Video: un’haka di addio, brutale e commovente

Lo so, forse il rugby non c’entra moltissimo, ma la cosa mi ha colpito molto. La scorsa settimana alcuni militari neozelandesi sono morti in Afghanistan. I loro commilitoni li hanno salutati così:

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Nuova Zelanda, Video. Contrassegna il permalink.

53 risposte a Video: un’haka di addio, brutale e commovente

  1. alessandrodigiulio ha detto:

    Reblogged this on alessandrodigiulio.com and commented:
    Ho trovato questa cosa molto commovente, e contribuisce a rendere questa terra, la Nuova Zelanda, e i suoi abitanti sempre più affascinanti. Bravi!!

    • mauro ha detto:

      certo uno sprt onesto e leale come il rugby non ha nulla a che vedere con l’esercito e le false missioni di pace

      • Sasha Fraschetti ha detto:

        d’accordo tipo ottomila volte.

      • Gianluca ha detto:

        Si tratta di una danza sacra maori..(da wikipedia..) “..danza che esprime il sentimento interiore di chi la esegue, e può avere molteplici significati. Non si tratta, infatti, solo di una danza di guerra o intimidatoria, come è spesso erroneamente considerata, ma può voler anche essere una manifestazione di gioia, di dolore…”
        Come vedi, non ha neanche nulla a che fare con il rugby..e questi soldati hanno solamente manifetsato il loro dolore in una forma legata alla loro cultura..
        Capisco la polemica (come al solito STERILE..) se fosse stata eseguita prima di una azione militare..ma in questo caso..è più che attinente.

      • ivani ha detto:

        Le solite risposte da comunistello da centro sociale, primo, non parlare se non sai di cosa parli, secondo, sono guerrieri che salutano guerrieri caduti. Onore a loro.

      • federico ha detto:

        d’accordissimo. e non confondiamo i “mercenari” con i “guerrieri”, dai.

      • Alex ha detto:

        Vergognati!

  2. manuel ha detto:

    commovente!!!

  3. Giancarlo Aquino ha detto:

    Roba da brividi! Roba da resurrezione!

  4. mistral ha detto:

    nell’assurdità della guerra, attimi di poesia pura… grazie paolo per offrirci anche questi momenti di meditazione vera…

  5. diego ha detto:

    chi glielo fa fare ai neozelandesi di andare a sputtanarsi in afganisthan..

  6. FabioSettanni ha detto:

    Brividi e commozione. Come quando il silenzio viene suonato ai funerali dei militari in Italia. Tutto il mondo è uguale sotto una certa lente.

  7. yuri ha detto:

    che bel filmato nella tragicità di quanto successo… bravi…un bell’omaggio ai loro commilitoni

  8. maurizio firenze ha detto:

    Si molto commovente ed emotiva ma comunque sarebbe stato meglio che non fossero coinvolti in una guerra inutile e dannosa in cui nonostante le vite umane perdute e la gran quantità di denaro pubblico speso si continua a morire magari solo per aver fatto una festa !
    SI ALLO SPIRITO DEL RUGBY NO ALLE GUERRE

  9. socceria ha detto:

    Roba da brividi.Mi si è accapponata la pelle!

  10. GIANANGELO GREGORIO ha detto:

    C’è ancora qualcuno che pensa che l’haka sia una cosa folcloristica? Alzi la mano chi non vorrebbe un estremo saluto come questo.

    • Samu ha detto:

      Verissimo,la vorrei far vedere a tutti quelli che ci scherzano su o a quelli che la scimmiottano con spot televisivi per vetture da 4 soldi

      • mezeena10 ha detto:

        e anche chi la mette in un programma federale per premiare la migliore haka italiana..non mi stancherò mai di ripeterlo, l’haka è storia cultura tradizione, una religione in NZ..la proposta amore di dare dei premi, la trovo alquanto offensiva e indelicata..roba da circo

      • fabrizio ha detto:

        Giusto.(anche spot di genere femminile ) Appartiene poi ad una cultura che è sparsa per mezzo oceano pacifico…Il sistema mediatico di diffusione di questo sport “gioca anche su subliminali “strumenti mediali”

  11. Luca Olivari ha detto:

    Porca paletta! Da accapponare la pelle.
    comunque, Paolo, non è fuori luogo: dopotutto, li hanno omaggiati di un minuto di silenzio prima della partita, sabato. Già quello, con le foto e i nomi scanditi, era commovente

  12. fabrizio ha detto:

    E’ il rugby che ha “mutuato” questa gestualità ..”etnica”, ma da non molto tempo: durante l’ultima guerra in nordafrica non avevano nè tempo, nè spazio, nè “possibilità” per fare ciò. Crocifiggetemi ..ma di fronte alla morte bisognerebbe mostrare più….qualcosaltro. Loro fanno moda planetaria in questo. Reazione di stile barbarico.Ad ognuno il suo.

    • gianluca capone ha detto:

      io non ti crocifiggo, però non la penso come te. credo che sia uno stile di vita, che non sia spettacolo, che è nella loro anima, poi può darsi che mi sbaglio

    • Zeu ha detto:

      Emozionante, grazie per il post.
      Hai ragione Fabrizio, ma vedo un prete sicuramente quest’estratto è solo una parte del funerale, immagino si sia fatto di più.

    • Maurizio Piglia ha detto:

      In Nord Africa, il 28 Battaglione Maori, Seconda Divisione Neozelandese, onorava i suoi caduti esattamente cosi’. Fin dal 1940……

      • mezeena10 ha detto:

        anche in italia!!! han dato un grosso contributo per liberarci dalla dittatura nazi-fascista!!! infinitamente grati (in particolare al fratello di mia nonna!!!)

      • fabrizio ha detto:

        Ci sarebbe da ..discorrerne….ma il senso del blog almeno è “editorialmente” salvo.

  13. se teniam conto che l’haka è un rituale “religioso” prima che sportivo (noi lo conosciamo solo nel rugby, al massimo come “danza di guerra”), non dovrebbe stupire più di tanto.

    commovente comunque. dev’essere anche parecchio liberatorio!

  14. Ruggero ha detto:

    Un Popolo meravglioso… non come noi…. 😦

    • FabioSettanni ha detto:

      Non condivido la tua affermazione.
      O almeno la seconda parte: se siamo i primi a ripetere sempre che facciamo schifo….chi credi che avrà voglia di dire il contrario?
      Loro son sicuramente un popolo diverso da noi, in alcune cose migliore però…per favore…smettiamola di tirarci sempre la pala sui maroni stile Tafazzi….e dai….

    • fabrizio ha detto:

      Una tribù iper-grezza subdolamente “infiltrata” da Europei cementata a fatica in valori comuni. Noi siamo un “affastellamento” plurimillenario di culture barbariche e civiche molto diverso….anche qui ne potremmo parlare per chissà quanto…

  15. Sergio ha detto:

    nel rispetto del dolore di un funerale, che ogni razza e popolo celebra con diversi usi costumi e tradizioni, credo che sia stato un bellissimo gesto…gesto che elevava ancor più il rispetto di una comunità e di tutto un popolo ai soldati caduti…dalle immagini sembra che non sia stato assolutamente programmato e questo ne aumenta il valore…significa che in quei momenti è il cuore che comanda più di un freddo protocollo cerimoniale…onori a loro come a tutti gli altri caduti

  16. mezeena10 ha detto:

    Pö atarau E moea iho nei E haere ana Koe ki pämamao Haere rä Ka hoki mai anö Ki i te tau E tangi atu nei

  17. salvatore giardina ha detto:

    è il trionfo dello spirito di appartenenza, l’orgoglio delle origini , l’amore della Patria. Ma perchè morire in una guerra senza senso e senza fine?

  18. GPU ha detto:

    È bello e commovente. Ma non importabile in Italia. L’unica alternativa in queste situazioni sarebbe il silenzio, visto che non sopporto gli applausi.

  19. santa ha detto:

    struggente,quando un’azione parte dal cuore non e’ mai fuori luogo.
    l’amicizia forgiata sul campo da rugby e’ indissolubile,anche se non lo hai mai conosciuto.
    qui abbiamo molto da imparare

  20. Franco ha detto:

    C’è qualcuno che fa la haka per gli afganin, soprattutto civili, in qualche caso villaggi interi, morti ammazzati a casa loro dai militari della NATO per conto dell’impero a stelle e strisce?.

  21. Francesco ha detto:

    Fabrizio non ha brillato proprio per una frase intelligente…. La guerra fa schifo, e i militari muoiono, sono pagati per questo; non toglie però che quando muoiono dei fratelli faccia tanto male. E allora, gli sia lieve la terra, anche a questi morti per una guerra inutile.

  22. Francesco ha detto:

    Aggiungo (mi son scordato) che è bello vedere un reale esempio di integrazione. Un rito degli isolani fatto proprio anche dai bianchi. Non c’è proprio un cazzo di folkloristico in questo.

    • fabrizio ha detto:

      Ogni “cazzo di folkloristico” manifestato sulla faccia di questa terra non ha un cazzo di folkloristico. 🙂 Nelle studio delle discipline “umanistiche” ..”integrazione” ha un etimo diverso in pratica ed effetto da “valore comune” o “valore condiviso”. (senza offesa)

  23. piero ha detto:

    Penso che al mondo ci siano vari usi e costumi, il silenzio fuori ordinanza, la bandiera a mezz’asta, i colpi a salve del picchetto d’onore, i militari i corpi armati o l’esercito un’entità patriotica che si stà via via dissolvendo, in nome della globalità e dell’interscambio culturale e dei lavoratori, e poi, chi se non vi ha un reale interesse economico, può considerare una guerra giusta. Credo solo che il dolore strozzato in gola, per la morte di un’amico può prendere varie forme, e perchè no anche un’haka commovente, ONORE AI GUERRIERI CADUTI.

  24. capehorn ha detto:

    E’ difficile trovare le parole giuste per commentare l’ultimo gesto di pietà verso chi ha condiviso anche l’ingiustizia della guerra, oltre che l’amicizia e l’amore verso le proprie tradizioni e origini.

  25. Denny ha detto:

    parlate con i militari che preastarono e/o prestano servizio in aree di guerra, guardateli bene negli occhi quando vi raccontano le avventure, alle volte divertenti altre volte tragiche, vissute con i loro commilitoni che sono divenuti loro fratelli e capirete questa haka.

  26. ironduke ha detto:

    ha qualcosa di epico ,da pagine dell iliade ,bellobellobello nella sua tragicità

  27. Olmo ha detto:

    Fosse per i “comunistelli” non ci sarebbe stata nè questa haka nè queste lacrime… veramente inutili al progresso dell’umanità.
    Forse una cosa ci trova tutti d’accordo: politica e sport vanno tenuti distinti. Il rugby è ancora uno sport sano, soprattutto nei valori. Aiutiamo tutti a preservarlo. Ciao

  28. fabrizio ha detto:

    Grillotalpa!..Hai vinto 🙂 dopo aver gettato sassi in uno stagno ho preso morsi da pitoni e vedove nere..ora mi eclisso soddisfatto. Sic transit gloria mundi.

  29. fabrizio ha detto:

    io sono paracadutista e per molti anni ho giocato anche a rugby….ho avuto la fortuna di vedere una haka dal vivo durante una partita degli all blacks….sono due situazioni di vita uniche,messe insieme in un simile contesto diventano uniche!!! amo sempre dire testa da paracadutista,carattere da rugbista

  30. rizzi giovanni ha detto:

    … lasciamo il giudizio ai caduti che sicuramente appieno ne hanno compreso il significato….. e lasciate a me la commozione….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...