustificazioni; io non sono d’accordo, mancherei alla mia storia di innamorato del Metalcrom che faceva correre la cavalleria contro i fanti, arroccati a calciare, del Petrarca. Ma loro vincevano sempre.
    Vorrà dire che me la prenderò con l’arbitro e voi mi perdonerete…

    • Mamo ha detto:

      Maurone !!
      Ti adoro e attendo comunque le tue perle sugli arbitri.
      In ogni caso, ma so che lo hai visto come quasi tutti noi, ieri la presentazione della squadra e la relativa spiegazione dei perché era ripresa in diretta.
      Ovviamente legittimo il tuo dissenso che è avvalorato dal fatto che tu conoscessi perfettamente le motivazioni di O’Shea.
      Per i pochi che ieri non l’avessero visto:https://www.facebook.com/Federugby/videos/1465263356818028/

      • mauro ha detto:

        Ciao Mamo,
        non so se potrò permettermi di usare la mia loquela sugli arbitri in questa stanza, potrei essere aggredito per il mio fare inurbano…
        Per il mio dissenso, ti dirò che non mi piacciono alcune scelte delle quali pensavo di aver compreso la ratio ancor prima delle argute giustificazioni del DoR.
        Ciò non toglie che, invecchiando, vorrei chiudere la mia storia d’amore con il rugby così come l’ho iniziata: vedendo volare i trequarti (i Manrico, i Rino&Nello), magari con fare selvaggio (IVAN), piuttosto che veder volare il pallone.
        Ma oggi COS come ieri Pardies e Trapattoni dall’altra sponda hanno ragione sugli esteti e sugli inutili Zeman.

      • Mamo ha detto:

        Certo Mauro, l’ho ben capito e stento a darti torto ma O’Shea, i suoi occhi pervasi di ottimismo e sicurezza, li abbiamo incrociati quand’eravamo insieme.
        Ho apprezzato le sue spiegazioni di ieri e, forte anche dei suoi perché, pure io mi son permesso di dissentire, quantomeno su Gori.
        Con tutto l’entusiastico rispetto che gli dobbiamo.
        In ultimo, quel Metalcrom, quello a cavallo anni settanta ottanta era una squadra difficilmente imitabile.
        A presto, sugli spalti del Monigo.

  17. ginomonza ha detto:

    “Questa Italia non fallirà. Promesso – Campagnaro con la sua squadra inglese, gli Exeter, ha segnato 6 mete nelle ultime 3 partite. Ghiraldini gioca in Francia ed ha una grande esperienza. Minto e Furno solo qualche mese fa erano titolari inamovibili. Invece. “Lo so, ognuno sceglierebbe una squadra diversa. E mi piacerebbe, che in questi giorni se ne discutesse
    nei bar italiani. Tanti commissari tecnici e tutti con delle giuste ragioni: però sono io, che mi devo assumere la responsabilità di fare delle scelte. E questa Italia domenica non vi deluderà. Promesso”.
    queste sono le parole di COS

  18. Stefo ha detto:

    Secondo me si sta dando troppo peso al la questione punt bonus in questo torneo, e ci si e’ dimenticati della cosa secondo me che pesera’ molto di piu’ e per cui secondo me le squadre penseranno piu’ a vincere che ai punti bonu: il sorteggio delle pool della RWC19 e’ a maggio quindi per queste 5 squadre queste 5 partite possono buttarle nella terza fascia e quindi a rischio gruppo della morte…vincere e basta pesera’ ben piu’ dei punti bonus.

  19. AdG ha detto:

    In fin dei conti bastava, aspettare qualche ora, fare un lungo respiro e O’Shea avrebbe spiegato ogni cosa. Infatti questa mattina sulla Gazzetta una pagina intera dove spiega , per sommi capi ma del tutto comprensibilmente il suo piano di gioco e come intende condurre questo 5 nazioni. Certo c’è molto pathos, ma chi ha fatto sport sa che senza questo non vinci un bel niente.
    C’è un’altra cosa che traspare in maniera evidente da questa intervista, il modo in cui Lui si senta parte del ns. movimento e come tale ( a differenza di molti radical chic) ne evidenzia i lati positivi su cui lavorare e per i quali è disposto ad impegnarsi e ad assumersi la responsabilità di quanto afferma.
    Sminuirne la funzione ( non riconoscerne le funzioni di DOR) e il lavoro non aiuta certo a comprenderne nè il ruolo, nè ciò che di positivo, già in pochi mesi, ha introdotto nel sistema.
    Il tempo è sempre galantuomo.

    • frank ha detto:

      “il modo in cui Lui si senta parte del ns. movimento”

      Io non so effettivamente quanto lui si senta veramente tale, ma sicuramente è un grande professionista.

      Speriamo che nel giro di un paio di anni non si “brunellezzi”.

      • Ermy ha detto:

        A me pare stia già parecchio “allineato e coperto” … alcune affermazioni mi sembrano abbastanza edulcorate… se a lui sta bene un movimento senza campionato u.20, senza Accademy alle celtiche, con la gestione attuale di moltissimi altri aspetti… contento lui… lui che sa e noi che non sappiamo un cazzo!
        Più che Brunellizzarsi speriamo non si Renzifichi, mi pare sulla buona strada… d’altronde come non ricordarsi della grandissima prestazione contro gli All Blacks che viene ancora, incredibilmente, citata come il momento in cui si sono gettate le basi per le altre grandi prestazioni… vabbè, una, quella col Sud Africa…
        staremo a vedere…

      • AdG ha detto:

        Allineato e coperto uno che sta “dentro” lo deve essere. Al momento più che segnalare le cose che non vanno preferisce lavorare su quelle che funzionano, dando un gioco una prospettiva. In ogni caso non mi pare, per quel poco visto fino ad ora, uno che dice cose che non pensa per convenienza. Io , che non conto niente, a merito al campionato U20, preferisco che i 18enni facciano la serie “A” o l’Eccellenza, almeno fino a che i numeri non giustificheranno un campionato di categoria qualitativamente interessante. Nel merito della riorganizzazione ho l’impressione che qualcosa succederà, abbastanza presto..

      • AdG ha detto:

        Leggi l’intervista, perchè il mio commento a quella faceva riferimento.

      • LiukMarc ha detto:

        Non so se a lui stia bene una struttura com’è adesso Ermy, non ne sarei cosi sicuro. Certo, da un lato è comunque dipendente di qualcuno, quindi non può certo dire “fate tabula rasa che qua fa schifo tutto”, dall’altro spero che Aboud ci stia pensando, assieme a COS ovviamente (che è anche responsabile della Emergenti), e infatti mi pare che si sia già detto che modifiche al sistema permit ce ne saranno. Un passo alla volta.
        Poi condivido che prestazioni e risultati vadano sempre prese con le molle (vedi quanto dici su All Blacks e SudAfrica), ma è indubbio che rispetto ai predecessori parla (e agisce) in maniera diversa, più positiva e propositiva (e mi pare spieghi anche meglio quello che fa e dove vuole andare). Alla fine capiremo se non era tutta una presa per il naso (ma non credo) 🙂

      • ermy ha detto:

        Adg, chiaro che un pò coperto lo debba stare… però preferirei un pò più di sano realismo… oppure, al contrario di quel che dice, ci considera bambini da dover rassicurare sfidando le leggi della gravità?
        In merito ai 18 enni, non dovrei essere io a dire che non è più il rugby di una volta… dove ad esempio si esordiva a 16-17 anni contro dei mostri sacri dell’epoca… ora un campionato u.20 è richiesto da più parti e da gente che magari ne capisce qualcosa, poi i migliori 18 enni possono esordire dove vogliono se sono bravi, anche andarsene in Nuova Zelanda ed esordire con gli All Blacks, ma il resto della massa critica? e chi matura più lentamente? altro esempio in questo senso : lo sai che uno dei pilastri dell’Italia di Coste, nella nostra U.19, campione d’Italia, era considerato un panchinaro? poi con qualche anno di duro lavoro arrivò a fare il culo a mister O’Fitness?

    • Jock ha detto:

      @mamo, è da novembre che il diretorderegbi spiega e rispiega, sempre le stesse cose, senza lasciare nulla di non detto. E da due giorni, ormai, ha ripetuto, ancora. Leggi la Gazzetta di oggi. Ma se tanto mi da tanto, quanti fiumi di inchiostro pensi di riversare, dopo i commenti di domenica, post match, di Lui? Gran “traduttor dei traduttor d’ Omero”.

      • Mamo ha detto:

        Ciao Jock,
        ho letto la Gazzetta ma lì si riassume solo quello che già ieri – in diretta – avevo sentito dire e spiegare (come tanti di noi) da O’Shea.
        Più interessante, perché nuova, l’intervista di Calandri a Parisse pubblicata oggi su Repubblica.

  20. Pingback: In avanti popolo! – Verso il Galles: quelli che… non sono mai contenti delle formazioni | Il Grillotalpa – Dentro il Pianeta Rugby

  21. Anbrusa ha detto:

    Se vinciamo ha ragione il tecnico. Se perdiamo ha torto. Per vincere bisogna tentare qualcosa di differente. Si preferiva mallet con cui tutto era scontato perché Italians aren’t good for Rugby?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...