Como scende in piazza a colpi di firme per un campo da rugby

Ricevo e pubblico

IL RUGBY COMO “IN CAMPO PER IL CAMPO”:
VIA A UNA RACCOLTA DI FIRME

Continua la “caccia” del Rugby Como a un campo da riservare alla pratica del rugby. La società lariana, dopo i primi contatti con la nuova amministrazione, che hanno avuto un esito almeno in parte incoraggiante, sceglie di percorrere anche la strada della petizione pubblica “In campo per il campo”, organizzando una raccolta di firme che sarà “inaugurata” sabato 28 luglio con la presenza di uno stand in piazza Boldoni, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.
Diverse iniziative collaterali caratterizzeranno questa giornata e il prosieguo dell’iniziativa, che andrà avanti fino al 28 settembre. Lo scopo è quello di sensibilizzare la popolazione, e ottenerne l’appoggio, su una esigenza che si fa sempre più pressante: Como è rimasto l’unico capoluogo lombardo a non avere un campo riservato al rugby, e questo anche se in altre realtà (come Cremona e Lodi) la pratica di questo sport è stata avviata da poco tempo e con un numero di tesserati decisamente inferiore a quello del Rugby Como. Sono 220, infatti, gli atleti dai sei anni affiliati al club locale, che, oltre alla prima squadra, mette in campo tutte le categorie di età: la “neonata” Under 19 e, a scendere, Under 16, Under 14 (addirittura con due squadre), Under 12, Under 10 e Under 8.
E’ facile immaginare le difficoltà derivanti dal fatto di dover condividere con l’atletica leggera un campo (di proporzioni inadeguate) per gli allenamenti, e con le società calcistiche un altro campo per le partite dei vari campionati, sempre più numerose. Per questo il Rugby Como – ben conscio del fatto che la situazione economica attuale non consente al Comune di realizzare un nuovo impianto – chiede di poter stipulare una convenzione per avere un campo comunale da dedicare solo alla palla ovale, impegnandosi a eseguire una serie di migliorie che vanno ben oltre la manutenzione ordinaria.

Annunci

3 thoughts on “Como scende in piazza a colpi di firme per un campo da rugby

  1. C’è un errore nel titolo: “Como scende in piazza…”, non “Come scende piazza…” Anche il logo della società che è nerobianco (come ha fatto a diventare biancoverde?). Per il resto grazie per avere pubblicato questa notizia!

  2. mistral

    non so se serve come mossa tattica, ma la raccolta firme o è già ben concordata ed accolta da una maggioranza consiliare amministrativa che ne prende spunto per accellerare i tempi, oppure viene interpretata come un atto di critica alla amministrazione, e magari utilizzata in modo strumentale dalla minoranza allontanadno il raggiungimento dell’obiettivo… anni fa (pochi per la verità) abbiamo avuto anche noi lo stesso problema, e forte di questa esperienza agli amici comaschi, (ma forse è superfluo quello che dico, ci saranno già arrivati da soli) consiglio di lavorare attraverso le conoscenze personali sicuramente presenti nella società di ogni assessore, consigliere e funzionario/dirigente del comune che possa essere (o che dovrà essere) coinvolto nella vicenda: assessore allo sport, certo, ma anche lavori pubblici e patrimonio, bilancio, i presidenti di commissione consiliare, e soprattutto i dirigenti ed i funzionari dei diversi settori… ed arrivare da loro con una proposta che la società abbia già valutato e condiviso unanimamente, magari con altre realtà locali (associazioni, comitati di quartiere etc)… il problema, quando si ha a che fare con l’amministrazione pubblica, è che se proprio non puoi fare a meno di “creare” dei problemi, devi avere l’accortezza di darglia anche le soluzioni, se non economiche almeno tecnico-procedurali… a como come a canicattì il funzionario pubblico rifugge da qualsiasi iniziativa possa anche solo lontanamente costituire un aggravio di lavoro, ed è per questo motivo che molto spesso i “politici” non riescono, con tutta la buona volontà, a portare avanti cose anche minime… noi ce l’abbiamo fatta lavorando ai fianchi maggioranza e minoranza, strutture tecniche e giuridiche, preparando documenti (convenzioni, progetti preliminari di intervento) e dichiarando la volontà di intervenire, anche economicamente, almeno per una quota del costo totale… alla fine di un laborioso e faticoso avanzamento, abbiamo ottenuto delle H permanenti da 16 metri… in bocca al lupo, ce la farete anche voi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...