Di Nigel Owens, di Sei Nazioni incombente e di calci tattici: un ricco Tinello di Vittorio Munari

Riprendiamo il filo da dove lo avevamo lasciato una settimana fa, ovvero dalla tolleranza zero sul placcaggio alto: come si stanno comportando gli arbitri? Vittorio sottolinea alcuni aspetti visti nel corso di Saracens-Tolone di Champions Cup e si finisce a parlare di calci tattici e di Carlo Canna…
Kick-off!

ph. Fotosportit/FIR

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Il tinello di Vittorio Munari e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

33 risposte a Di Nigel Owens, di Sei Nazioni incombente e di calci tattici: un ricco Tinello di Vittorio Munari

  1. frank ha detto:

    Mi piacciono questi tinelli e queste interviste cosi’ frequenti. Grazie, Paolo.

  2. AdG ha detto:

    Un modesto e, forse inutile, suggerimento, non si potrebbe avere un’idea di cosa pensa il nuovo resp. Arbitri della FIR?
    Nel merito dell’arbitraggio dei BD proprio in materia di valutazione del sealing off e del”fino a dove” è consentita la pulizia sta racchiuso tutto il sugo di un buon arbitraggio o meno.
    Canna domenica ha ben giocato e ben interpretato il suo ruolo dando sicurezza a tutto il reparto. Probabilmente O’Shea gli chiederà qualcosa di diverso con la nazionale, vedremo. Ďire adesso che non sarà in grado di farlo, mi sembra un po prematuro.

  3. superignazzio ha detto:

    quindi NO è bravo tranne quando vede maglie azzurre, perchè una delle ultime mete della nuova zelanda c’è stata una pulizia su allan a 2 metri dalla rack sui 5 nostri sotto i suoi occhi ed è andato tutto bene
    bravo quanto volete, però veramente se arbitra lui mettiamo la maglia bianca

    senza dimenticare la partita con l’irlanda dove poi gli è arrivata la tirata d’orecchie

    • AdG ha detto:

      Scusa, ma al dilà del gusto della battuta, tu credi veramente che un arbitro possa modulare il suo impegno e la sua conoscenza del regolamento a seconda delle squadre che arbitra?

      • gsp ha detto:

        No. pero’ nessun arbitro, nemmeno NO, vede tutto. soprattutto in uno sport come il rugby dove la discrezionalit’a dell’arbitro e’ una parte essenziale del gioco. ed allora entrano un sacco di fattori cognitivi incluso il pregresso della squadra e del giocatore, soprattutto in situazioni 50/50.

        Il caso Fabiani e’ emblematico. capra che non impara, ma lui e’ forse il piu’ punito in europa per falli che fanno in molti, che invece ricevono lodi per il coraggio, o dove il tentativo di chiudere il placcaggio basta ed avanza.

        e NO e’ il migliore. ma Sergio ha un problema di comunicazioni con lui che vanno risolti in qualche modo.

      • superignazzio ha detto:

        assolutamente no, credo solo che il metro di giudizio debba essere identico per tutti gli arbitri
        se ad esempio a distanza di pochi mesi il miglior arbitro in circolazione cambia radicalmente il suo giudizio qualcosa che non va ci deve essere per forza
        ti riporto la meta degli AB, segnata da Dixon mi sembra, contro di noi dove la pulizia su Allan è avvenuta a 2 metri dal raggruppamento e lì andava bene (1:30) con tanto di TMO chiamato in causa, a memoria

        non sono nè polemico nè credo agli arbitri in malafede, però sono passati solo pochi mesi e non si può cambiare idea così
        se lo fa il migliore figurati gli altri…

      • Mez10 ha detto:

        non sono due metri e non mi pare irregolare..certo se non avessero segnato quella chissà come sarebbe andata a finire! 😂
        Owens è il più bravo, per competenza e simpatia!

    • AdG ha detto:

      Io credo sia impossibile che gli arbitri possano arbitrare tutte le partite con lo stesso metro, basta un corso di aggiornamento o il rivedere le proprie partite in contradditorio per modificare alcune convinzioni ( come e quando punire il sealing off ad esempio) . Ciò che deve essere preteso da loro è lo stesso metro per tutta la stessa partita.

      • Mez10 ha detto:

        Sealing off diversamente punito tra emisfero nord e sud..
        a sud c’è più attenzione, più pulizia..qua a nord più giungla nel bd, di base..
        ma spesso ultimamente sono gli arbitri che si adattano al modo di giocare delle squadre piuttosto che il contrario..

  4. Jock ha detto:

    Beissimo

  5. Mr Ian ha detto:

    Owen è simpatico, sicuramente bravo, ma allo stesso tempo il più volubile di tutto il panorama arbitrale. E poi quelle frasette son carine le prime volte, alla lunga sanno di stantio..
    l arbitro meno si vede in campo e meglio è

  6. AdG ha detto:

    Se NO è bravo ( forse il migliore) non so cosa c’entri il fato che a qualcuno possa a essere o meno simpatico. Mi sembrano due categoria diverse di giudizio la bravura e la simpatia. Questo la dice lunga su come si giudicano gli arbitraggi. Sarebbe come dire che Savea è un fuoriclasse, ma ….. conosce poco la geografia. Ogni arbitro ha il proprio metro di rapportarsi con i giocatori che fa parte del suo essere arbitro. Purtroppo con il ns. Capitano non c’è feeling, ma non credo che questo influenzi le interpretazioni dei falli.

    • Mr Ian ha detto:

      Invece è proprio NO che la mette sulla simpatia, perchè la battutina forzata non fa parte dell’arbitraggio. Il messaggio passa attraverso l applicazione del regolamento o dai messaggi non verbali, alle volte basta anche un occhiataccia per far capire che certi comportamenti non sono tollerati.

  7. frank ha detto:

    Il migliore negli ultimi anni era Welsh. Peccato non abbia preso parte alla RWC2015. Spero stia bene e non sia ricaduto in vecchie e brutte abitudini.

    @mez tu ne sai niente di cosa fa da quando ha appeso il fischietto al chiodo?

    • Bingo ha detto:

      A me non piace parlare di questo o quell’altro arbitro ma preferisco esprimere un giudizio sulla categoria in generale e penso che una delle cose più apprezzabili sia che tutti i direttori di gara si adattano subito alle disposizioni che arrivano dall’alto applicandole immediatamente con buona uniformità di giudizio.
      E va detto che anche gli arbitri italiani in questo senso non sono da meno dei colleghi stranieri dimostrando nelle loro uscite all’estero di essere assolutamente all’altezza del ruolo.

    • Mez10 ha detto:

      Walsh..vende frutta all’ingrosso..manager credo..

    • Jock ha detto:

      @frank, d’ accordo, ma Walsh vive in Australia, se non sbaglio. Devo ammettere che quello che mi piaceva di più, ultimi due anni, esclusi, che si è perso nel caigo, e non ho mai capito perché, assieme a Steve era Joubert. Oggi con Nigel, a mio modesto parere, il migliore è Garces.

  8. 6nazioni ha detto:

    buon pomeriggio ciao mez10 ciao adg ben risentiti e’ sempre un piacere sentire sor munari.

  9. Mamo ha detto:

    Uno va al campo o vede la partita in TV, e si limita a prendere atto delle situazioni di gioco poi arriva Munari e con parole semplici, in una manciata di minuti, ti spiega il perché si vengono a creare quelle situazioni e, soprattutto, quali potrebbero essere le nuove.
    Beh, se non è costruttivo e interessante questo !
    Grazie

  10. Meridion ha detto:

    Che bello mi mancava il Tinello, un saluto a tutti 🙂

  11. fracassosandonà ha detto:

    io personalmente ne ho due balle di quelli che chiamano Dummy Runner (gente che corre a vuoto in evidente fuorigioco) e di pulizie lontano dalle ruck (tutte specialità della cucina irlandese) che a volte mi chiedo a che gioco si giochi…
    fossi io ad arbitrare ci sarebbero dieci minuti di gioco effettivo… meglio che sbagli qualcun altro 🙂
    a proposito di arbitri…
    ci siamo persi la polemica di qualche settimana fa con Cavinato che chiedeva agli arbitri dilettanti di andare a passare il pomeriggio all’IKEA anziché a rovinare il lavoro dei professionisti che si erano allenati tutta la settimana per preparare la partita…
    sapendo in che condizioni operano i nostri fischietti io il giro all’Ikea al posto che in Guizza almeno una volta lo farei…

    • Jock ha detto:

      @fraca forever. La cucina irlandese, oltre alle meraviglie che tutti ammiriamo, ci ammannisce quello. E glielo fanno fare. Gravissimo.

    • Mez10 ha detto:

      Pres infatti sono i “decoy runners”..
      ma ora le analisi tecniche le fan cani e porci..e qualche troll persino 😜😂

      • speartakle ha detto:

        sono sinonimi si possono usare entrambi i termini…

      • Mez10 ha detto:

        uno..

      • ginomonza ha detto:

        Mez la bbc li chiama in entrambi i modi

      • Mez10 ha detto:

        ah beh se lo dice la BBC..ubi maior..
        comunque vero, ora si dice in tutti e due i modi, ma non è propriamente corretto, anche se sdoganato..
        E non sono “sinonimi”..dummy è intesa come la finta, to sell a dummy dicono anche quelli della BBC..o alcuni schemi dummy switch, double dummy etc..
        Certo son quisquilie..
        più appropriato per me il discorso esca, difesa come rete infatti..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...