Elezioni FIR: Gavazzi “scarica” Sky

A me a fine giugno aveva detto che l’eventuale “perdita” di Sky non sarebbe stata poi così grave per il movimento. Ora, in una intervista rilasciata a Patrizio Sanasi di Brescia Oggi il candidato a presidente FIR Alfredo Gavazzi va oltre…
Personalmente non credo che il dubbio sia tanto tra tv a pagamento/tv in chiaro, ma più sulla qualità dell’offerta. Ma sono solo punti di vista.

«Credo che il fulcro della nostra crescita passi dall’aumento di spettatori. Spettatori dal vivo, prima ancora che televisivi. Quest’anno purtroppo il 6 Nazioni non ha portato aumenti di spettatori a Sky. Bisogna cercare partner Tv che trasmettano in chiaro e facciano arrivare con facilità il rugby nelle case di tutti. Un corretto piano di marketing, oltre a un minuzioso lavoro di supporto ai club di tutti i livelli, potrà aiutarci ad aumentare gli spettatori degli incontri, già a partire dall’Eccellenza – conclude Gavazzi -, con tutte le ricadute positive che questo comporta».

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cose d'Italia, Rugby in TV. Contrassegna il permalink.

114 risposte a Elezioni FIR: Gavazzi “scarica” Sky

  1. Mah ha detto:

    Obiettivamente,..il ragionamento non fa una grinza. E’ il titolo che fa cagare. Velina mattutina del proprietario del tinello?

    • il grillotalpa ha detto:

      Non mi pare che le (ottime) produzioni su La7 facessero sfracelli di ascolti. Non parliamo della Rai, con produzioni meno ottime. Sono un utente Sky da sempre e ritengo che la qualità che quell’emittente può fornire – in tutti gli sport praticamente – a oggi non ha rivali in Italia. Il titolo ti farà cagare – a proposito, che profondità di giudizio… – ma alla fine traduce in stampatello quello che Gavazzi dice in corsivo. E mi spiace per la ristrettezza delle tue opinioni sul sottoscritto, ma che devo farci?
      ps: così, giusto per dire, Vittorio non è un dipendente Sky. Credi che gli cambi qualcosa il Sei Nazioni o meno? Continuerà a fare le telecronache sull’Emisfero Sud

      • Gabriel ha detto:

        gli cambia, gli cambia… perchè gli spettatori italiani del 6 Nazioni sono “un poco” di più di quelli delle partite dell’Emisfero Sud.

      • mezeena10 ha detto:

        quoto paolo! sulla qualità c’è un abisso tra sky e le altre emittenti ( immagini, regia, competenza)..sicuramente munari non resterà disoccupato! quanto a gavazzi (amari), ripeto, ogni volta che apre bocca perde un’ottima ragione per star zitto..come si fa a scaricare una delle pochissime tv che trasmettono rugby (e non solo periodo 6N)? è risaputo ci sia la folla per accaparrarsi i diritti tv!!!

      • Filippo ha detto:

        Paolo quoto in toto…e oltre tutto la pochezza dei commenti sia su La7 che sulla Rai

    • biagio ha detto:

      Hai centrato il problema …

    • Peter Stringer For President ha detto:

      @ Mah
      Aiutami a capire cosa vi e’ di sbagliato nel titolo?

    • Peter Stringer For President ha detto:

      Tra l’altro…. Sky pagava… Alle altre vanno a gratis… O sbaglio?

      • Filippo ha detto:

        Caro gabriel un commento come il tuo può venire fuori solo da chi non capisce una cippa di rugby…la differenza è che il rugby dell’emisfero sud è per chi ne capisce di rugby la nazionale è il prodotto per i neofiti e perchi mediamente non ne mastica tanto…

  2. ironduke ha detto:

    il grillotalpa ha ragione sky è l’unica emittente che confeziona un prodotto sportivo quantomeno eccellente ,qualsiasi altra emittente è una deminutio capitis ….. tiè pure la frase latina e da uno che giocava pure in mischia …..

    • mezeena10 ha detto:

      iron scusa, che c’entra la perdita di libertà o cittadinanza? quoto per il grillotalpa ha ragione!!!sempre!!!:-)

    • angelovolpe ha detto:

      Non si può disgiungere qualità e quantità. Se il programma è ben confezionato e la partita è commentata con competenza il pubblico viene catturato e torna la volta dopo. E trenta euro al mese sono l’equivalente di due pizze…. Ma vogliamo fare paragoni con il servizio offerto dalla Rai e le telecronache ridicole di Pescante (non garantiscono nemmeno la messa in onda regolare) o i commenti da bar sport di Cecinelli? Ma dai…

  3. Ranma25783 ha detto:

    ma al rugby servono contatti, non qualità alla portata di pochissimi eletti! Grande Gavazzi!

    • 5regg ha detto:

      Per una buona diffusione del rugby ci vuole qualità e quantità. Sky indubbiamente la qualità la sa dare, ora bisogna vedere se si riesce abbinare la quantità alla qualità. Grande Gavazzi per niente. Dov’è stato sinora il buon Gavazzi se non nel consiglio di amministrazione della Fir e personalmente non credo che ora abbia quei contatti che non ha mai avuto. Se li avesse avuti avrebbe potuto usarli anche prima o per caso saltano fuori adesso che ci sono le elezioni?

      • Massi ha detto:

        Ma onestamente sfido un utente che non capisce molto di rugby a non cambiare canale dopo 5 minuti di commenti dei vari Cecinelli, Bollesan ecc che facevano i commenti su la 7

    • spisier ha detto:

      Grande Gavazzi ?!?? PIU’ SPETTATORI NEGLI STADI E’ BELLO ?? Scopre l’acqua calda oggi dopo almeno 10 anni di presenza FIR ?? e che ha fatto in questo periodo per farli crescere ?? era distratto o si era addormentato ? Caccia fuori questa illuminata affermazione solo ora che candidato presidente ?? RAMNA 25783 ( parente di Gavazzi ? ) , serve anche la qualita’ di Sky se vuoi presentare un bel prodotto ! il tuo commento e’ grezzo e partigiano …

    • michele ha detto:

      tipo le telcronache della rai ho le riprese sui fili d’erba? La quantita la trovi in cina.

    • angelovolpe ha detto:

      Campagna elettorale pro Gavazzi già iniziata, compresa la claque plaudente…??

  4. vittorio emanuele parsi (prof) ha detto:

    mi pare che l’azione di sky sulla diffusione del movimento vada misurata su un tempo un poco più lungo.. e poi la7 in chiaro fa meni ascolti di Sky a pagamento…

  5. Fabrizio ha detto:

    Ottimo, adesso tornerà in chiaro, magari in differita su La7 o su Raisport con commenti da coma profondo. Spero almeno che le altre partite del 6 nazioni che non coinvolgono l’Italia rimangano su Sky! E i test match?

  6. francava ha detto:

    Voi siete fuori dal mondo e non ve ne rendete nemmeno conto !!!!!!! Perorate Sky che significa minimo euro 350,00 l’anno per poter vedere il rugby in un paese attualmente in crisi e dove parecchia gente sta cominciando a chiedersi se pagare per vedere il calcio. Probabilmente immaginate di essere nel regno unito o irlanda e francia oppure nelle tre nazioni ex colonie inglesi dell’emisfero sud dove il rugby è sport principale o almeno con la stessa importanza del calcio nel sentire popolare. Stiamo parlando dell’italia ovvero paese calciofilo universalmente riconosciuto dove qualsiasi altro sport fa fatica a diventare popolare.

    • Fabrizio ha detto:

      350 euro annui sono circa 29 al mese e vedi anche tutti gli altri sport con qualità e competenza. Se vai a farti una cena (o due volte al cinema) spendi anche di più quindi non vedo dov’è tutto ‘sto dramma. Tanto La7 in chiaro non è che fa ascolti molto superiori a Sky, quindi il Rugby rimane comunque per pochi…

      • FabioSettanni ha detto:

        Ottima analisi. Sono d’accordo.

      • poppy ha detto:

        d’accordo

      • aquiladoc ha detto:

        che dire…ricordo il petrarca in bianco e nero sulla rai mille anni fa…ormai se vuoi rugby c’è SKY che per 10 mesi l’anno trasmette dirette e repliche che possono essere utili didatticamente per i giovani rugbisti. Se sparisce sky non vedremo l’Italia o non vedremo il rugby mondiale?…non è la stessa cosa…certo se le emittenti italiane si rendessero conto che il rugby esiste non sarebbe male…ma la palla ovale è sola contro tutti…le altre sono tutte tonde….

  7. Luc@ ha detto:

    Io sono curioso di vedere la qualità che metterà in campo SI.
    Se ci sono Costantino, Barca, Bettarello, credo che la qualità possa essere molto buona.
    Comunque è lapalissiano che Sky ha una qualità irraggiungibile per le altre emittenti, come è altrettanto assodato che La7 faceva molti più ascolti con il 6N rispetto a Sky.

    • Filippo ha detto:

      si avran anche fatto più ascolti ma cecinelli e mazzariol sono inascoltabili…partigiani fino al midollo e vedono una partita tutta loro….fan veramente schifo…per essre elegante

  8. Emy ha detto:

    Abbonata Sky da anni e abbonata Sky Sport per il rugby, sono un po’ combattuta sulla questione.
    Il prodotto offerto da Sky non ha paragoni rispetto a quello delle emittenti in chiaro: dalle telecronache agli approfondimenti, dall’HD alle riprese, dalla qualità di servizi ed inviati alla pubblicità degli eventi, non c’è proprio paragone. Quando uno si abitua, occhio, orecchio e qualità del contorno, a Sky e poi vede una partita su un altro canale, ha all’istante l’impressione di essere finito su una tv locale che trasmette scapoli vs ammogliati.
    E’ però vero che se si vuole allargare la diffusione del rugby e cercare di attirare nuovi appassionati e nuovi spettatori, passare per la tv in chiaro è un obbligo. Io stessa non posso dimenticare che il mio primissimo contatto con il rugby, anni fa, era stato imbattendomi, in un pigro sabato pomeriggio di zapping, in un’ITA-SCO (o SCO-ITA, non ricordo) del 6N su La7: non ci capivo niente, ma quanto mi piaceva vedere quei ragazzoni che giocavano così forte!
    Penso che per Sky perdere il 6N non sarebbe una grande tragedia, ma mi auguro che invece tutto il resto del rugby che ora viene trasmesso rimanga e con la stessa qualità. Se no diventa una tragedia per me!
    Penso però anche che se il 6N deve tornare in chiaro, deve essere trattato più che bene: capisco che i mezzi di Sky sono impensabili, ma auspico almeno un aumento della competenza e della qualità di chiunque ci metta mano e bocca, perchè bearsi di trasmettere in chiaro ma farlo offrendo un prodotto mediocre è come darsi martellate sulle palle saltellando, come Tafazzi.

  9. Nelly ha detto:

    Sky è cara , ma se vuoi vedere rugby in TV non puoi farne a meno.
    E quando vedi quel poco rugby sulle altre TV ti rendi conto che Sky è nettamente su un altro pianeta.
    Detto questo se ci fosse piu rugby in chiaro non sarebbe un peccato!

    • Fabrizio ha detto:

      Ma io sono l’unico a non trovarla così cara Sky? Eppure non sono ricco! 😉 In fondo con 30 euro se metti il pacchetto base e sport (che forse è anche meno se hai solo quello) ti guardi tantissimi sport (pure il poker) e hai anche una fetta di calcio. Io voto per il rugby su Sky! 😉

      • mezeena10 ha detto:

        no anch’io..è chiaro che la qualità si paga..io ho sky sport+base col myskyhd e spendo meno di 30 al mese

      • bloubulle ha detto:

        anche io ho solo il pacchetto base + lo sport. Però vorrei sapere perchè pago 47euro al mese e non i 30 che pagate voi.

      • mezeena10 ha detto:

        dipende da quando l’hai fatto..devi giostrare un po fra le nuove offerte..

      • Fabrizio ha detto:

        Per bloubulle. Annulla l’abbonamento di Sky e rifallo vedi che ti fanno offertone (magari anche solo se minacci di annullarlo e spieghi il perché)… 😉

  10. Mau ha detto:

    La mia esperienza: ho iniziato a seguire il rugby “seriamente” da quando ho sentito su sky Munari, Raimondi e Fusetti, e da lì ho iniziato a capirci qualcosa, ad apprezzarlo e a divertimi (mi “ascoltavo” anche partite di cui non mi importava nulla tanto per sentire il commento, così come mi capita anche con Tranquillo/Buffa per il basket), andando poi anche a vedere partite dal vivo. Prima (Rai o LA7) quando vedevo una partita in TV dopo 3 minuti cambiavo canale perchè non ci capivo niente.

  11. Matteo ha detto:

    soluzione semplice chiediamo al sig munari e raimondi di fare le telecrnache con SI mageri alternando costantino e bettarello o mischiando le coppie, sarebbe bello ma pratcamente impossibile. ok mancherebbe la regia ma io mi accontenterei di una radiocronaca di munari quindi si la quntita è importante ma anche la qualità del servizio è importante quindi inbocca al lupo per chi trasmette rugby e l’augurio di avere un servizio di livello con commentatori capaci e che non si perdano per strada il punteggio e non sanno se una squadra ha vinto o perso (vero mamma rai?)
    ps sky non l’ho mai avuta perchè tropo cara 😦 le partite le vedevo al bar con gli amici sempre che non ci fosse il calcio….

    • gsp ha detto:

      @matteo, la regia, nell’80% non la fa Sky.

      • mezeena10 ha detto:

        bskyb produce e cura la regia di tutti gli eventi..sky italia commento e pause pubblicitarie..( nuova zelanda direttamente, australia tramite foxsports (sempre sky).sud africa credo tramite supersports, ma lo saprai meglio di me gsp)

      • gsp ha detto:

        daccordo, pero’ non sky italia. magari loro hanno prezzo di convenienza…

      • mezeena10 ha detto:

        be hanno il prodotto gia confezionato..te lo infiocchettano un po..però sono i migliori commentatori in italia..quasi tutti..raimondi munari 2 spanne sopra tutti

  12. malpensante ha detto:

    Ma siete così convinti che la tv porti gente negli stadi e negli spogliatoi? Per il calcio è stato esattamente l’opposto, come per il basket, la pallavolo e così via. Poi c’è l’evento, e si fa il pieno, ma quella è un’altra storia. Anzi, con l’aria che tira e con i costi non banali, l’evento può sottrarre qualcosa anche in termini di pubblico “tradizionale” ma non fidelizzato. Per esempio, dopo due anni fedelissimi di Zaffanella, la diretta tv è un eccellente deterrente per non andare anche solo qualche volta al XXV aprile per la Celtic. Non ho sottomano dei dati ma, per esperienza diretta, sono più che certo che, nei centri di tradizione, allo stadio c’era sicuramente più pubblico anni fa. Se poi c’era l’occasione di vedere una squadra estera, magari di livello, ci si andava di corsa. Adesso ti vedi il meglio mondiale in tv, o con lo streaming, due tre volte a settimana e per la Amlin gli stadi sono vuoti. Detto da uno che manco ce l’ha, la tv (in chiaro, figuriamoci sky)

    • mezeena10 ha detto:

      vero, ma per vedere superxv, premiership, rugby championship, heineken, lions tour tests vari etc. ci vuole o sky o internet banda larga..qualcosa paghi sempre..e la qualità non è proprio la stessa..è l’evento che attira pubblico, stadi e tv..

    • maxFC ha detto:

      quoto

  13. AleVr ha detto:

    Il discorso ci può anche stare, perchè Sky non è a disposizione di tutti e quindi di conseguenza non lo è il rugby, ma mi sarebbe piaciuto trovare qualche riferimento un pò più concreto alle strategie da adottare (se ci sono).
    Pensiamo di andare da Mediaset/Rai e proporci con la poca appetibilità di cui disponiamo?
    O di farlo con La7 e SportItalia? Perchè è tutto da verificare che queste emittenti riescano a racimolare un bacino di spettatori migliore di quello di Sky.. Senza parlare dell’aspetto qualitativo che forse in questo caso può essere accantonato.
    “Un corretto piano di marketing, oltre a un minuzioso lavoro di supporto ai club di tutti i livelli, potrà aiutarci ad aumentare gli spettatori degli incontri, già a partire dall’Eccellenza, con tutte le ricadute positive che questo comporta». <——————-Mi sta bene, ma a cosa si riferisce? andare nelle piazze e urlare per invogliare la gente a guardare il rugby? Pagare le persone perchè spendano la domenica pomeriggio allo stadio ovale? O entrare nella vita della gente pubblicizzandosi nelle scuole, facendo luccicare gli occhi dei bambini per spingerli a rompere le balle ai genitori e seguirci? O ancora andare da qualche mago per fare qualche sortilegio di buon auspicio?
    Sembra di sentire parlare Alfano, Bersani e quell'altra gentaglia là…e personalmente ne ho le braghe piene.
    Gli Africani (e non i Sud Africani) per attirare gente utilizzano il Rugby Seven, più spettacolare è intuitivo del suo fratello maggiore…noi che facciamo?

  14. David ha detto:

    Mi sembra corretto quello che dice Gavazzi, il rugby deve fare ascolti televisivi per allargare il numero d’appassionati e attirare sponsor.
    Il titolo è, come ultimamente succede spesso, ingannevole ma non credo che il buon Grillotalpa l’abbia fatto apposta … o no ?

    • il grillotalpa ha detto:

      Ciao david. Il titolo magari e’ un po’ forzato, ma non ingannevole. Gavazzi alla fine dice quello. Il suo ragionamento sta in piedi, si puo’ discutere insomma. L’impressione che ho e’ che gavazzi consideri in qualche modo sky con una tv “nemica”. Cosa piuttosto stupida.

  15. gsp ha detto:

    discorso complesso, ma parto dal piano piu’ superficiale. Chi offre di piu’? se Sky non ha interesse, o fa un’offerta al board piu’ bassa di la7 perche’ non crede nel 6n allora non mi strapperei le vesti per trattenerli. e non se le strappera’ il board.

    Sul piano delle produzioni vorrei sottolineare, in quanto nella maggior parte delle gare i filmati non sono per niente prodotti da sky, per HC e tutte le partite del sud e quelle del 6n fuori casa.

    la telecronaca fa la differenza. pero’ che il fattore determinante in una questione del genere sia il commento tecnico mi sembra assolutamente fuori proporzione.

    per capire meglio i nodi delle questioni ci vuole qualche elemento in piu’; quanti spettatori ha fatto la7 l’anno scorso e quanti sky? e quanti la 7 quando dava il 6n in diretta. ho la sensazione che la la7 facesse piu’ spettatori non solo in diretta (cosa assolutamente ovvia) ma anche in differita. il fatto che la 7 vada in differita e’ anche dovuto al fatto (ma anche qui potrei sbagliarmi) che il 6n e’ inserito tra gli eventi di interesse nazionale di seconda fascia (differita garantita, ma non la diretta).

    la produzione delle partite del 6n a roma chi la fa? perche’ se le fa cmq la BBC (ma posso sbagliarmi) le cose cambiano ed i filmati e le immagini sono praticamente le stesse. quindi il valore aggiunto della produzione, al netto del commento, e’ molto molto limitata.

    Va anche notato che in italia sport come la pallavolo sono stati ammazzati anche dalla scelta di andare in Pay-Tv troppo presto. 20 anni dopo, il campionato italiano e’ diventato secondario. e queste sono esperienze importanti che vanno tenute in conto.

    la decisione TV di nuovo, secondo me e’ una decisione del board, non della federazione (e di nuovo, posso sbagliarmi). ma se lo fosse, e se la priorita’ e’ allargare il movimento devi andare su la7. molti si sono avvicinati al rugby via sky e Munari. ma Sky rimane un prodotto limitato e se non ce l’hai, Munari non lo senti. l’ideale sarebbe Munari su la7, ma Munari e’ un professionista e fara’ le sue scelte, e non e’ detto che la7 abbia budget e voglia di metterlo sotto contratto.

    • mezeena10 ha detto:

      gsp il campionato italiano di pallavolo è sempre considerato il migliore, sia tecnicamente sia economicamente..ed è trasmesso sia in chiaro che su satellite, da ben 3 emittenti..e i palazzetti son quasi sempre pieni..è un movimento che funziona soprattutto grazie alla base..i grandi clubs europei russi turchi ( che dominano con quelli italiani) prendono giocatrici anche dall’italia vero, ma è la normale libera circolazione di atleti professionisti

      • gsp ha detto:

        @mezeena, ti devo contraddire sullo stato di saluto del campionato italiano di pallavolo, sia maschile che femminile.

        sulla forza della base e dei palazzetti pieni e’ verissimo, ma il campionato in tv ha perso visibilita’.

      • mezeena10 ha detto:

        ripeto son 3 emittenti ora..è inevitabile si siano spartiti il pubblico..e ora ytrasmettono pure le coppe europee..guarda i dati sulla coppa italaia sia maschile che femminile, all star games etc..sito federvolley..poi che ci sia crisi generalizzata in tutti i settori non ci piove

      • mezeena10 ha detto:

        gsp comunque lo prenderei ad esempio come movimento che funziona dalla base della piramide, dove il campionato è il vertice e di conseguenza la nazionale ( femminile )..ci son stati ottimi manager e nonostante un presidente accentratore ( ma che sa farsi consigliare) il movimento è sempre in crescita..credo secondo solo al calcio..

  16. Samu ha detto:

    Io ho sky e pago volentieri,perche mi da un servizio che nessun altro HA MAI VOLUTO DARE, quando anche la 7 trasmettera’ premiership, 4 nazioni, 6 nazioni e il resto della banda smettero’ di pagare sky, per ora l’unico sistema per vedere il rugby e’ pagando oppure 5 partite l’anno in differita con commenti da crisi di nervi

  17. Sanfra ha detto:

    Su Sky ho visto il “Topolino” e il “Diego Camp” di Dominguez (Ok,collabora con Sky, ma almeno l’hanno mandato) e negli intervalli delle partite ci sono Ongaro e Perugini che raccontano aneddoti e regole. tutto questo per dire che Sky offre sicuramente un pacchetto rugby più ampio e vario, le lavagne tattiche di Fusetti poi sono una cosa molto utile per chi è appassionato e non si limita solo a vedere gli 80 minuti di gioco. Su La7, alla quale bisogna dare il merito di aver creduto nel rugby e aver puntato per prima su questo sport, tutte queste cose non ci sono mai state, o se ci sono state e non me le ricordo, sicuramente non erano tali da colpirmi. Ma mi colpivano i dipendenti dell’emittente, inviati al seguito della squadra, fare invasione e corre dietro ai giocatori al fischio finale dopo qualche vittoria, per “rimediare” souvenir dell’evento. Oppure farsi riprendere al fianco dei vari giocatori infortunati o esclusi dai 22 e relegati in tribuna e lo dico perchè c’era gente che giocava insieme a me e l’ho visti..e questo me lo ricordo bene!!!!!
    La qualità si paga.
    Forse la FIR prima di preoccuparsi di chi trasmette le partite, dovrebbe fare in modo di creare un prodotto appetibile alla gente, tolto Treviso, le altre squadre sono inguardabili e rimediano solo figuracce in giro per l’europa.

  18. malpensante ha detto:

    Comunque quello del nostro eroe G. è il solito discorso falso fin dalla base. I diritti 6N li vende il board, mica la FIR. E sono una bella fetta di quei soldi che tanto si sbandierano come successo della gestione. Il valore mediatico del rugby italiano è presto detto: in Italia per la Celtic e il campionato è la FIR che paga, non viceversa. E senza i soldi che lucriamo dal rugby altrui, di cosa stiamo parlando?

  19. Paolomn ha detto:

    Ma chi ha sottoscritto l’accordo con Sky? Per caso il presidente che lo appoggia?

  20. bibo ha detto:

    se non piacciono i commenti si toglie l’audio! ma più persone possono vedere il rugby e meglio è! ricordiamoci che il nostro movimento non esplode perchè ragioniamo da gruppo di elite! le partite della nazionale devono essere viste soprattutto da chi di rugby non ne capisce niente così si potrà ampliare la base. sempre che lo si voglia perchè in verità, sotto sotto, ad ogni rugbysta piace poter dire che fa parte di un gruppo ristretto con valori ed ideali non per tutti! Poi non si possono paragonare eventi come sei nazioni e test match di sky con il campionato il campionato italiano! nemmeno una produzione hollywoodiana riuscirebbe a fare di quelle partite iuno spettacolo decente! Ma i mondiali u20 dell’anno scorso secondo me sono stati una dimostrazione che se l’interesse c’è le risorse per belle produzioni si trovano anche su la 7 e rai! secondo voi se la rai prendesse il 6N sarebbe
    per mandarlo su Rai Sport? dubito fortemente

    • mezeena10 ha detto:

      secondo te degli 80mila spettatori della nazionale tanto sbandierati, quanti son veramente competenti?quanti capiscono il gioco?hai detto bene, il rugby non è uno sport che ha valori e ideali per tutti!e soprattutto non li apprendi andando a vedere una partita l’anno!per fortuna..quanto allo spettacolo decente degustibus.. ovvio che superxv e heineken siano di una altro livello, ma ogni squadra ogni partita ha una sua dignità e spettacolarità..ad esempio australia scozia 6a9 dei test di giugno in mezzo a un nubifragio è stata una gran battaglia, tanto quanto lions chiefs 65 a 72..

  21. Fabio ha detto:

    Sto con la qualità tutta la vita: è solo così che puoi apprezzare in pieno il rugby nel suo insieme fatto di partita, commenti ed aneddoti.
    Non è vero che sky è troppo tecnica e quindi poco comprensibile, è vero, piuttosto, il contrario.
    Ha ragione Emy: a volte sembra di vedere scapoli-ammogliati.
    Da quando ho sky difficilmente guardo al tv generalista.
    Il calcio paga tantissimi altri problemi: in Inghilterra e Germania hanno contratti tv altrettanto ricchi o forse più ma stadi pienissimi.
    Mi risulta che per il 6N La 7 facesse circa un terzo di audience di sky, quindi non è un problema di fruibilità, bensì di qualità. Oggi, purtroppo, se vuoi qualità (in QUALSIASI campo, anche della vita quotidiana) devi pagare, non c’è alternativa.
    Infine, Gavazzi è come tutti i nostri politici: nella maggior parte dei casi da l’impressione di non sapere proprio di cosa sta parlando, o almeno questa è l’impressione che da a me.

  22. Pierino ha detto:

    Quello che e’ strabiliante e’ che Gavazzi parla di un corretto piano di marketing.Calvisano penso sia la società fra quelle posizionate da anni in alto,ove comunicazione e marketing siano sconosciuti.Brutti da vedere e da sentire.In 30 anni ha comunicato solo la necessita di impedire ai club bresciani di crescere.Se gli danno il voto,Rovato,Botticino,Bassa B Ospitaletto,allora significa che da quelle parti funziona come al sud.

  23. Hrothepert ha detto:

    Io sono per il Rugby nazionale, Sei Nazioni e parite delle franchigie in CL e Heineken, in chiaro sempre, naturalmente con una trsmissione in diretta e decente!!! Chi vuole prendersi Sky per vedere le partite degli altri campionati, emisfero sud ecc.., oppure approfondimenti tematici, Trofeo Topolino ecc., rimarrebbe comunque libero di farlo; fino a qualche anno fa in Gran Bretagna c’era una legge dello stato che costringeva a trasmettere in chiaro gli avvenimenti sportivi che coinvolgevano le rappresentative nazionali, adesso anche li, ahi loro, si sono piegati alla legge di Muroch, l’ unica differenza, ad esmpio a Glasgow, è che se voglio vedere le partite del Sei Nazioni mi basta uscire e andare in uno qualsiasi (naturalmente io ho il mio preferito!!) delle decine e decine di pubs che trasmettono gli incontri, qui me li devo guardare in streaming. La cosa migliore la fa Mediaset Premium (non sono sicuro dell’emittente e se sbaglio correggetemi) con il calcio, compri ogni singolo evento senza bisogno di fare abbonamenti, cosi a me, per quanto mi riguarda, starebbe bene anche Sky, ma perchè costringermi a fare un intero abbonamento anche per cose che a me assolutamente non interessano?!? Quindi a conclusione su questo stò con Gavazzi, come sarei stato con chiunque altro lo avesse detto: Zatta, Amore, Munari, Benetton, Il Grillotalpa ecc.,ecc.

    • gsp ha detto:

      @hrothepert, al momento il 6n e mondiali sono ancora in chiaro. come anche il Pro12, ma su canali ‘regionali’ e via web. Pero’ non sono eventi ‘protetti’ se non sbaglio (ecceto per finali e semi mondiali, e nella fascia b il 6n). A differenza della francia dove invece il 6n e’ protetto.

      tutto questo per dire che poi sono i governi nazionali a dover giustificare l’importanza dell’evento, e dove c’e’ volonta… Penso invece che il ragionamento degli eventi protetti sia inapplicabile ai campionati, eccezion fatat per finali e semi.

    • mezeena10 ha detto:

      libero mercato..non vedo perche dovrebbero avere gli eventi senza cacciare una lira..con la qualità che tutti conosciamo e ritardi, differite e disagi vari..anche con sky hai prepagata e possibilta di acquistare il singolo evento..basta informarsi

      • gsp ha detto:

        mi riferivo alla regolamentazione sugli eventi di interessi nazionale, della direttiva europea. io la condivido, anzi per l’UK forse e’ un po’ troppo ristretta. e cmq gli eventi protetti non sono gratis, e tra i competitors in chiaro se le danno di santa ragione. tipo Rai/Mediaset prima dell’agglomerato, o BBC/ITV.

      • mezeena10 ha detto:

        gsp quando le emittenti in chiaro qua in italia se le daranno di santa ragione come dici te per trasmettere il rugby, o saranno impazziti o si tratterà di un miracolo!!!sperare non costa nulla, ma sai cosa capita a chi vive sperando???:-)

  24. pallaovale ha detto:

    6 nazioni: ascolti Sky (diretta) da 150.000 a 250.000. ascolti la 7 (differita) da 450.000 a 550.000.
    Ascolti medi la 7 in diretta da 1.000.000 a 1.200.000 (contatti quasi 2 milioni).prima di scrivere cazzate documentatevi. Il 6 nazioni lo produce la BBC. SKy vive di abbonamenti ed è normale che investa nello sport risorse ingenti, ma vi posso assicurare che difficilmente rinnoveranno il sei Nazioni (almeno a quelle cifre) gli abbonamenti che il rugby ha portato non giustificano 13 milioni di diritti, più produzione locale, per 20 partite dell’italia. Senza contare che è andato via l’amministratore neozelandese che tanto amava il rugby… Tempi duri per tutti ragazzi!

    • Fabio ha detto:

      Infatti io ho scritto audience, e non numero di spettatori. Prima di bacchettare, cortesemente, leggi meglio.
      Quanto alle decisioni di BBC, Sky, Board e Gavazzi vari, non le sapremo di certo mai noi semplici utilizzatori, si spera sempre di poter continuare a vederlo, il rugby.
      Ribadisco che, secondo me, la qualità può accattivare di più che non un soporifero o dilettantistico commento. La voglia di andarlo a vedere dal vivo può venire anche così, a me è successo, e poi mi sono entusiasmato al punto da cercare di andare allo stadio quante più volte possibili (avendo anche la grande fortuna di essere a ragionevole distanza da Viadana, Rovigo, Padova ed anche Treviso, tutto sommato).
      Certo che mi riesce più difficile andare a Christchurch….quindi grazie a Sky.
      Ma questo non vuol dire che sono contrario alle trasmissioni in chiaro, anzi.
      Mi adatterò e pazienza, temo solo che, dopo aver bevuto del Brunello di Montalcino, non debba sorbirmi del Tavernello in cartone…..

  25. Sanfra ha detto:

    Come fai a fare un paragone delle cifre, Sky ha 5 milioni di abbonati, di questi 5 milioni bisogna vedere quanti hanno il pacchetto sport. La7 è trasmessa in chiaro e fruibile da chiunque abbia un televisore. Al 2010 le famiglie italiane erano 24 milioni e spicci, dove per famiglie si intendono tutti i vari nuclei familiari. Mi pare più che normale che La7 abbia avuto e avrà sempre più ascolti, sarebbe preoccupante il contrario. Se ci basiamo sulle cifre, allora si dovrebbe vedere la percentuale e fare raffronti. Il discorso è che la FIR per crescere ed espandersi ha bisogno di soldi, e quelli li fai con i diritti tv, quindi chi paga di più ben venga, basta che poi quei soldi siano investiti per far evolvere il movimento.

    • mezeena10 ha detto:

      ma infatti in proporzione sky è nettamente superiore..c’erano i dati su la meta di qualche settimana fa

    • gsp ha detto:

      Aspetta pero’, i numeri assoluti sono importanti. anche se il 33% degli abbonati sky guadassero il 6n, sarebbe un risultato per loro eccezionale. ma non lo sarebbe altrettanto molto per il movimento. soprattutto, se guardando dal punto di vista strategico, il tuo obbiettivo e’ allargare la base. da quel punto il chiaro funziona funziona di piu.

      poi se Sky offre piu’ soldi il problema non te lo poni.

      aggiungo, la didattica di Munari e’ eccezionale e la gente s’innamora. ma se non hai la parbola e l’abbonamento non la vedi. il tuo mercato potenziale e’ molto, ma molto piu’ ristretto, che e’ l’opposto di quello che ci serve oggi.

      • mezeena10 ha detto:

        gsp non solo la didattica di munari è eccezionale, ma è un vulcano di aneddoti competenza simpatia oltre che un raffinato conoscitore del gioco..sorrido quando qualcuno qui critica zatta perche fa parlafre munari agli incontri preelettorali..chi dovrebbe parlare mia nonna?se uno è bravo e competente va “sfruttato”!!!l’idea dei DAT è buona ad es..la seconda critica a zatta è paradossale, ha fatto tutto coi soldi dei benetton, gavazzi coi suoi!che gran puttanata!ma conterà se uno è bravo ed ottiene risultati? (sorvolerei sulle manfrine di gavazzi che ha fatto retrocedeer il calvisano per risparmiare un bel po di quattrini e ripresentarsi e vincere senza quasi avversari qust’anno..sarà bello cosi!shame on you mister g.

  26. gian ha detto:

    il problema non è tanto chi fa’ vedere le partite (chi paga di più se le prende), il problema è che manca assolutamente un piano per far crescere il rugby, io dato il mio lavoro, riesco a vedere ben poco, a partire dal 6N, ma a sentire molti di voi il problema è che non si vede la nazionale……. il fatto è che l’80% dei fruitori della nazionale, non ha mai visto, e sopratutto non è minimamente interessata a vedere, l’eccellenza, pochi di più sono interessati alla CL, la visibilità di uno sport si crea in altre maniere, il prodotto televisivo è l’ultimo gradino che da’ la possibilità a chi non può andare allo stadio di vedere gli incontri, allora diventa interessante avere il prodotto rugby; fino a quando la prospettiva del movimento rimarrà solo far vedere la nazionale a più gente possibile non si andrà da nessuna parte…………cominciamo ad avere una pagina tutti i giorni sui giornali nazionali e sopratutto locali, diamo a qualche radio o TV locale la possibilità di far vedere gli incontri delle squadre della zona (anche in differita), rispostiamo il campionato la domenica, così i ragazzini delle giovanili, quando hanno finito le loro partite possono andare a vedere i “grandi” magari con genitori amici parenti e conoscenti, creiamo siti che contengano i video degli incontri etc etc, solo allora avremo un pubblico maturo che attirerà sponsor per tutti e farà vendere un prodotto appetibile. Quoto tutti quelli che dicono che un commento o una produzione di bassa qualità fa’ più male che bene, io e tanti altri che seguono questo blog, si possono permettere di togliere l’audio schifati, altri a cui certe dinamiche di gioco o certe regole non sono chiarissime, rischiano solo di crearsi confusioni, a parte commenti partigiani scandalosi, io in chiaro, mi sono spesso trovato ad accorgermi che le decisioni arbitrali erano motivate da falli diversi da quelli illustrati dal commentatore e dal tecnico a latere solo perchè IO “leggevo” la gestualità dell’arbitro che LORO dovrebbero anche sentire in cuffia (ad es viene commentato calcio contro A per tenuto a terra, mentre era per B per placcatore che non rotola, e allora, visto il calcio girato dalla parte sbagliata, via ad una ridda di supposizioni fantasiose……..negativissimo)

    • Fabio ha detto:

      Esatto, quindi torniamo al discorso della qualità, che fa rima con obiettività.
      Anche a me certi commenti su Raisport mi sembravano più pendere dalla parte del tifo: mi hanno insegnato che il rugby questo aspetto lo sente meno di qualsiasi altro sport.
      Inoltre, e perdonami se insisto, se quello che vedi in tv cattura la tua attenzione, poi ti vengono altri stimoli: fu la mia compagna (!!), dopo aver visto decine e decine di incontri in tv a dirmi: “ma noi un campo da rugby qua vicino non l’abbiamo?”
      Se ascolti un bel disco, magari ti viene voglia di andare a vedere anche il concerto (…a parte i prezzi proibitivi, ma questo è un’altro discorso…), se invece il disco non ti piace dubito ti venga la curiosità di sorbirtelo anche live.

    • gian ha detto:

      ma vedi Fabio dove stà il problema vero, ben venga la visibilità e la qualità, ma che la tua compagna, non so tu, non sapesse se in zona c’era un campo significa che esclusa la televisione non c’è una rete che crei interesse in quello che è veramente il rugby e se è vero che il 6N, per esempio, può creare adepti, è anche vero che non da solo da’ crescita, altrimenti in questi giorni dovrebbe essere pieno di nuovi schermidori, ad es. ed invece le scuole rimangono sempre e solo le stesse!

  27. Franco ha detto:

    Spero che non si arrivi al punto di negare all’ex tiranno, o chi per lui, la possibilità di dire la sua, mi sembra di assistere, qui e da Fumero, a una sorte di tiro ad un unico piccione.
    Detto ciò ringrazio la7 che sull’onda della novità, vedi anche la vela (America’s Cup), ha portato il rugby in TV con continuità e certezza, la ringrazio, pur essendo abbonato SKY, per essere ancora presente anche se in differita.
    SKY da parte sua, oltre alla notevolissima qualità e competenza, mette sul piatto tutte le partite del 6N e non solo quelle dell’Italia, le repliche, le coppe europee, il campionato inglese, il rugby dell’emisfero sud e quindi mi è difficile ammettere paragoni fra le due.
    Però una domanda, anzi di più, le voglio proporre: se non ci fosse stata la differita su La7, SKY avrebbe avuto un tornaconto maggiore? Rinunciando al rugby quanti abbonati perderà? Avete notato che ha incrementato i pacchetti calcio? Da questo deduco che la “quaestio” è solo economica e per questo disdico l’abbonamento.

    • gian ha detto:

      @franco ti quoto in tutto, ma mi hai fatto ricordare una cosa, la7 in chiaro (anche quando non c’era Sky) faceva vedere solo l’Italia nel 6N in diretta, visto che gli appassionati la adorano io da rugbysta settario ed esclusivista preferisco vedere TUTTO il 6N!!!

      • Franco ha detto:

        Sapessi quanto mi costerà firmare il modulo di disdetta, ma anche il momento è quello che è per cui rinuncerò, obtorto collo, a qualcosa in nome anche di una coerenza civile.

      • And ha detto:

        è una balla fino al 2009 la7 faceva tutto il 6N in diretta c’era Gianluca Barca che è bravissimo e ti regalava anche chicche come “Rob Kearney ha dovuto imparare a suonare il violino perchè x compiacere sua mamma maestra di musica ha dovuto scegliere uno strumento” (cose del genere), come nn ricordarlo, ho ancora le VHS registrate

      • gian ha detto:

        per carità hai tutta la mia comprensione e trovo i tuio discorsi validissimi, volevo solo far notare un piccolo particolare che a molti sfugge, il 6N ed il rugby non è solo la nazionale italiana, ma pare che spesso molti se lo dimentichino, siamo l’unico paese al mondo che adora dei perdenti, quanto mi fa male a dirlo, e che limita la sua visione al tinello di casa spesso neanche sapendo cos’è un tinello e a cosa serve!

      • gian ha detto:

        @And posso sbagliare ed eventualmente me ne scuso, ma la diretta mi pareva fosse solo per l’Italia e forse la notte la differita di uno degli altri incontri, ma vedo se riesco a controllare meglio

      • gian ha detto:

        @And non riesco a trovare una prova schiacciante (il palinsesto della 7 ai tempi), ma pare abbia ragione tu, pessima la mia memoria quindi!

      • gian ha detto:

        trovato! hai ragione tu!

      • And ha detto:

        a parte le curiosità che ti dava, volendo superflue, Gianluca Barca era ed è molto competente ed era affiancato da un ex azzurro del pack (De Carli?). Ricordo che il sabato dopo la partita dell’Italia, notoriamente sempre la prima, registravo quella dopo e poi me la rivedevo la domenica

      • gian ha detto:

        @And scusa se ti ho dato ragione, comunque non stavo criticando Barca, anche perchè il 6N, lavorando in un locale pubblico non riesco praticamente a vederlo se non a spizzichi ebocconi in streaming tramite siti stranieri e senza audio e non discuto la sua professionalità ne quella della 7, stavo parlando di altre produzioni che ho avuto la sfortuna di vedere

  28. And ha detto:

    il rugby come Sei Nazioni nn può e nn deve stare su Sky (che rimane caro checchè se ne dica e nn trasmette tutto questo rugby) è un suicidio se nn ci fosse stata La7 tanti nn si sarebbero avvicinati al rugby. Poi nn capisco cos’ha Cecinelli di sbagliato, nelle sue telecronache è tutto uno spiegare le regole che x chi le sa già è noioso quindi nn gli si può imputare di disorientare un neofita. Poi ultimamente Mazzariol assicurava competenza mentre prima Greenwood e Villepreux erano + folcroristici per l’accento nn italico ma godibili cmq. W la7

    • Fabio ha detto:

      Scusami: non trsmette tutto sto rugby?? SuperXV, Premiership, heineken, mondiali (anche quelli del 2007) test-math, superugby, lions tour….. manca solo il top 14, trovami un’altra tv che abbia questa offerta.

      • And ha detto:

        in regime di monopolio della pay-tv nn te la trovo perchè non c’è un altra emittente alternativa..intendevo con “tutto questo rugby” che Sky trasmette solo qualche partita dei campionati esteri, diciamo le migliori, o no?

      • mezeena10 ha detto:

        questa è bella regime di monopolio della pay-tv..ma non ricordi dhalia?la7 digital, mediaset premium, e altre che son fallite dopo manco un anno?quale monopolio?sky?buona questa! se per te è nulla superxv, rugby championship, lions tour, premiership, 6 nazioni fino al prossimo compreso poi si vedrà, piu barbarians, heineken cup e test matches vari..la rai solo U20..non puo esistere confronto

  29. Mah ha detto:

    Paolo, non volevo intervenire, ma vedo che dopo una tua risposta in difesa, ad un secondo utente ammetti che il titolo è forse un pò troppo pesante. Ma la cosa che fa spece e che non mi sorprende, è che anche l’altro edicolante si è allineato e coperto. Potresti almeno spiegare ai tuoi sostenitori che il passaggio del rugby su SKY non dipende dalla fir, dal presidente in carica e nemmeno dai candidati alla presidenza FIR. Forse così alleggeriamo un pò la tensione. Ah già la tensione…se non c’è quella come fate a riempire l’edicola?

    • il grillotalpa ha detto:

      Un titolo serve ad attirare l’attenzione. La parola scarica l’ho messa appositamente tra virgolette, non credo serva un granche’ per capirlo. Il senso delle parole di Gavazzi e’ pero’ quello. Io tra l’altro non ho dato giudizi di merito alla cosa, che non e’ affatto peregrina (anche se ho dei dubbi) e sulla quale sarebbe sano discutere.
      I diritti li assegna il board del 6N, e non puo’ deciderli la Fir, anche se l’appoggio o meno della federazione e’ fondamentale, mi pare evidente.
      Un’ultima cosa, se la cosa ti regala soddisfazioni chiamami pure edicolante o come ti pare, certo non credo tu sia umberto eco, james ellroy o qualcuno che possa mettersi a regalare patenti dall’alto di chissa’ quale scranno… (Non lo sono nemmeno io, e infatti non lo faccio). Un saluto

    • Fabio ha detto:

      Boh….ritengo che un blog serva proprio per discutere, sennò che senso avrebbe mettere i commenti? Tanto vale allora riportare i comunicati stampa e stop.
      Se non si hanno opinioni diverse non c’è motivo di discuissione.
      Io sono ignorante, ed in questi ultimi anni ho imparato più cose nei vari blog/forum che non dai libri, si impara ascoltando e discutendo, un’ieda può anche cambiare dopo un confronto.
      Se non c’è scambio non c’è crescita, ognuno rimane nel suo giardino convinto che i propri giocattoli siano i migliori.

  30. Mah ha detto:

    Ah.. dimenticavo, sono un abbonato SKY dai tempi di tele+ e non mi sono abbonato per vedere partite del campionato italiano… Quelle se posso le vado a vedere dal vivo.. e su questo dò ragione a Gavazzi. Perchè il nostro movimento ha bisogno di gente che frequenti l’ambiente non il divano di casa.

    • mezeena10 ha detto:

      cominciasse lui allora a “frequentare l’ambiente” cosi si rende conto di cosa hanno veramente necessita i clubs..grandi e piccoli..altro che 3 franchigia..

  31. Ranma25783 ha detto:

    SKY avrà pure la miglior qualità ma è, e questo non potete negarlo, una pay. E non mi sembra che in Italia abbiano TUTTI la pay. Anche se la tv in chiaro ha tanti limiti, resta l’unico mezzo x raggiungere il maggior numero di persone possibile.

  32. Filippo ha detto:

    allora di che stiamo a parlare del rugby nella sua totalità o solo di nazionale e di pro 12? perchè se parliamo nel rugby nella sua totalità sky è il punto di riferimento e son convinto che offra il Rugby con la R maiuscola!!! Super Rugby,Premiership,Heineken Cup e oggi Rugby Championship…tutto il resto è fuffa

  33. Filippo ha detto:

    @And…Cecinelli di rugby non ne capisce una Cippa…se ti affidi alle spiegazioni tecniche di Cecinelli…stai proprio messo bene

    • And ha detto:

      lo so che nell’interpretazione dei falli lascia a desiderare, però cercava d’impegnarsi e ci metteva almeno un pò di passione.

      • gian ha detto:

        ah beh, allora anche mio figlio di 9 mesi è un grande commentatore, fa dei suoni senza senso, non capisce, MA SI IMPEGNA TANTO!!!!! (e per la rai sarebbe già un gran passo in avanti comunque, anche tecnicamente)

  34. claude ha detto:

    l’unicaalternativa che possa sostituire sky sul piano della qualita’,ma soprattutto della competenza e’ sportitalia..la 7 ha piu’ risorse,ma si porta dietro tutti i limiti delle tv generaliste…per ampliare il bacino che segue il rugby,non basta trasmetterlo in chiaro,bisogna saperlo spiegare e renderlo una cosa familiare…un conto e’guardare l’italia,un altro e’innamorarsi di questo sport e avervoglia di andare oltre x capirlo e seguirlo nella sua interezza..sky in questo senso ha fatto molti piu’ proseliti di la7 e rai messe insieme (uno di questi sono io)..fino a spingermi a conoscerlo e capirlo veramente bene..l’italia puo’essere vista anche da 10milioni di persone,ma se non ti entra dentro il rugby serve a poco(succede come la scherma alle olimpiadi,tutti la guardano,tutti gioiscono,poi gli altri 3 anni chi la segue???)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...