Zebre-Perpignan 5-33 cronaca e tabellino

dall’ufficio stampa Zebre Rugby

Marcatori : p.t. 12’ m.Narroway tr.Hook (7-0); 28’ m.Hook tr.Hook (14-0); 32’ m.Giazzon (14-5) ; s.t. 21’ m.Tuilagi tr.Hook (21-5); 28’ m.David (26-5); 34’ m.Perez tr.Mélé (33-5);

Perpignan: Hume (60’ Fritz), Guitoune (60’ Sid), Catala (48’ Pujol), Piukala (53’ Catala, 79’ Guitoune), Planté (60’ Vilaret), Hook (72’ Hume), Mélé, Narraway (53’ Tuilagi) , Guiry (60’ Arnaudiés), Bezian (53’ Péréz), Taofifenua (46’ Vaahamahina), Leo (74’ Bezian), Mas (cap) (60’ Cotet), Terrain (60’ David), Pulu (53’ Schuster).

all.Delpoux

Zebre: Sinoti (60’ Venditti), Sarto (40’ Benettin), Garcia (cap, 60’ Chiesa), Pace (40’ Quartaroli), Venditti (40’ Odiete), Orquera (20’ Chiesa,60’ Orquera) Chillon (40’ Tebaldi), Cristiano (40’ Belardo), Cattina (60’ Cristiano), Bergamasco (40’ Ferrarini), Van Vuren (40’ Caffini) , Geldenhuys (60’ Van Vuren), Ryan (30’ Leibson, 60’ Tripodi), Festuccia (30’ Giazzon,60’ Manici), De Marchi (25’ Perugini, 50’ De Marchi 60’ Aguero).

all.Gajan

arb.Pascal Gauzére

Calciatori: Hook (Perpignan) 3/4 , Mélé (Perpignan) 1/1; Chillon (Zebre) 0/1

Cartellini: 38’ giallo a Leo (Perpignan), 58’ giallo a Ferrarini (Zebre) e Schuster (Perpignan)

Note: serata limpida e ventilata, temperatura 30°, terreno in buone condizioni, 2598 spettatori. Water break osservato al 20’ e al 60’ minuto.

Il commento: Il Perpignan allenato da Marc Delpoux – ex allenatore del Calvisano – continua la sua striscia positiva di vittorie davanti al pubblico di casa superando le Zebre alla loro prima uscita stagionale dopo un mese di prepazione. Davanti ai 2598 dell’Aimé Giral i rosso-oro catalani hanno ottimizzato tutte le azioni d’attacco mentre la formazione italiana, che ha giocato alla pari della formazione di Delpoux, ha gettato diverse occasioni permettendo ai francesi di rimanere sempre davanti nel punteggio. Davanti a Jacques Brunel – allenatore della Nazionale Italiana ed ex allenatore proprio del Perpignan – le Zebre hanno mostrato tanta voglia di giocare ed una buona organizzazione difensiva. Ottime note dunque in ottica Nazionale soprattutto per i più giovani della rosa. Chiaramente negli ultimi 20 minuti, anche a causa del calo di alcuni effettivi fondamentali della rosa di Gajan, si è vista la differenza di preparazione.

La cronaca: Nel primo tempo si fa subito notare il Neozelandese Sinoti che, schierato questa sera come estremo, sfrutta le sua grande esplosività innescato in un paio di buone azioni dai suoi compagni di reparto. Alla prima azione insistita nei 22 bianconeri la formazione francese va in meta con Narroway dopo diversi pick & go degli avanti. Il cecchino gallese James Hook trasforma la meta. Le Zebre rispondono subito con un’azione brillante di Orquera che, sfruttando un buco al centro della difesa avversaria, è fermato solo a 5 metri dalla linea di meta e due azioni importanti di Venditti e Sarto che però commettono in avanti. Dopo il primo stop per dissetarsi rientra in campo Cattina con una vistosa fasciatura al capo frutto di uno scontro di gioco all’undicesimo minuto. La difesa delle Zebre nella propria area di meta è caparbia ma indisciplinata; diversi falli in ruck fischiati dall’arbitro Gauzére con i catalani che insistono giocando ripetute mischie. Gajan decide di rinforzare il pack inserendo Perugini per De Marchi ma è Hook a finalizzare in mezzo ai pali un’azione insistita dei francesi. Lo stesso Hook trasforma nuovamente. L’ingresso di Chiesa coincide col momento migliore delle Zebre che trovano la meta col tallonatore Giazzon dopo che il pack italiano sfrutta al meglio una penetrazione in maul; Chillon sbaglia la trasformazione. Il primo tempo si conclude col giallo a Leo per un fallo duro su Bergamasco: è partita vera allo stadio Aimé Giral.

Secondo tempo che comincia con molti cambi e con la mediana Tebaldi-Chiesa . E’ l’ala Odiete a mettersi in luce in un paio d’occasioni prima con un calcetto a scavalcare poi al largo ma senza trovare la meta. Le Zebre continuano il loro momento positivo difendendo in modo efficace e restando stabilmente nella metacampo catalana ma senza portare a casa alcuna segnatura. Al 58’ è il direttore di gara a dover sedare gli animi in campo mostrando un doppio cartellino giallo a Ferrarini e a Schuster prima dell’ultimo “water break” dopo il quale fanno il loro debutto gli ultimi giocatori a disposizione del coach Gajan. Negli ultimi 20 minuti la squadra francese sottolinea nettamente la differenza nello stato di preparazione delle due formazioni andando in meta 3 volte al 61’ con Tuilagi, al 68’ con David e al 74’ con Péréz. Nel mezzo una buona azione d’attacco delle Zebre che si conclude con un tenuto fischiato a Belardo. Al fischio finale la formazione italiana esce dal campo tra gli applausi del pubblico catalano che ha apprezzato l’atteggiamento ed il gioco d’attacco dimostrato dalla squadra bianconera.

Appuntamento a domenica prossima 5 Agosto per la seconda gara del tour francese che vedrà le Zebre sfidare la formazione francese di PRO D2 di Aurillac a Camarès alle ore 18 nel “Vaquerin Challenge”

Annunci

39 thoughts on “Zebre-Perpignan 5-33 cronaca e tabellino

  1. Matteo

    dalle poche statistiche è positivo che perpignan abbia avuto due ammoniti ma in venti minuti giocati in più uomini le zebre hanno totalizzato 0 punti, mentre perpignan ha fatto 12 punti in superiorità numerica attacco puco cinico e difesa che non si riesce ad adattare cominciamo bene

    1. teorub

      comunque secondo l’uffico stampa Zebre hanno giocato alla pari….infatti giocando alla pari e con 2 uomini in più hanno preso la bellezza di 33 punti….se giocavano non alla pari quanti ne prendevano ?

      1. Matteo

        hai ragione ma le zebre in 14 hanno preso 12 punti lo stesso e comunque l’ufficio stampa delle zebre ha firmato l’articolo quindi a meno di dati certi possono scrivere tutto quello che vogliono es quanti line braker hanno fatto e i placcaggi giust gli errori individuali? io ho solo commentato l’unico dato statistico.

    2. hull

      Ciao Matteo, ti segnalo che non hai notato che c’e’ stato un cartellino giallo a Leo al 38′), ma i due cartellini gialli successivi (Shuster e Ferrarini) estratti al 58′ sono stati reciproci, per cui entrambe le squadre erano in 14 (=nessuna delle due squadre aveva superiorita’ numerica).
      Cartellini: 38’ giallo a Leo (Perpignan), 58’ giallo a Ferrarini (Zebre) e Schuster (Perpignan)

      Non ho neanch’io grandi simpatie per le Zebre, ma evitiamo di farci accecare da questo.

      Personalmente mi aspettavo un divario molto superiore, tanto piu’ che tre delle cinque mete le hanno prese negli ultimi venti minuti, con molte seconde scelte in campo, per cui ci potevano stare, anche alla luce del fatto che Perpignan comincia il campionato due settimane prima (e che e’ una squadra rodata, di gran tradizione e ben costruita nel tempo).

  2. Moro0

    veramente i minuti in superiorità sono stati 10 e non 20 visto che sono stati ammoniti insieme ferrarini e Schuster, il perprignan quindi non è mai stato in superiorità numerica non so quei 12 punti in che statistica compaiono…

    cmq come prima uscita non mi sembra andata male contando il tempo a disposizione e la differenza di preparazione, poi magari sono io troppo ottimista…

    1. bloubulle

      in effetti anche io all’inizio avevo pensato che avessero vinto le zebre 33a5.
      Cmq come prima partita di una squadra nata un mese fa e soprattutto contro il perpignan non mi sembra un risultato poi cosi male.

  3. Machete

    beh tutto sommato non sembra malaccio come prima uscita…….considerando che la preparazione è partita meno di un mese fa…..che mancano gli automatismi e i giocatori ancora non si conoscono….e che davanti c’era il Perpignan…..soprattutto fa bene sperare che ci sia voglia giocare…….

  4. Picco

    L’articolo é a firma dell’ufficio stampa delle zebre, ergo la mano é la stessa dell’istituto luce fir.
    Quanto al risultato, c’é ben poco da rallegrarsi per i “somari”, ma contenti loro…
    Auguri!!!

    1. hull

      Non ho gran simpatia per chi ha messo insieme l’Armata Brancaleone, ma se tu ti aspettavi che una squadra messa insieme in fretta e furia in economia (con i giocatori che non avevano trovato sistemazioni migliori…) qualche settimana fa umiliasse il Perpignan che comincia il campionato due settimane prima, beh…

    2. marco giovanchelli

      Il paragone con l’istituto luce fir è fantastico condividuo in pieno la tua considerazione aggiungerei che la metà dei giocatori dei ciuchi a strisce non giocherebbe titolare in eccellenza .Se ricordo bene anche l’anno scorso qualcuno era in panca ìn eccellenza o giocava in squadre mediocri.Vediamo se me lo pubblicano questa volta il commento stameni me l’hanno bocciato non ogìffendevo mica nessuno ma qualcuno probabilmente è molto permaloso e si sa la verità fa male . Hasta siempre.

  5. la solita storia italiana sul rugby delle squadre italiane quando giocano all’estero:” abbiamo giocato bene “………………..5-33 vi sembrano pochi………..troppo buonismo .. un quarto dei gicocatori delle zebre (già il nome è tutto un programma mi evoca troppo i serpenti striscianti del calcio) l’anno scorso non giocava neanche titolare in eccellenza.Prevedo sonore rintronate.

    1. hull

      Prevedo anch’io sonore sconfitte, per questo un 5-33 in amichevole precampionato col Perpignan non mi scandalizza per niente. Anzi, mi sorprende in positivo perche’ mi aspettavo di peggio…

  6. gino(monza)

    signori chissà xchè ma i commenti mi sembrano esagerati e troppo negativi per le Zebre.
    Se non sbaglio nascono dagli aironi rimasti e nuovi innesti che si devono ancora amalgamare e capire.
    Discutere sullo score ottenuto o su quello che poteva essere in base alle aspettative mi sembra cosa inutile.
    Si può godere delle disgrazie altrui ma mi sembra una visione miope e che non porta a nulla.
    Penso che possano fare meglio degli Aironi e ne sono fermamente convinto comunque da amante del rugby mi farà piacere se le zebre dimostreranno di essere valide come sarò contento se altrettanto farà TV e pure meglio.
    Per il bene del nostro rugby dovremmo supportare le due celtiche ed essere contenti se fanno bene non se fanno male pur rimanendo ciascuno per TV o Zebre.
    Penso inoltre che sulle Zebre ci sia la mano di Brunello più che Dondi che se ne andrà mentre Brunello rimane ed è impegnato ad ampliare la base per la nazionale.

    1. hull

      Personalmente non vedo bene le Zebre come te e ho delle aspettative molto basse (secondo me sono inferiori agli Aironi dell’anno scorso e probabilmente anche agli Aironi del primo anno), per cui non mi aspettavo certo che vincessero col Perpignan (e quindi nessuna delusione).
      In un certo senso, sara’ dunque relativamente facile sorprendermi (basta una vittoria in tutto il Pro12 per eguagliare i risultati degli Aironi del primo anno in quel campionato).

      1. gino(monza)

        io penso che faranno meglio dello scorso anno.
        magari mi sbaglio ma ho fiducia nei francesi

      2. Picco

        OT: (mi scusino gli altri, ma non essendoci messaggistica privata lo scrivo qui) @hull, sembri proprio un mio carissimo amico. Anzi, da come scrivi credo proprio sia tu… nel qual caso ci vedremo presto allo stadio ^_^

  7. Matteo

    @hull difatti io ho detto che non ci sono statistiche o video di fatto non sappiamo come hanno giocato ma sappiamo solo quando ci sono state le marcature e i cartellini. non sappiamo se le zebre hanno attacato tutto il tempo e l’usap ha infilato cinque mete su intercetti o se hanno difeso per poi una volta logorati capitolare. da notare che non hanno calciato punizioni tra i pali quindi era una vera amichevole per testare il gioco se fosse stata una partita che valeva qualcosa non l’avrebbero fatto e poi se hai giocato sai benissimo cosa vuol dire vedere una delle due squadre che usando il piede mortifica gli sforzi (sia difensivi che offensivi) dell’altra. un ultimo appunto tu dici che hanno preso la maggior parte dei punti con le riserve in campo, è vero ma ti aggiugo che la squadra più forte è quella che ha la panchina più forte sia mentalmente che fisicamente, quindi 33-5 si ma non sappiamo altro possiamo ipotizzare almeno che non ti leggi il comunicato stampa a firma zebre che dice che va tutto bene e ti accontenti

    1. hull

      Matteo, ma tu davvero pensi che le Zebre (o la Nazionale Italiana, se preferisci…) possano vincere sul velluto contro il Perpignan?

      “La squadra più forte è quella che ha la panchina più forte sia mentalmente che fisicamente”, ma mi sembra che nessuno abbia MAI messo in dubbio che il Perpignan e’ MOLTO piu’ forte, e non solo dal punto di vista del budget (che ti consente di acquistare sia titolari forti che riserve forti), ma anche sotto tutti gli altri punti di vista.
      Io mi sono sorpreso che dopo 60 minuti le Zebre avessero preso SOLO due mete (a una).
      Con i discorsi che fai te allora non bisognerebbe nemmeno scendere in campo…

      Il fatto che la storia delle Zebre non ci piaccia (per lo meno, a me personalmente non piace proprio), non e’ che automaticamente significhi disprezzare i giocatori (che sono comunque inferiori agli avversari diretti) qualunque cosa facciano. O no?

  8. Vinicio

    Ho letto una breve intervista della seconda Perigna,che ha detto semplicemente,bravi loro a rallentarci.Di attacco nemmeno l’ombra ma nessuno si aspetta nulla da Troncon.Difesa discreta che si sgretolera’ in un mese perche’ Gajan pensa non sia molto importante,così come la prima linea. Saranno passi indietro nonostante sia il 3 anno per almeno 20 giocatori di CL. Brunel un uomo da esiliare.

  9. Matteo

    @hull daccordo sarò molto disfattista sulla questione ma comunque quello che stò dicendo è che stiamo basando tutto su un tabellino scarno e su un comunicato stampa stile fascismo dove non si mettono in luce i difetti di una formazione ma si esaltano i pregi, quindi tutto quello che stò dicendo è che vorrei avere delle info maggiori prima di commentare cosa che non viene nemmeno riportato, anche a me non piaciono le zebre (più per la vicenda che per i giocatori) ma ciò non capisco sono i commenti senza avere sotto mano niente, di fatti io ho commentato il fatto dei cartellini
    ps i giocatori più forti non sono necessariamente quelli che costano di più ma quelli che valgono di più anche se come dici tu l’aspetto economico conta

    1. hull

      Ma per carita’, lasciamo da parte il disfattismo….
      Hai commentato una delle poche cose che si possono leggere nel tabellino (i cartellini) e hai anche sbagliato! capita…;-)

      Secondo te, se Perpignan avesse pensato che uno dei giocatori delle Zebre fosse superiore ad uno dei loro, avrebbero avuto difficolta’ ad ingaggiarlo qualche settimana fa? Se hanno deciso che non gli interessava ci sara’ stato un motivo… orsu’… a meno che non si pensi che le Zebre son molto piu’ brave a valutare i giocatori del Perpignan… cosa difficilina da sostenere…

  10. Peter Stringer For President

    Chiedo ai vari filo-fir…

    dal sito delle zebre:

    Il Perpignan allenato da Marc Delpoux continua la sua striscia positiva di vittorie davanti al pubblico di casa

    dal sito http://www.zebrerugby.eu/formazione-gajan-contro-perpignan/

    ma poi leggendo sotto

    Il Perpignan allenato da vecchie conoscenze del rugby italiano come Marc Delpoux e Giampiero De Carli si presenta all’appuntamento dopo aver già disputato due (sic!) amichevoli sul campo di casa battendo Narbonne (Pro D2) per 62-0 il 20 Luglio scorso e perdendo di misura, 25-24, contro i campioni in carica del TOP14 francese di Toulouse venerdì scorso 27 Luglio davanti a 7000 tifosi catalani.

    una stricia positiva? Ca++o sembrava avessero giocato e vinto almeno 4 o 5 partite…

    A proposito nel sito manca la struttura societaria

    Chi e’ il presidente? Chi sono i consiglieri?

    Ho provato a scrivere le stesse domande utilizzando il form nel sito.

    Sono curioso di vedere cosa, quando e soprattutto se mi rispondono.

    plus ça change, plus c’est la même chose

    Literally “The more it changes, the more it’s the same thing.”

  11. Elio

    Immagino che quelli che già ad oggi scrivono commenti negativi sulle Zebre siano gli stessi che fino alla scorsa stagione giustificano gli Aironi anche davanti ad un 82-0….

  12. leonida1000

    Poche considerazioni:
    1 stiamo parlando di Perpignan, che in amichevole con i campioni di Francia ha perso di 1 punto, e’ chiaro che sono superiori

    2 e’ altrettanto chiaro che se leggi il comunicato stampa delle Zebre non ti ritrovi col punteggio sarebbe meglio essere più’ obiettivi

    3 e’ meno chiaro il sarcasmo di alcuni commenti, espressi probabilmente dimenticando i risultati imbarazzanti degli Aironi

    4 rimane poi oscuro cosa propone per sviluppare il rugby in TUTTO il Paese chi spara (per non dire altro) sulla FIR salvo esaltarsi per l’acquisto da parte del club del cuore dell’ennesimo sudafricano o altro straniero in ruoli chiave alla faccia dello sviluppo dei giocatori Italiani.

    1. Peter Alexander Stringer for President

      @ Leonida 1000 per quanto riguarda il punto 4 vorrei chiederti chi hanno preso le Zebre nei ruoli chiave…. quelli che giocheranno, intendo (tra l’altro voglio vedere se cambieranno le regole per gli stranieri in campo…)
      Presi coi soldi di tutto il movimento. Coi soldi di TUTTO il paese.

      @ Elio
      Gli Aironi non erano pagati totalmente coi soldi tolti al movimento, ai bambini … Immagina che il nuovo Habana o Sonny B. Williams abbiano la sventura di nascere a Messina e non poter esplodere giusto perche’ invece del campo di cui avrebbero bisogno…

      A proposito, mi sapete dire chi e’ il presidente delle Zebre? I dirigenti? Quanto prendono? Cosa prendera’ il presidente? 200-250 mila all’anno? Quante auto blu avra’?

      1. hull

        Se posso permettermi, tu nella tua critica confondi i “dirigenti” delle Zebre e, diciamo, la “storia” delle Zebre (e su questo sono d’accordo con te), con i giocatori delle Zebre, che sono delle persone che (in gran parte) sono in quella strada per mancanza di alternative e anche probabilmente perche’ messi di fronte alla possibilita’ “prendere o lasciare” di entrare nel giro della Nazionale.

        I giocatori provenienti dagli Aironi avevano in gran parte contratti pluriennali firmati che sono stati disattesi, probabilmente non hanno ricevuto i loro ultimi stipendi dagli Aironi e sicuramente hanno firmato nuovi contratti con forti ribassi (dopo che “volontariamente” era stato fatto passare il tempo “giusto” per permettere loro di trovare reali alternative sul mercato (se hai notato, tutti quelli che hanno potuto permetterselo, se ne sono andati al volo nelle squadre estere che erano in ritardo per mettere insieme la rosa).
        Io non ho proprio niente contro di loro, non capisco il tuo odio.
        Non e’ certo dei giocatori la colpa della situazione, anzi, a me sembrano le prime vittime.

    2. Vinicio

      Leonida anche tu caschi nella storia degli Aironi.Al 3 anno g
      I Aironi in precampionato avrebbero fatto decisamente meglio,e Perpignan non ha certo pestato negli ultimi mi uti.Ora vediamo il risultato di Aurillac che e’ a livello di Rovigo , Northampton e poi parliamo.Li ci sono 20 ragazzi che sono al terzo anno di buone esperienza,ma ci 3 incapaci o 5 meglio alla guida.

      1. hull

        Mannaggia! con questa storia ci siamo mangiati una Heineken Cup sicura… quasi…

        Abbiamo sostituito una squadra scarsa (=da retrocessione, se ci fossero state le retrocessioni) con un’altra ancora piu’ scarsa (=pur sempre da retrocessione, e spendendo ancora di piu’…).

  13. gino( monza)

    Hull
    Scusa ma non e’ che abitando in Inghilterrs stai diventando come loro? Senza offesa mi raccomando.

  14. Hrothepert

    Perchè offendere i giocatori delle Zebre con epiteti quali “ciuchi a strisce”, “asini”, ecc.., se non vi stanno simpatici quelli della F.I.R. (il che è lecito o, addirittura, condivisibile) cosa centrano i giocatori?!? Alcuni sono gli stessi che poi tifate quando giocano in Nazionale. Ricordatevi che il mondo gira e che se i magliettari si ritirano dal Rugby anche i Leoni; senza gli “sghei united color”, potrebbero ritrovarsi ad essere “micetti”!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...