Categoria: Mondiali 2015

Mondiale 2023, l’Irlanda ci pensa davvero

Se n’era parlato qualche mese fa, ora la IRFU – la federazione irlandese – conferma e rilancia: iniziate le discussioni con la Gaelic Athletic Association per sapere se il torneo potrebbe eventualmente contare anche sulle strutture di quell’associazione. Un “sì” della GAA è considerato fondamentale per poter portare avanti la candidatura, al pari dell’appoggio del governo di Dublino.
Philip Browne, CEO dell’IRFU, ha detto che il recente Mondiale in Nuova Zelanda ha dimostrato “che un Paese di appena quattro milioni di abitanti può ospitare un evento di quella portata, con il conseguente potere attrattivo in termini di visitatori e ricaduta economica”.
Per la RWC 2023 si è parlato di possibili candidature anche di Russia, USA e Argentina.

Annunci

Il rugby africano riparte dal Madagascar e da 35mila tifosi

Quando uno parla di “rugby di frontiera” si immagina campi spelacchiati, pochi spettatori, strutture scalcinate. Se poi caliamo tutto questo in una realtà africana…
Bene, ad Antanarivo (Madagascar) si sono tenute al Mahamasina Stadium le partite tra i padroni di casa e il Marocco (ha vinto il Madagascar 35 a 28) e quella tra Namibia e Senegal (20-18). Il fatto clamoroso sono però i 35mila tifosi accorsi ad assistere alle partite. Tutte le gare sono valide per la corsa ai Mondiali del 2015, quando l’Africa potrebbe schierare tre squadre (springboks compresi).

A QUESTO LINK LA SITUAZIONE DELLA CORSA A RWC 2015

E la RWC 2015 potrebbe far “suo” anche lo Stadio Olimpico di Londra

Nei prossimi mesi, pare all’inizio del prossimo anno, il Comitato Organizzatore del Mondiale inglese del 2015 renderà note le sedi delle partite. Oltre a Twickenham dovrebbero far parte del mazzo alcuni dei più famosi stadi di rugby e di calcio, come l’Old Trafford di Manchester, Anfield a Liverpool, Wembley e l’Emirates Stadium dell’Arsenal.
Rumor delle ultime ore vogliono ora anche nella lista il nuovissimo Olympic Stadium, quello costruito appositamente per i Giochi che inizieranno a fine luglio. Le trattative sarebbero già ben avviate e una decisione definitiva dovrebbe arrivare dopo le Olimpiadi.

Mondiali U20: partite e arbitri della seconda giornata

Si gioca l’8 di giugno.

Fiji vs Samoa at University of the Western Cape, Bellville
Referee: Francisco Pastrana (Argentina)
Assistant referees: Marius van der Westhuizen (South Africa), Jason Jaftha (South Africa)
Television match official: Lyndon Bray
Assessor: Tappe Henning

Australia vs Argentina at Danie Craven Stadium, Stellenbosch
Referee: Glen Jackson (New Zealand)
Assistant referees: Greg Garner (England), Daniel Fortuin (South Africa)
Television match official: Clayton Thomas
Assessor: Donal Courtney

France vs Scotland at University of the Western Cape, Bellville
Referee: JP Doyle (England)
Assistant referees: Jason Jaftha (South Africa), Marius van der Westhuizen (South Africa)
Television match official: Tappe Henning
Assessor: Lyndon Bray

New Zealand vs Wales at Danie Craven Stadium, Stellenbosch
Referee: Angus Gardiner (Australia)
Assistant referees: Greg Garner (England), Quinton Immelman (South Africa)
Television match official: Donal Courtney
Assessor: Clayton Thomas

South Africa vs Italy at University of the Western Cape, Bellville
Referee: Mathieu Raynal (France)
Assistant referees: Rasta Rashivenga (South Africa), Sindile Mayende (South Africa)
Television match official: Lyndon Bray
Assessor: Tappe Henning

England vs Ireland at Danie Craven Stadium, Stellenbosch
Referee: Lourens van der Merwe (South Africa)
Assistant referees: Leighton Hodges (Wales), Quinton Immelman (South Africa)
Television match official: Glen Jackson
Assessor: Clayton Thomas

I club francesi vanno alla guerra. Contro il Mondiale 2015

Che ai francesi non era piaciuta per nulla la scelta delle date del Mondiale 2015 lo avevo già scritto.
Ora rincara la dose Jean-Rene Bouscatel, presidente del Tolosa e rappresentante delle squadre francesi nell’ERC, che parla apertamente di una “dichiarazione di guerra contro i club europei”. Non solo “la decisione di trovare un compromesso (le nazioni dell’Emisfero Nord spingevano per una partenza della RWC al 4 di settembre, quelle dell’Emisfero Sud al 25, ndr) è un calcio nei denti”. Non c’è che dire, giri di parole non ne usa.