Sei Nazioni: Scozia-Italia 21-8

La Scozia ha sconfitto per 21-8 l’Italia a Murrayfield (Edimburgo) nel match che ha aperto il programma della quinta ed ultima giornata del 6 Nazioni di rugby. Vittoria scozzese firmata dalle mete di Nick De Luca (47′) e Nicki Walker (55′), con una trasformazione e 3 piazzati di Chris Paterson (4′, 19′, 68′). Azzurri a segno con un meta di Andrea Masi (11′) e un piazzato di Mirco Bergamasco (31′).
L’Italia era reduce dal successo per 22-21 sulla Francia al Flaminio (la prima affermazione sui bleus nella storia del Torneo) e da 3 sconfitte contro Irlanda, Inghilterra e Galles. La Scozia, invece, aveva perduto tutte e 4 le partite giocate. Il successo relega così gli azzurri all’ultimo posto in classifica, visto che chiudendo appaiati alla Scozia con 2 punti, sono condannati dalla peggior differenza punti.

Scozia: Paterson, Walker, Ansbro (19′ De Luca), Lamont, Danielli, Jackson (77′ Parks), R. Lawson (64′ Blair), Brown (74′ Vernon), Barclay, Hines (54′ Strokosch), Kellock (cap), Gray, Cross (64′ Murray), Ford (64′ S. Lowson), Jacobsen. All.: Robinson.
Italia: Masi (31′ McLean), Benvenuti, Canale, Sgarbi (70′ Canavosio), Mi. Bergamasco, Burton (59′ Orquera), Semenzato, Parisse, Derbyshire (59′ Barbieri), Zanni, Geldenhuys, Del Fava (54′ Bernabo’), Castrogiovanni, Ghiraldini (77′ Festuccia), Perugini (Lo Cicero). All.: Mallett Arbitro: Walsh (Nuova Zelanda) Marcatori: 4′ Paterson calcio piazzato; 11′ Masi meta; 18′ Paterson calcio piazzato; 31′ Bergamasco calcio piazzato; 55′ meta Del Luca; 55′ meta Walker; 56′ Paterson trasformazione; 68′ calcio piazzato Paterson.
Spettatori: 45 mila circa

2 risposte a "Sei Nazioni: Scozia-Italia 21-8"

  1. Gio

    Grossa delusione, inutile negarlo; dopo la storica vittoria contro la Francia, ci si aspettava di più. Vedendola in tv, ho avuto la sensazione che alcuni azzurri avvessero un atteggiamento un tantino supponente, per lo meno nei primi minuti: come dire “che grande campione che sono”. Spero la mia sia stata solo un’errata impressione. Primo tempo discreto, a parte le touche sbagliate (0-4 iniziale!), buona meta di Masi, ma mancanza di killer-instinct. Secondo tempo inesistente, gli azzurri sono rimasti negli spogliatoi: tanti passaggi sbagliati o in-avanti, palle rubate dagli scozzesi ed un gioco via via sempre più sterile e privo di un filo logico. Peccato perchè la Scozia ha giocato in modo semplice e pulito, senza fare errori, ma anche senza grandi acuti. Insomma, era una Scozia “giocabile”, ma è mancata la continuità ed efficacia di gioco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.