Rugby Championship: l’Argentina non cambia quasi nulla per la seconda sfida al Sudafrica

E’ l’Argentina la prima nazionale delle quattro che prendono parte al Rugby Championship a far sapere con quale formazione scenderà in campo nel secondo turno. I Pumas attendono a Mendoza il Sudafrica, che lo scorso sabato ha nettamente sconfitto i biancocelesti a Cape Town. Da registrare solo un importante cambio nel ruolo di estremo: Martín Rodríguez giocherà al posto di Amorosino.
Il ct sudamericano Santiago Phelan non ha però rivelato la composizione della panchina. Lo farà soltanto dopodomani.
Ecco il XV titolare:

1-     Rodrigo Roncero (50 partidos – 25 puntos)
2-     Eusebio Guiñazú (19 partidos – 5 puntos)
3-     Juan Figallo (10 partidos – 5 puntos)
4-     Manuel Carizza (24 partidos – 5 puntos)
5-     Patricio Albacete (47 partidos – 5 puntos)
6-     Julio Farías Cabello (11 partidos – 5 puntos)
7-     Álvaro Galindo (12 partidos – 10 puntos)
8-     Juan Martín Fernández Lobbe (c) (44 partidos – 20 puntos)
9-     Nicolás Vergallo (24 partidos)
10-  Juan Martín Hernández (33 partidos – 89 puntos)
11-  Horacio Agulla (35 partidos – 20 puntos)
12-  Santiago Fernández (19 partidos – 8 puntos)
13-  Marcelo Bosch (11 partidos – 11 puntos)
14-  Gonzalo Camacho (12 partidos – 20 puntos)
15-  Martín Rodríguez (16 partidos – 61 puntos)

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Argentina, Rugby Championship, Sudafrica. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Rugby Championship: l’Argentina non cambia quasi nulla per la seconda sfida al Sudafrica

  1. gian ha detto:

    scelta dettata da analisi tecniche (anche in ottica di crescita a medio lungo termine) o da mancanza di opzioni?

    • Matteo ha detto:

      credo la seconda

    • gian ha detto:

      temo anch’io, allora, però, questa loro tanto sbandierata entrata nel Championship assume, dal punto di vista esclusivamente del campo, una luce ben diversa e temo, di conseguenza, che pagheranno dazio molto a lungo e non solo nel torneo, in quanto questa situazione metterà a nudo tutti i limiti del loro, pur invidiabile, movimento

      • Matteo ha detto:

        a me preoccupa di più fra cinque anni perchè questi in campo non sono eterni e forse la maggior parte arriverà al mondiale ma poi? che fanno

    • Stefo ha detto:

      Mah di alternaive ce ne hanno eccm: Creevy, Ayerza, Orandi, Leguizamon, Imhoff, Bustos Moyano sono i rpimi che i vengono in mente, tutti giocatori che in Europa giocano ad altissimo livello.

    • gian ha detto:

      bisogna vedere se questi ottimi giocatori fanno parte di un progetto o sono già considerati “bruciati” per vari motivi

    • And ha detto:

      le opzioni ce le hanno Imhoff è fuori nn capisco s’è infortunato o cosa..

  2. Matteo ha detto:

    di sicuro non hanno la profondità di panchina come come le altre tre questo nel corso del torneo si farà sentire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...