Tag: società

Rugby di base: se la meta di ogni società diventa quella di compilare la lista-gara in tempo

Un problema che ha interessato tutto il rugby di base nel corso dell’intera stagione: l’eliminazione dei documenti cartacei e il passaggio all’on line ha provocato lungaggini, ritardi, ma anche vittorie (e sconfitte) a tavolino…

La vicenda non è di quelle che conquisteranno mai la prima pagina o la luce dei riflettori, probabilmente nemmeno di quelli specificatamente rugbistici, quindi non può stupire che nessuno l’abbia portata alla luce.
Anche perché si tratta di un mero problema tecnico/burocratico, che non ha nessun addentellato anche vagamente “politico” (io ho messo giusto un paio di virgolette, voi aggiungetene quante ne volete), togliendo perciò il retrogusto piccante alla notizia, diciamo così.
Ma il problema c’è, è reale e riguarda un po’ tutte le società italiane di ogni regione che in questa stagione hanno dovuto affrontarlo ogni fine settimana. Nessuno escluso.

Il problema sono le liste gara. Dallo scorso settembre infatti sono sparite le distinte e il tesseramento cartaceo e le società, ogni weekend in cui sono in programma partite, le devono compilare on line. Facile e comodo, direte voi. Certo, e lo sarebbe davvero se il sistema informatico non collassasse ogni fine settimana.
Perché per tutta la stagione sportiva 2017/2018 le società hanno dovuto letteralmente battagliare con computer, tablet e affini per ore e ore per la compilazione delle liste gara e dei tesseramenti. Segnalazioni a questo blog sono arrivate da club diversi di ogni regione e tutti lamentavano lo stesso problema e la “denuncia” era più o meno sempre questa: siamo in difficoltà, sono spariti i cartellini cartacei dei giocatori obbligando le società a utilizzare le liste gara on line ma la parte del sito Fir dedicata alla bisogna diventa quasi irraggiungibile già dal giovedì sera e avvicinandosi alla domenica le difficoltà aumentano. Problema che ogni società ha dovuto affrontare per qualunque sua formazione: dal minirugby alle Under giovanili, fino alla femminile.

Troppo traffico, il sistema non regge e va in crash, rendendo impossibile o quantomeno estremamente difficoltosa la corretta compilazione delle distinte. E finché si limita ad essere una semplice magagna informatica uno può allargare le braccia e dire “vabbé” ma gli errori o la non correttezza delle distinte si è tradotta in alcuni casi in sconfitte a tavolino, punti tolti in classifica, giornate di squalifica per giocatori e campi. E in caso di ricorsi non accolti – cosa che è accaduta – va aggiunto anche il pagamento delle spese “processuali”.
Le società hanno più volte segnalato nei mesi scorsi queste difficoltà e la FIR ha risposto (quando lo ha fatto, visto che mi sono state segnalate situazioni in cui le società non hanno ricevuto nessuna risposta) dicendo che aveva predisposto interventi tecnici sui server.
Da settembre a fine aprile/inizio maggio la situazione è stata però quella prima descritta, con un lieve miglioramento nelle ultime settimane, dovuto però forse al fatto che diversi tornei si sono conclusi almeno nella loro stagione regolare.

Che un sistema informatico possa non reggere a una nuova organizzazione che prevede un deciso aumento del carico che deve sopportare può capitare, che le cose non migliorino per mesi e mesi invece no. Probabilmente è stato un errore non aver previsto un periodo di transizione in cui il vecchio sistema e quello nuovo potevano coesistere. Oltretutto la scomparsa del cartaceo ha impedito di ricorrere a quelli che qualche dirigente mi ha definito come “tesseramenti del venerdì”: magari prima succedeva che nelle giovanili arrivasse un ragazzino a inizio settimana, che facesse due allenamenti e poi venisse tesserato il venerdì in tempo per la partita. Ora questa cosa non si può più fare. Non solo: la mancanza di una prova cartacea del tesseramento diventa un problema grosso soprattutto per le società meno organizzate o per le squadre giovanili dove magari c’è il genitore di turno che fa l’accompagnatore. La pezza di carta poteva evitare quelle sanzioni di cui sopra, sanzioni che arrivano nel 99% dei casi – lo ricordiamo – non per mancanze o imperizia da parte dei club ma perché la struttura informatica non regge il lavoro che dovrebbe svolgere.

Le società sono la spina dorsale del nostro movimento, quello che lo alimentano e lo tengono in piedi giorno dopo giorno, lontano dalle luci della ribalta. Dar loro un aiuto concreto e trovare una soluzione anche a questo ordine di problemi è un dovere.

Annunci

Panorami futuribili: l’Abruzzo pensa a un mercato senza vincoli per il rugby giovanile

Una sorta di mercato libero per i giovani giocatori di rugby abruzzesi, in cui gli atleti non siano vincolati ai club e con trasferimenti che non prevedono nessun tipo di compensazione. La proposta è di quelle che possono davvero far cambiare un panorama e – inevitabilmente – fanno e faranno discutere parecchio tra i pro e i contro sia sulla fotografia attuale che quella futuribile si portano dietro.
L’iniziativa è del neopresidente del Comitato Regionale Abruzzo, Giorgio Morelli, che ha inviato una lettera a tutte le società della sua regione e che riporto integralmente in calce a questo articolo. Una proposta che non è dettagliata nei meccanismi e che ha il valore gettato in uno stagno con l’intenzione di andare a migliorare l’esistente, e Morelli è perfettamente cosciente che “un tale sistema andrebbe a rivoluzionare i meccanismi finora vigenti e gli equilibri economici a cui, pure, ogni società deve porre attenzione”.
Pesare positività e criticità non è semplice, tanto più che bisognerebbe tener conto di quello che potrebbe succedere anche nel medio-lungo periodo, non solo nell’immediato.
Vi propongo prima il comunicato stampa e poi la lettera.

IL COMUNICATO STAMPA
Si chiama “Patto per il rugby abruzzese” la proposta elaborata dal presidente del Comitato regionale della Federazione Italiana Rugby, Giorgio Morelli, e inviata a tutti i club della palla ovale abruzzese.

Quella di Morelli, eletto lo scorso febbraio presidente di FIR Abruzzo, è una riflessione coraggiosa e destinata a far discutere. La proposta si basa sostanzialmente sulla liberalizzazione, nell’ambito regionale, dei cartellini dei giovani atleti militanti nei club abruzzesi. Senza i parametri e le diverse difficoltà che i giocatori U18 incontrano nel trasferirsi da una società all’altra, si valorizzerebbe dunque la carriera dell’atleta, permettendo allo stesso di tornare a fine carriera nel club di appartenenza, e quindi di contribuire alla crescita della società e del movimento rugbistico regionale.

“Dobbiamo essere consapevoli – afferma Morelli nella missiva inviata ai club – che l’alto livello già da oggi, ma ancor di più nel prossimo futuro, vedrà i migliori talenti, pochi, dirigersi in ambiti di professionismo quali PRO12, club esteri e Nazionali, mentre gli altri, pur meritevoli, vedranno svolgere la loro vita sportiva nel Campionato d’Eccellenza, in Serie A o nelle serie minori”.

“Qui dobbiamo essere tutti consapevoli che se da un lato i percorsi di ogni atleta sono a doppio binario verso l’alto e verso il basso, dall’altro i livelli, qualsiasi essi siano, devono restituire ai giocatori il massimo della soddisfazione e gratificazione”, aggiunge il presidente.

In questo modo il “fare squadra” di cui si parla da sempre nel rugby non rimarrebbe solo un concetto vago e retorico, se tutti i club abruzzesi prendessero un formale impegno affinché gli atleti da loro formati e cresciuti nelle varie categorie giovanili fossero liberi, senza compensazioni di nessuna natura, di scegliere la squadra più adeguata alle loro competenze ed esigenze. La crescita dei talenti, specie delle categorie U16 e U18, troverebbe in Abruzzo un binario complementare e parallelo a quello determinato dai centri di formazione permanenti e alle accademie.

Il “Patto per il rugby abruzzese” potrebbe dare inoltre dei concreti ritorni da parte dei club, basati sulla possibilità di presentarsi alle istituzioni ed agli operatori economici con un piano chiaro, condiviso e forte nei suoi principi e valori. Un’unità d’intenti, quindi, in cui ogni società potrebbe riconoscersi come se l’Abruzzo fosse un unico grande club.

Della proposta per il “Patto per il rugby abruzzese” si parlerà nelle prossime settimane tra i club e gli organi del rugby regionale, per favorire uno spazio di maggiore confronto e condivisione. Per una crescita comune.

LA LETTERA DEL PRESIDENTE MORELLI ALLE SOCIETA’
Nel pieno rispetto delle libere ed autonome determinazioni di ogni società lo scrivente in sintonia con il programma esposto nelle recenti elezioni ritiene sia opportuno invitare ad una riflessione su una proposta di lavoro che andrebbe ad interessare tutte le società di rugby del territorio abruzzese.
Richiamo la filosofia di fondo che ha ispirato sia il programma esposto durante le elezioni sia le motivazioni che mi hanno spinto a propormi come Presidente del Comitato Regionale.
In estrema sintesi i valori fondamentali del rugby si vogliono tradurre in concreta esperienza di lavoro e come base per lo sviluppo del nostro movimento.
Fare squadra, rispetto delle regole, rispetto dell’avversario, amicizia e lealtà devono trovare una applicazione pratica negli atti e nei rapporti tra i club ed i propri giocatori genitori e sostenitori, oltre che nei rapporti tra le varie realtà del territorio.
Vorrei sottolineare come questi valori, da concretizzare in comportamenti e scelte operative di gestione quotidiana e di programmazione, devono declinarsi anche, in modo fondamentale, verso la crescita globale del territorio per alimentare il senso d’appartenenza e di legame dei ragazzi con le proprie radici.
In questo senso non può sfuggire come le giuste aspirazioni di ogni ragazzo siano verso l’alto livello e verso le massime espressioni del rugby.
Dobbiamo essere consapevoli che l’alto livello già da oggi, ma ancor di più nel prossimo futuro, vedrà i migliori talenti, pochi, dirigersi in ambiti di professionismo quali PRO12, club esteri e Nazionali, mentre gli altri, pur meritevoli, vedranno svolgere la loro vita sportiva nel Campionato d’Eccellenza, in Serie A o nelle serie minori.
Qui dobbiamo essere tutti consapevoli che se da un lato i percorsi di ogni atleta sono a doppio binario verso l’alto e verso il basso in relazione alle prestazioni ed al processo evolutivo dell’individuo, dall’altro i livelli, qualunque essi siano, devono restituire ai giocatori il massimo della soddisfazione e gratificazione.
Legare gli atleti alla regione d’appartenenza significa poter loro offrire facilmente accesso al livello che solo “il campo” deve stabilire.
Sono sicuro che il legame forte con le radici e l’invincibile spirito d’appartenenza che si vuole creare porterebbero i migliori talenti che dall’Abruzzo spiccano il volo per la loro carriera di professionisti d’alto livello a desiderare un ritorno per mettere a disposizione del territorio l’esperienza acquisita, contribuendo così a consolidare l’orgoglio e lo spirito d’appartenenza dei giovani che li consacrerebbero come loro riferimenti e modelli positivi.
Altresì per gli altri giocatori che svolgono la loro vita sportiva nel Campionato d’Eccellenza, in Serie A o nelle serie minori si vuole generare un meccanismo di riconoscenza verso i club che hanno loro consentito liberamente di poter avere le massime soddisfazioni cui ognuno poteva aspirare nell’ambito della regione Abruzzo.
Allora “FARE SQUADRA” non resterebbe solo un’allocuzione retorica se tutte le società della regione Abruzzo prendessero un formale impegno affinché gli atleti da loro formati e cresciuti nelle varie categorie giovanili fossero liberi, senza compensazioni di nessuna natura, di scegliere la squadra più adeguata alle loro competenze ed esigenze.
Lo scopo è quello di liberalizzare i movimenti con particolare attenzione a quelli dal basso verso l’alto nella scala dei valori sportivi.
In Regione Abruzzo abbiamo due squadre di Serie A, che si spera possano ulteriormente migliorare il loro livello, oltre che squadre di Serie B, C1 e C2.
Dunque in concreto propongo che ogni Società sia disponibile a consentire il passaggio di un atleta ad un Club a lui interessato o viceversa ad un club cui l’atleta ambisce a giocare.
Mi rendo perfettamente conto che un tale sistema andrebbe a rivoluzionare i meccanismi finora vigenti e gli equilibri economici a cui, pure, ogni società deve porre attenzione, tuttavia vorrei sottolineare come le economie non si possono fare a discapito degli interessi ed aspirazioni degli atleti.
Un impegno di tal genere, che potremmo chiamare “Patto per il Rugby Abruzzese” potrebbe dare, invece, dei concreti ritorni basati sulla possibilità di presentarsi alle Istituzioni ed agli operatori economici con un piano chiaro, condiviso e forte nei suoi principi e valori.
È vero che le società sportive devono essere gestite come delle Aziende, ma non dimentichiamo che mentre la mission di queste è il mero profitto, altra e più alta è la mission dello sport.
Gli investimenti dei club sui ragazzi, coinvolti nel gioco del rugby anche in tenera età, fatti crescere con fatica ed impegno non possono essere finalizzati al ritorno economico, ma alla creazione di un ciclo virtuoso per il quale il club vede un ritorno dei propri ragazzi a fine carriera per una continua e sostenibile crescita della società.
D’altra parte il meccanismo di valorizzazione del capitale umano preso da bambino, cresciuto sportivamente, dunque monetizzato al pari di un investimento in borsa, seppur del tutto legittimo, comporta, spesso, un senso di ribellione e di allontanamento dal club che lo ha visto crescere da parte degli atleti e delle famiglie che subiscono sulla loro pelle il condizionamento dello scambio monetario pur di veder sodisfatte le proprie aspirazioni.
Con il Patto che propongo, che dovrebbe vedere interessate tutte le società abruzzesi, si costituirebbe un’unità d’intenti in cui ogni club potrebbe riconoscersi come se l’Abruzzo fosse un unico grande CLUB.
Come rispettare la diversità delle realtà, i diversi metodi di lavoro, di reclutamento e di sviluppo nei diversi territori che se esistono evidentemente hanno tutte le loro ragioni?
In effetti con questo “Patto” non si vuole creare nessuna omogeneizzazione, ma esclusivamente riconoscersi in un progetto comune di crescita, in cui ogni società al contrario deve vedere il lavoro della società vicina come una concorrenza che impone a se stessa la necessità di essere allo stesso livello, per un offerta sempre più interessante.
Riconoscersi in un progetto comune in cui alla fine gli atleti in uscita dall’under 18 non siano oggetto di scambio eviterebbe quei tristi fenomeni di “cannibalismo” per cui si crede che la crescita del proprio club avvenga più facilmente se si creano difficoltà al club concorrente, come se le difficoltà del vicino si traducano automaticamente in benefici per se stessi.
I rapporti con le Istituzioni pubbliche oggi sono calibrati attraverso le iniziative di ogni società che si propone per ottenere benefici, per risolvere problemi e per definire l’uso degli impianti sportivi.
Un “patto” chiaro e riconoscibile anche dall’opinione pubblica, consentirebbe invece una razionalizzazione ed ottimizzazione degli impianti al fine di permettere ad ogni club di poter contare su un campo, degli spogliatoi, di impianto d’illuminazione e club house.
A mero titolo d’esempio, per la sola città dell’Aquila, che, ovviamente, è il faro di riferimento per l’intera regione, troviamo situazioni consolidate come l’impianto “Enrico Iovenitti” di Paganica, “Centi Colella” dell’Aquila, mentre vi sono situazioni da definire per migliorarne sia i termini di utilizzazione, manutenzione e di completamento di strutture e servizi come lo Stadio “Tommaso Fattori”, il campo da rugby di Piazza d’Armi ed il “Comunale di Villa S. Angelo”.
Ebbene sono sicuro che le Amministrazioni Comunali sarebbero molto più sensibili e facilitate nelle proprie scelte se si trovassero di fronte l’insieme delle Società Aquilane che condividendo la finalizzazione del proprio lavoro chiedono il miglioramento delle condizioni.
Deve valere il principio che le difficoltà di una crea problemi anche alle altre società e viceversa il beneficio di una si tramette pure alle altre.
Ciò comporta che se oggi abbiamo alcuni club che hanno la forza di molti ragazzi per tutte le categorie, questi sono una risorsa per tutti noi ed uno stimolo per gli altri club a seguirne le tracce utilizzando le stesse strategie che facilmente possono essere condivise.
Altresì la chiarezza dei rapporti e degli impegni, che di sicuro andranno a beneficio delle massime espressioni del rugby in Abruzzo, consentirà di utilizzare quei meccanismi, che già esistono, per permettere ai migliori giocatori U18 di fare qualche esperienza, cioè qualche partita, nelle squadre di serie A continuando a giocare normalmente con il proprio club il campionato di categoria.
Questa fluidità arricchisce tutti, i giocatori vedono concretamente che la realizzazione dei propri desideri dipende esclusivamente da loro stessi senza barriere tra club, distanze tra allenatori, o, addirittura, scambi economici.
La crescita dei talenti, specie U16 ed U18, troverebbe in Abruzzo un binario parallelo a quello determinato dai centri di formazione permanenti ed accademie ed anzi con questi potrebbero molto più facilmente avvenire quegli scambi nelle due direzioni senza che chi esce dai centri federali debba sentirsi un frustrato ed uno sconfitto e viceversa chi entra, anche a 16 anni, sentirsi arrivato, perché troverebbero un’alternativa che consentirebbe sia di tornare in accademia in quanto valorizzato sia di scegliere di restare nel territorio perché qui viene comunque garantita la sua crescita senza il distacco e la perdita del senso e dell’orgoglio dell’appartenenza.
Come vedete gli spunti per discutere e per riflettere sono molti, la mia infatti è un’iniziativa che vuole spingere al confronto ed alla condivisione uscendo anche dagli schemi precostituiti perché sono sicuro che l’interesse di tutti voi è lo stesso ed è il bene del rugby.
Nel ribadire che ognuno deve sentirsi libero di fare le scelte che ritiene migliori per se stesso e per il proprio club, vi invio i miei più cordiali saluti ed augurio di buon lavoro.
Giorgio Morelli
Presidente CRA