Sonny Bill Williams non ci sta: “Non sono un mercenario”

“La gente pensa che ogni volta che il mio manager esce di casa provi a vendermi a chiunque. Ma non è così, è vero l’opposto. La verità è che lui non sa quasi nulla. La verità è che io cerco di dare il meglio che posso sul campo, se poi ci riesco è chiaro che le offerte arrivino di conseguenza”.
SBW cerca di scrollarsi di dosso l’immagine di giocatore attaccato solo ai soldi, sempre pronto a saltare da un contratto all’altro. E lo fa con una intervista a EWN Sport: “In tanti mi criticano perché firmo sempre contratti da un anno, ma in pochissimi pensano alla pressione che questa cosa mi mette addosso: sono praticamente costretto a migliorarmi sempre. Se non gioco bene poi nessuno mi vuole: la gente, prima di esprimersi, dovrebbe considerare il problema nel suo insieme”.
Poi apre di nuovo una finestra sul futuro: “Non so cosa succederà. Di certo so soltanto una cosa: se dovessi tornare in Nuova Zelanda potrei giocare solo con la maglia dei Chiefs, così come se dovessi tornare in Francia non potrei che indossare solo la divisa del Tolone”.
Il giocatore giusto una settimana fa ha annunciato che lascerò la madre patria – e la maglia degli All Blacks – per andare a giocare in Giappone e nella League australiana.

Annunci

12 thoughts on “Sonny Bill Williams non ci sta: “Non sono un mercenario”

  1. Luc@

    Poverino, quanta pena mi fa. SBW l’incompreso.
    Mercenario è la parola che ti cade a pennello.
    Hai solo una fortuna: essere davvero forte.

  2. Sanfra

    Mercenario?!?Perchè cerca sempre un contratto migliore e nuovi stimoli personali?!Il rugby è professionismo e come tali vanno trattati i giocatori,fanno girare milioni ed è giusto che cerchino il contratto migliore. Le carriere durano poco ed è giusto che cerchino di guadagnare il più possibile finchè possono. Giudicare un qualsiasi lavoratore perchè decide di cambiare lavoro davanti ad offerte remunerative più vantaggiose è da ipocriti,chiunque in qualsiasi settore farebbe la stessa cosa.

    1. Luc@

      Sono d’accordo sul fatto che la carriera è corta e che sono professionisti. Ma SBW si comporta come se fosse l’unico campione al mondo e vedere che piangere il morto mi fa tristezza. Chi è causa del suo mal pianga se stesso. La reputazione ognuno se la crea.

  3. Matteo

    Forte sei forte ma cosa vuol dire “Di certo so soltanto una cosa: se dovessi tornare in Nuova Zelanda potrei giocare solo con la maglia dei Chiefs, così come se dovessi tornare in Francia non potrei che indossare solo la divisa del Tolone” a memoria in nuova zelanda non ha giocato canche per canterbury e crusaders? solito discorso da giornalisti perchè se a un emiro gli parte un embolo e decide di comprarsi una squadra di rugby a caso francese (ovvio non il tolone) e gli da una paccata di euri tipo 5miloni a stagione per tre stagioni voglio vedere chi non dice di no. L’unica cosa che gli do ragione è che se firma contratti annuali deve sempre impegnarsi al 100% ma nessuno lo obbliga a farlo

  4. Elisa

    Povero tesoro…sono tutti cattivi con te?!….ma chiediti il perchè…
    …cioè passi che uno voglia fare più soldi possibille…come già detto le carriere sono corte e la possibilità di infortunio c’è sempre…però dai…stai zitto!!!
    Poi non capisco una cosa…contratti di un anno?!forse sei tu che te li cerchi così…anche perchè credo che ogni squadra di questo mondo ti voglia…pure se giocassi male…vabbè ste cose non le capisco… -.-

  5. amatore

    non capisco tutti questi commenti contro sbw!! secondo voi non fa bene? perchè? è logico che una persona guardi al proprio portafoglio!! sbaglio? non siamo mica negli anni 70 dove si giocava per la maglia e dove non c’era il professionismo. invidiosi?

    1. Elisa

      secondo me fa bene a pensare al portafogli…ma che non faccia il cucciolo maltrattato!
      Quello che infastidisce è che vuole continuare a far parlare di se…cercando di passare per l’agnellino che non è!(pure in NZ si sono stufati delle sue affermazioni)

  6. mezeena10

    in nuova zelanda è un idolo e la gente gli perdonerà anche questa (oltretutto è un bravissimo ragazzo e una gran persona)..a meno che nel frattempo non salti fuori qualche altro fenomeno che fa girare la giostra e ci si dimenticherà anche di sonny bill..certo che ormai è quasi piu uno showman che un rugbyman, ma chiunque farebbe carte false per accaparrarselo!tutta invidia da rosiconi di C2

  7. Samu

    Non e’ un mercenario, a me se una azienda mi desse piu di quella attuale la lascerei , credo che in diversi lo farebbero.Una cosa pero, e’ forte e’ vero ma secondo me ancora gli manca qualcosa in difesa

    1. Andre

      Gli manca qualcosa in difesa? Ma l’hai visto il SuperXV ultimamente? Anzi, credo che quest’anno difensivamente sia stata la sua migliore stagione, sale sempre e placca anche bassissimo, cosa che ho visto fare poche volte a giocatori cos alti.

  8. enneq

    del resto anche il mio motto è: “ho sposato solo mia moglie 1” Se un’azienda ci da’ di piu, noi cambiamo. Perche lui non dovrebbe farlo ????

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...