Un sabato da Sei Nazioni: si parte con Italia-Irlanda, poi è Galles-Inghilterra

italia-irlanda-2016

All’Olimpico il kick-off è fissato alle 15.25, a Cardiff invece il fischio d’inizio poco prima delle 18. Entrambe le gare in diretta tv su DMAX

Sotto con l’Irlanda. Oggi a Roma (calcio d’inizio alle 15.25, diretta tv su DMAX con il commento di Antonio Raimondi e Vittorio Munari ma il Rugby Social Club inizia alle 14.45) l’Italia gioca la sua seconda partita al Sei Nazioni 2017. Una settimana scarsa fa il ko con il Galles che ha fatto discutere non poco, soprattutto per un secondo tempo sicuramente al di sotto degli standard richiesti sotto tanti, troppi aspetti.
La squadra ospite è stata battuta a Edimburgo dalla Scozia nella prima giornata del torneo: messa decisamente sotto nel primo tempo, ha saputo reagire e raddrizzar una partita che sembrava ormai scappata via. Bravissima la Scozia a dare l’ultimo colpo di reni ma gli uomini del ct Schmidt hanno sbagliato davvero tanto.
Una Irlanda fortissima, con una rosa ampia e un livello tecnico di prim’ordine: “È una squadra molto particolare che, grazie al suo allenatore e al grande lavoro di analisi dei match che viene fatto dallo staff, ha la facoltà di sapersi adattare molto bene al gioco di tutte le squadre che incontra” ha detto Sergio Parisse alla vigilia.

Una vigilia particolare per il nostro ct, Conor O’Shea, irlandese di Limerick che di sicuro vorrebbe sgambettare la “sua” Irlanda: “Sicuramente per Conor questa sarà una partita un po’ speciale, è inutile negarlo, – prosegue Parisse – ma l’approccio al match sarà sempre lo stesso di quelli giocati finora con lui alla guida di questa squadra. Non smetterò mai di dire che da quando O’Shea è arrivato da noi si respira un clima diverso. Lui sta puntando molto ad un cambio di mentalità: non è facile, soprattutto perché la maggior parte dei ragazzi arriva da due team, le Zebre e la Benetton, che non sono proprio in un buon periodo di risultati. Comunque, ci stiamo provando e alla lunga ci riusciremo di certo”. Vedremo. Speriamo.

La giornata comunque oggi prevede anche una Galles-Inghilterra davvero succulenta. Partita che non ha certo bisogno di presentazioni o stimoli di qualsiasi genere, una classica del rugby mondiale come poche altre. Inghilterra che ha battuto la Francia al termine di una partita così così (ma per merito dei bleus) e gallesi vittoriosi a Roma ma che hanno sofferto non poco nel primo tempo contro l’Italia. A Cardiff sarà spettacolo, diretta tv su DMAX dalle 17 e 50.

Italia: 15 Edoardo Padovani, 14 Angelo Esposito, 13 Tommaso Benvenuti, 12 Luke Mclean, 11 Giovanbattista Venditti, 10 Carlo Canna, 9 Edoardo Gori, 8 Sergio Parisse (c), 7 Simone Favaro, 6 Maxime Mbanda, 5 Andries van Schalkwyk, 4 Marco Fuser, 3 Lorenzo Cittadini, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Andrea Lovotti
Riserve: 16 Ornel Gega, 17 Sami Panico, 18 Dario Chistolini, 19 George Biagi, 20 Abraham Steyn, 21 Giorgio Bronzini, 22 Tommaso Allan, 23 Michele Campagnaro
Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Keith Earls, 13 Garry Ringrose, 12 Robbie Henshaw, 11 Simon Zebo, 10 Paddy Jackson, 9 Conor Murray, 8 Jamie Heaslip, 7 Sean O’Brien, 6 CJ Stander, 5 Devin Toner, 4 Donnacha Ryan, 3 Tadhg Furlong, 2 Rory Best (c), 1 Cian Healy
Riserve: 16 Niall Scannell, 17 Jack McGrath, 18 John Ryan, 19 Ultan Dillane, 20 Josh van der Flier, 21 Kieran Marmion, 22 Ian Keatley, 23 Craig Gilroy

Galles: 15 Leigh Halfpenny, 14 George North, 13 Jonathan Davies, 12 Scott Williams, 11 Liam Williams, 10 Dan Biggar, 9 Rhys Webb, 8 Ross Moriarty, 7 Justin Tipuric, 6 Sam Warburton, 5 Alun Wyn Jones (c), 4 Jake Ball, 3 Tomas Francis, 2 Ken Owens, 1 Rob Evans
Riserve: 16 Scott Baldwin, 17 Nicky Smith, 18 Samson Lee, 19 Cory Hill, 20 Taulupe Faletau, 21 Gareth Davies, 22 Sam Davies, 23 Jamie Roberts
Inghilterra: 15 Mike Brown, 14 Jack Nowell, 13 Jonathan Joseph, 12 Owen Farrell, 11 Elliot Daly, 10 George Ford, 9 Ben Youngs, 8 Nathan Hughes, 7 Jack Clifford, 6 Maro Itoje, 5 Courtney Lawes, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Dylan Hartley (c), 1 Joe Marler
Riserve: 16 Jamie George, 17 Matt Mullan, 18 Kyle Sinckler, 19 Tom Wood, 20 James Haskell, 21 Danny Care, 22 Ben Te’o, 23 Jonny May

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Irlanda, Nazionale e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a Un sabato da Sei Nazioni: si parte con Italia-Irlanda, poi è Galles-Inghilterra

  1. AdG ha detto:

    Che dire? Forza Azzurri. Per chi ama il rugby sono ore di emozione profonda e credo non si ringrazierà mai abbastanza chi ci permette, ogni anno, di viverle. ( Mondelli, Dominguez, Gardner, Cutitta, Vaccari, ecc.,ecc., ecc)

  2. Stefo ha detto:

    BEst ieri intnto ha saltato il captain’s run per un virus intestinale…chiamato Tracy si decide questa mattina…sarebbe un brutto colpo, capitano fuori con Cronin anch infortunato, a tallonatore sarebbe chiamato al debutto Scannell conTracy che ha un solo cap in panca

  3. Mr Ian ha detto:

    incerta fino alla fine la presenza di North, dovrebbe essere più no che si, al suo posto chiamato Cuthberth che scavalca Evans nelle scelte. Strana decisione mandare subito in campo un giocatore che non raggiunge il top della forma da circa 2 anni…

  4. Hrothepert ha detto:

    Siccome avevo poco tempo, mi sono limitato a prepararmi un paio di bacon & egg rolls (sotto lo sguardo disapprovevole di mia moglie!!), un pasto scottish, mi fa entrare meglio in clima 6Ns ( è una questione psicoligica, legata alla mia gioventù, che ci volete fare?!?), il resto lo faranno le bottiglie di Golden Ale che sono nel frigorifero!!!!
    FORZA AZZURRI!!!!!

    • Ermy ha detto:

      Ciao Hro! Pensa quando le partite le guarderemo nel tuo vip box, anzi per te direi … studio… penthouse… 🙂 nel nuovo stadio!
      Non mi hai ancora detto la capienza… facciamo un 40/45.000? Come lo Juventus?
      Ci facciamo anche il museo dove saranno esposte solo le nostre magliette?!!! Ah,ahh!
      Mah, fammi sapere! E buona partita! 😉

      • Hrothepert ha detto:

        Ermy, a Barga, io pensavo più ad uno stadio da 10.000 posti, però con doppi spogliatoi, per il football e per il Rugby, da distribuire sui due opposti lati lunghi dello stadio, perché lo stesso dovrà essere condiviso con il Gatti Randagi Football Club (squadra di calcio amatoriale; gemellata con il The Celtic Football Club di Glasgow, da cui prende il colore della divisa di giuoco; 2 anni fa vice campione nazionale AICS e soltanto perchè l’ altra finalista, compagine vicentina, sul 2-0 per i bargei ha fatto entrare 3 ex professionisti, prezzolati, ingaggiati per le finali nazionali!!), con, sopra gli spalti, due mega Club Houses, sempre ai due lati ed una per i Gatti ed una per il Rugby, con mega vista sul terreno di giuoco, terreno misto naturale/sintetico, tetto apribile e musei, da una parte il museo dei Gtti e dall’ altra quello con le nostre magliette e quella del Georgino Biagi.
        Fammi un preventivo di spesa. 😉 😀

  5. Stefo ha detto:

    Intanto conferma che Best non sara’ della partita, titolare Scannell con Tracy in panchina…brutta tegola

  6. Stefo ha detto:

    Nell’altra partita decido di andare controcorrente e contro la logica ma secondo me il Galles potrebbe spuntarla…

  7. Maxwell ha detto:

    Spero di essere in partita al 60°
    Fino al -14 va tutto bene.
    Un successo sarebbe il punto di bonus.

  8. Stefo ha detto:

    35 minuti della quarta partita abbiamo il primo punto bonus d’attacco della storia del torneo.

  9. Stefo ha detto:

    Ottimo primo tempo dell’IRlanda, dominio netto in tutto tranne che difende su un paio di ottime maul azzurre. Scannell sta giocando veramente bene, contento per lui e per noi ovviamente.
    Muoviamo meglio l’ovale anche se mi paicerebbe vedere piu’ offloads come quello di Heaslip ad Henshaw, ma per il momento batsa ed avanza quanto facciamo.

    Italia…non regge l’ondata d’urto dell’Irlanda, difesa che fa velocemente acqua, perde quasi tutti gli impatti e cio’ la fa retrocedere in difesa costantemente ma anche non avanzare in maniera efficace in attacco.

  10. Mr Ian ha detto:

    penso non ci sia altro da aggiungere…

  11. Paolo ha detto:

    Dio mio che frustrazione

    • Paolo ha detto:

      Scusate partito commento prima di argomentare. Io ho visto tantissimo impegno azzurro magari non dello stesso livello da parte di tutti ma in generale molto buono. Solo che di fronte abbiamo una squadra eccellente nella qualità e con una motivazione a mille.

  12. frank ha detto:

    Ennesimo possesso sparacchiato da McLean. Meno male che c’è il gameplan.

    Nel frattempo terza meta di CJS.

    👏👏👏

  13. Ermy ha detto:

    Raga! Per fortuna c’è “solo” Jackson, eh! E che manca Best… 🙂

  14. Giovanni ha detto:

    Le nozze coi fichi secchi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...