Tag: Benetton Rugby

L’annus horribilis delle Zebre, una franchigia ancora in cerca di una identità

“Annus Horribilis in decade malefica”, cantava qualcuno… Un anno fa la stagione della formazione di Parma si era chiusa con qualche buona speranza per il futuro, ma il 2018/2019 non ha fatto registrare nessun passo avanti. E rimane un equivoco di fondo, una specie di peccato originale, che se non viene risolto impedirà ogni progresso davvero significativo

C’è Treviso che sabato si gioca la partita più importante dei suoi ultimi 10 anni (almeno) con la tranquillità mentale di chi sa di aver già ottenuto un grande risultato. Ci sono le prime convocazioni del ct azzuro Conor O’Shea in vista della preparazione al Mondiale che scatta in settembre in Giappone.
Cose abbastanza grosse insomma, ma a me in questi giorni ha colpito un lungo post pubblicato su Facebook dalla pagina “Rugby Bet – Pronostici ovali”. E’ un vero e proprio articolo in realtà, si intitola “Il rovescio della medaglia” e parla di Zebre.
Perché le due notizie di cui sopra, soprattutto quella di Treviso, hanno fatto passare in secondo piano il fatto che quella appena conclusa è stata un’annata estremamente deludente per la franchigia di Parma. Intanto un ampio stralcio del post in questione, ricco di dati sulle Zebre:

“(…)- è stata la peggiore della sua conference e dell’intero campionato;
– ha avuto di gran lunga il peggior attacco (12,4pt a partita) e la peggior differenza punti (-18,1pt di scarto a partita) del torneo;
– è stata la peggiore squadra professionistica europea in trasferta, avendo raccolto solo un punto in classifica e avendo incassato uno scarto di -29,7pt in media lontano dal Lanfranchi;
– al termine della regular season è arrivata a una serie negativa di quattordici sconfitte consecutive, risalendo l’ultima vittoria in campionato al 26 ottobre 2018.
Una stagione storta può capitare: nessuno si sognerebbe di attaccare una squadra che incappa in una stagione fallimentare. Il problema è che questa che si è appena conclusa è l’ennesima stagione fallimentare. Per la seconda volta su due, da quando esiste il sistema delle Conference, si è piazzata ultima nella sua; per la quinta volta sulle sette partecipazioni totali si è piazzata ultima in classifica generale. Segnali di una svolta non ce ne sono (…)

A mio avviso il più clamoroso problema è da ravvisare nel mercato. Imbarazzante è dir poco. Come messo in luce in un vecchio post, si contano sulle dita di una mano gli acquisti riusciti di giocatori stranieri; la maggior parte sono stati elementi mediocri o che hanno comunque deluso le aspettative. (…) le Zebre e soprattutto il rugby italiano ne avrebbe potuto e dovuto far benissimo a meno.
(…) A cosa servono le Zebre? Se sono la franchigia di sviluppo del movimento, perché sono imbottite di stranieri? E perché questi stranieri sono scarsi per giunta? Di solito alla prima domanda si risponde che i tanti stranieri servono perché mancano i giocatori italiani di livello, alla seconda che il budget non consente firme di grido. Personalmente mi sembra evidente il cortocircuito. È grave che non ci siano abbastanza elementi italiani validi ma, assodato ciò, non capisco a che pro andare avanti acquistando stranieri mediocri presi a caso e senza alcun progetto. (…) Se questa è la situazione, forse l’esistenza stessa di questa franchigia è da riconsiderare; contando anche quanti soldi vi vengono investiti, purtroppo male, dalla federazione”.

A mio pare sono due le cose su cui ragionare circa la situazione delle Zebre. La prima, la più contingente, è che la stagione si sia conclusa con una sorta di nulla di fatto. Non c’è stata crescita sotto nessun aspetto. Non parlo dei risultati del campo, parlo proprio di quello che si è cercato di costruire e come è stato “tradotto”. I problemi del gruppo allenato da Michael Bradley sono rimasti gli stessi di 12 mesi fa, identici. Certo qualche alibi c’è, come i non pochi infortuni, ma non basta a spiegare tutto. Si è partiti bene per poi peggiorare sempre più con il passare delle settimane, con i risultati e con le prestazioni.
La seconda, che arriva da lontano ma che è all’origine di tutti gli altri mali: qual è l’identità delle Zebre? E soprattutto: ne hanno hanno una o chi le deve gestire (in maniera operativa) si barcamena tra una idea iniziale che è solo uno slogan o poco più e una realtà quotidiana che invece sembra andare da un’altra parte? Sono una franchigia di sviluppo o una selezione che cerca di essere quello che non è per mancanza di giocatori, progettualità e struttura? Se in FIR non si decidono su questa cosa le Zebre continueranno inevitabilmente a fare poco (nel migliore dei casi) o nulla. E continueranno a far male sia l’una che l’altra cosa.

Annunci