Dondi esce allo scoperto: la poltrona di presidente delle Zebre sarà sua

Rumors confermati: ormai al 99% sarà Dondi il presidente delle Zebre.
Giorgio Sbrocco per il sito di Glen Grant

Da Dublino, dove si trova per una sessione dell’Irb del cui comitato esecutivo fa parte, il presidente della Fir Giancarlo Dondi fa il punto sull’avventura che Zebre e Benetton stanno per iniziare venerdì in Pro 12. “Per il rugby italiano avere due squadre professionistiche che disputano il campionato celtico e partecipano alla Heineken cup è un fondamentale valore aggiunto che promette di aiutare in maniera determinante la Nazionale e l’intero movimento di base”. (…)

Nell’ambiente gira la voce che Giancarlo Dondi sarà il presidente delle Zebre. L’interessato non conferma: “Ho detto in più occasioni che, una volta smesso di fare il presidente della Fir mi avrebbe fatto piacere continuare a dare una mano al rugby italiano. Se il consiglio direttivo delle Zebre me lo chiedesse, accetterei volentieri di rendermi utile. Oltretutto io vivo a Parma…”. (…)

PER LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO CLICCA QUI

Annunci

54 thoughts on “Dondi esce allo scoperto: la poltrona di presidente delle Zebre sarà sua

  1. michele

    Poveretto essendo in pensione come può mantenersi? el. gà bisogno del compenso.
    E’ uguale-uguale alla nostra classe politica.

  2. yuri

    piano piano il cerchio si chiude…e tutto finisce dove doveva finire.
    il giocattolino è sotto casa… nessuno che rompe le scatole…la schiera di leccac….
    ecc.ecc…..
    e qualcuno ancora si stupisce??
    ora arriveranno i difensori d’ufficio (gsp e compagnia bella) a dire gentilmente che è naturale che sia lui il presidente ecc.ecc…..ma io rimango schifato lo stesso

  3. giuseppe

    Non sono pratico di beghe di federazione, accordi ecc ecc. Posso comunque dedurre che, come la classe politica attuale, la presidenza delle Zebre di Dondi implicherà ancora un fortissimo suo ascendente nelle attività della federazione, giusto? Indipendentemente da chi avrà la poltrona, immagino non sarà facile ‘governare’ qualora ci siano ancora scagnozzi dondiani tra le fila della FIR

  4. bisao

    finalmente ha detto quello che si pensava… favorire un candidato a suon di minacce palloni casacche e promesse per avere la poltrona delle zebre… ( Viadana era troppo distante..vuoi mettere uscire in giardino di casa e vedersi la partita ?)… se vuole dare una mano al rugby italiano è meglio che si dedichi ai nipoti…. e con lui la sua schiera….CHE TRISTEZZA..

  5. Giompy

    Dimenticavo: certo che se Zatta diventa presidente FIR, con Dondi presidente della franchigia… Si ribaltano del tutto i ruoli… Altro che legge del contrappasso dantesco!

    1. gian

      prima cosa che mi è venuta in mente, sai le risate, spero almeno abbiano la decenza di “offrirgliela” dopo aver vinto le elezioni (concesso e non ammesso); per quanto zatta potrebbe regalargliela lo stesso e poi farlo impazzire con cavilli e cavilletti vari, riunioni a Roma e scampagnate sui monti con munari!!!!

  6. Rabbidaniel

    “Se il consiglio direttivo delle Zebre me lo chiedesse, accetterei volentieri di rendermi utile. Oltretutto io vivo a Parma”. Scusate vado in bagno a dare di stomaco…

  7. spisier

    La crocefissione Aironi quindi,era,dunque, per questa giusta causa? Vediamo : il consiglio federale , presieduto da DONDI , revoca la licenza Celtic agli Aironi , fonda le Zebre e ora DONDI , gia’ ex presidente FIR, ne diventera’ presidente .

    SE NON E’ UN DISEGNO E’ UN …ACQUERELLO CHE FOTOGRAFA IL LIVELLO UMANO DELLA VICENDA AIRONI FIR . Che nausea ….

  8. Da

    Iiiiiiih quanti malpensanti… La colpa è tutta di Melegari!!!! Ancora non avete capito? Dondi e i parmensi non centrano niente con la fine degli Aironi. Quindi, basta con queste supposizioni!!

    😀 😀 😀

    1. Luc@

      Lo sanno anche i sassi che la fir ci ha messo del suo sulla situazione Aironi.
      Ma smettila di far passare Melagari come il santerello vittima della situazione.
      ANCHE MELAGARI HA LE SUE GRAVI COLPE!

      1. Da

        Oh non m’ero mica accorto che avessi difeso così tanto Melegari in passato.. 😀

        Per chiarirci, torno a ripetere quello che ho già scritto qualche giorno fa: Melegari ha una squadra in eccellenza nonostante tutto (Viadana), Dondi ha una squadra in Celtic League e per giunta a casa sua e i dipendenti degli Aironi rischiano di non prendere un euro per molto tempo. Eccola la mia difesa di Melegari..

      2. hull

        Si, ma gli Aironi non erano solo Viadana: erano anche Parma (e Colorno che si e’ ritirato “a sorpresa” dagli Aironi2 all’ultimo secondo, ecc.), che non ha messo i soldi negli Aironi, non ha messo i soldi nelle Zebre eppure si ritrova tutti i giocatolini (a gratis) che vuole… una vera calamita per l’alto livello…

    2. spisier

      Da , sei proprio stordito : spiegami che centra Melegari in una storia dove un vecchio despota non sa rinunciare ad una cadrega purcchessia ? non commenti un atteggiamento inaccettabile di Dondi e mi tiri fuori Melegari !!! ma dai , per favore ! Ignori tante cose , evita di pontificare e di difendere gli indifendibili parmiggiani !!!

      1. Da

        Difendo chi? Cosa? Scusami ma sei proprio fuori strada. Prima di tutto dovevi rivolgerti a Luc@ non a me perché è lui che ha criticato Melegari.
        Comunque, colgo l’occasione per togliermi qualche sassolino dalla scarpa, così almeno da chiarire il mio pensiero per tutti (condivisibile o meno ndr): Dondi è una figura che detesto, che si vanta di aver portato soldi nel rugby Italiano ma che ha la colpa principale di non averlo fatto crescere per quel che serviva, ovvero l’aspetto tecnico e il sostegno a tutto il movimento soprattutto i piccoli club.
        Melegari fa tanto il piangina ma, se permetti, dubito molto che lui sia esente da colpe su come sia finita la storia degli Aironi. Non entro nei termini tecnici perché non li conosco ma non penso d’aver torto..
        Il post che avevo scritto era al quanto sarcastico, poi se tu vuoi vederci una difesa pro Dondi allora la prossima volta scriverò realmente quel che penso.
        Io che difendo quell’uomo.. ma questa poi.. X(

      2. hull

        Melegari ha fatto un grandissimo errore: fidarsi di certa gente.
        Sapersi scegliere i soci e i collaboratori “giusti”, per un imprenditore come lui, doverebbe essere fondamentale.
        Sicuramente non aveva grandi alternative, pero’…

  9. Matteo

    Vialtri nun capì nuja qual’ è uno dei gesti più spettacolari del rugby? Il riciclo e chi è il più grande interprete? SBW?mat rogers? Tuquiri? No è dondi non capite niente come si ricicla lui non lo fa nessuno. Forse solo i politicanti italiani

    1. hull

      Hai ragione: Dondi e’ il migliore in questo fondamentale… potrebbe insegnarlo anche in Parlamento, dove nessuno e’ riuscito a rimanere presidente per 16000 anni….

  10. IVAN

    Ma guarda ,chi se ne era accorto che Dondi vivesse a Parma!! Quante cose ha sistemato prima di lasciare la sua presidenza, ad esempio: sistemato tutti i suoi protetti , Il club che lo ospita è diventato tutto in una volta il più vincente , la cittadella del rugby con tutte le connotazioni federali , le Zebre in casa,ecc ecc. Ma per piacere , pensate veramente di cambiare il rugby in questo modo! Siamo 4 gatti e riflettiamo così bene il marcio della politica italiana

  11. Paolomn

    “oltretutto vivo a Parma”….ma guarda ! ci son gli asini volanti! straordinario! Veramente da chi siamo stati gestiti per 16 anni …autoreferenziali e conniventi! la parte peggiore della politica italiana.

  12. Mario

    Che si sia fatto la sua franchigia a Parma non mi interessa pù di tanto. La cosa tragica è che per fare questo ha rovinato il rugby italiano. E ancora più drammatico è il fatto che c’è ancora chi pensa che invece grazie a lui siamo arrivati a lvelli eccelsi ….

  13. eze

    Purtroppo bisognerà sopportarlo fino al 2015 essendo il rappresentante italiano all’ IRB da dove ha pontificato oggi. Temo che fino a quella data non si toglierà di mezzo.
    Ma dal 16 settembre dovranno cominciare a vedere quanto costi il giocattolo zebrato perché lo paga solo la FIR e sarebbe uno scandalo buttare più di 10.000.000 € (temo che il danno sia ben superiore) nel giardinetto dondiano.

  14. nessuno

    mi viene da piangere…la colpa non è sua ma di quelle persone attorno a lui che per una poltrona venderebbero anche non so cosa…neanche giulio cesare è riuscito a fare tanto cosi perchè aveva qualche senatore che si opponeva..a lui neanche quello…che tristezza e vergogna

  15. malpensante

    Confermo che lo considero un fenomeno: “Se il consiglio direttivo delle Zebre me lo chiedesse” è una battuta straordinaria.

    1. hull

      Ha dimostrato di saper coniugare il condizionale, che non e’ una cosa da poco (forse voleva dimostrare qualcosa a Gavazzi per tenerlo sotto…).

      In realta’ c’e’ l’incertezza delle elezioni, per cui se venisse eletto Gavazzi gli offriranno la poltroncina, mentre se se venisse eletto un altro candidato… il condizionale sarebbe d’obbligo…

  16. Patatofen

    Che brutto… Pensavo avesse compiuto un gesto da signore dando le dimissioni da presidente FIR e ora eccolo pronto a balzare su un’altra sedia presidenziale. Spero che non accadrà, sarebbe davvero una delusione

  17. mah

    ha ha haaaaaaaaaaaaaaaa….ragazzi vado in strada a poggiare il culo sulle prime strisce pedonali che trovo…..non si sa mai!

  18. Pelè

    Eh si! Noi abbiamo l’anello al naso, per cui è normale che dobbiamo sopportare questo genere di cose. Ma la cosa che mi fa più incazzare è che lui si è fatto la franchigia a Parma con i soldi della FIR, che fino a prova contraria sono anche i nostri. Nei forum c’è gente che ce l’ha con Zatta perchè di suo non ci ha mai messo niente, tutta roba della famiglia Benetton. Voglio vedere come reagiranno questi benpensanti…

  19. Fabio

    “…Una ventata di novità che farà del bene al rugby mondiale. Ne sono certo….”
    Queste sono le parole più ipocrite uscite dalla sua bocca.
    Per l’IRB c’è bisogno di novità, in Italia, invece, siamo avanti…..
    Come dicono gli Americani? not in my garden!
    Dondi non vive a Parma, è ancora alla corte del Re Sole, anzi: lui si crede il Re Sole!
    P.S. ….ma anche le Zebre, in Heineken, giocheranno a Monza? ….così, tanto per dire…..

  20. Mau

    Spettacolo…ma d’altra parte niente di sorprendente. Il vecchio saggio si mette a disposizione per dare una mano (se il consiglio direttivo – ???? – glielo chiede). E qualcuno è ancora disposto a votare Gavazzi, questo è l’incredibile. Una domanda che mi viene adesso: come mai Glen Grant non è rimasto come sponsor sulle maglie delle Zebre visto che era già sponsor della Nazionale? Oppure sarà sia dalle Zebre che dalla Benetton (e sarebbe finalmente una buona mossa)?

  21. Picco

    Vorrei ricordare come in tempi non sospetti (ma solo per alcuni) quest’uomo di M…oletolo gestiva la nazionale:
    3 Ottobre 2007: “Abbiamo scelto Mallet per vincere tutte le partite del Sei Nazioni 2008 e centrare i quarti ai prossimi Mondiali. Mallet è l’uomo giusto!”
    3 Ottobre 2011: “Mallet non mi è mai piaciuto, tuttavia credo di averlo messo nelle condizioni di lavorare al meglio. Brunel è l’uomo giusto!”
    Ed è tutto agli atti.
    E poi non si è mai visto un somaro tra le zebre, se non al circo…
    Ergo ci sarà di che divertirsi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...