Giorno: 4 febbraio 2017

Sei Nazioni, recensione: l’Inghilterra la spunta sulla Francia, ma che fatica (19-16)

inghilterra-francia-sei-nazioni-2017

Dopo lo spettacolo del Murrayfield si torna sul pianeta Terra: a Twickenham va in scena una Inghilterra-Francia tesa e tirata ma non spettacolare. Match molto fisico e spezzettato con una Francia magari poco champagne ma molto solida e quadrata, capace di ingarbugliare e quindi di frenare il gioco inglese ma che non sfrutta la superiorità numerica data dal cartellino giallo comminato a May. A regnare in campo comunque è la confusione e il risultato è una gara molto poco “fluida” che chiude il primo tempo sul 9 a 9 senza alcuna meta.
Lo spartito non cambia sotto nessun aspetto nemmeno nella seconda frazione. L’Inghilterra va in meta con Daly al 46′ ma il giocatore in maglia bianca tocca la linea prima di schiacciare la palla (e comunque l’azione dei padroni di casa era viziata da un tenuto non rilevato dall’arbitro), quella del francese Slimani invece è valida e dopo un’ora di gioco l’equilibrio si spezza. La gara a questo punto si apre un po’ di più, anche se non molto, e la marcatura di Te’o appena entrato le dà la sua forma definitiva con la vittoria inglese per 19-16.
Francia che torna a Parigi masticando amaro ma che può farsi forza di una prestazione importante (per quanto non spettacolare) su un campo difficilissimo, Inghilterra che sorride un po’ storto perché vince ma che deve riflettere sulla prova forse meno convincente dell’era Eddie Jones.

Inghilterra: 15 Mike Brown, 14 Jonny May, 13 Jonathan Joseph, 12 Owen Farrell, 11 Elliot Daly, 10 George Ford, 9 Ben Youngs, 8 Nathan Hughes, 7 Tom Wood, 6 Maro Itoje, 5 Courtney Lawes, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Dylan Hartley (capitano), 1 Joe Marler
Riserve: 16 Jamie George, 17 Matt Mullan, 18 Kyle Sinckler, 19 Teimana Harrison, 20 James Haskell, 21 Danny Care, 22 Ben Te’o, 23 Jack Nowell
Mete: Te’o (70′)
Conversioni: (Farrell (71′)
Punizioni: Farrell (9′, 23′, 54′), Daly (38′)

Francia: 15 Scott Spedding, 14 Noa Nakaitaci, 13 Gaël Fickou, 12 Rémi Lamerat, 11 Virimi Vakatawa, 10 Camille Lopez, 9 Baptiste Serin, 8 Louis Picamoles, 7 Kévin Gourdon, 6 Damien Chouly, 5 Yoann Maestri, 4 Sébastien Vahaamahina, 3 Uini Atonio, 2 Guilhem Guirado (c), 1 Cyril Baille
Riserve: 16 Clément Maynadier, 17 Xavier Chiocci, 18 Rabah Slimani, 19 Arthur Iturria, 20 Loann Goujon, 21 Maxime Machenaud, 22 Yoann Huget, 23 Jean-Marc Doussain
Mete: Slimani (59′)
Conversioni: Lopez (60′)
Punizioni: Lopez (7′, 13′, 20′)

Annunci

Sei Nazioni, recensione: la Scozia è perfetta solo a metà ma basta per battere l’Irlanda (27-22)

stuart-hogg

Un primo tempo in cui la Scozia è bellissima e quasi perfetta: cattiva, determinata, idee chiarissime su come distruggere il gioco irlandese e imporre il proprio. In più c’è Stuart Hogg che vuole far capire a tutto il mondo che la maglia numero 15 dei British & Irish Lions numero 15 questa estate deve essere sua e che buca continuamente le retrovie in maglia verde. Il risultato è un 21 a 8 che sta pure stretto ai padroni di casa.
Poi ci sono i secondi 40 minuti, che non sono l’opposto dei primi, ma quasi: Irlanda che si ricorda che razza di squadra sa essere, Scozia che non riesce più a pungere e al 63′ arriva il sorpasso (21-22) su cui in pochissimi avrebbero scommesso soltanto mezz’ora prima.
Poi lo scossone con un calcio di Laidlaw che rimette avanti i padroni di casa di due punti e una fase finale giocata quasi sempre in avanti dal XV in maglia blu che si porta a casa una vittoria importantissima e meritata. Una Scozia cresciuta tantissimo e che metterà paura a tutti.

Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Sean Maitland, 13 Huw Jones, 12 Alex Dunbar, 11 Tommy Seymour, 10 Finn Russell, 9 Greig Laidlaw (c), 8 Josh Strauss, 7 Hamish Watson, 6 Ryan Wilson, 5 Jonny Gray, 4 Richie Gray, 3 Zander Fagerson, 2 Fraser Brown, 1 Allan Dell
Riserve: 16 Ross Ford, 17 Gordon Reid, 18 Simon Berghan, 19 Tim Swinson, 20 John Barclay, 21 Ali Price, 22 Duncan Weir, 23 Mark Bennett
Mete: Hogg (8′, 21′), Dunbar (29′)
Conversioni: Laidlaw (9′, 21′, 29′)
Punizioni: Laidlaw (73′, 79′)

Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Keith Earls, 13 Garry Ringrose, 12 Robbie Henshaw, 11 Simon Zebo, 10 Paddy Jackson, 9 Conor Murray, 8 Jamie Heaslip, 7 Sean O’Brien, 6 CJ Stander, 5 Devin Toner, 4 Iain Henderson, 3 Tadgh Furlong, 2 Rory Best (c), 1 Jack McGrath
Riserve: 16 Niall Scannell, 17 Cian Healy, 18 John Ryan, 19 Ultan Dillane, 20 Josh van der Flier, 21 Kieran Marmion, 22 Ian Keatley, 23 Tommy Bowe
Mete: Earls (25′), Henderson (48′), Paddy Jackson (62′)
Conversioni: Paddy Jackson (49′, 63′)
Punizioni: Paddy Jackson (34′)

Sei Nazioni femminile, la recensione di Italia-Galles: azzurre con luce che va e viene, le gallesi ringraziano (8-20)

italia-galles-femminile-2017

A Jesi primo quarto d’ora di netto dominio gallese che si traduce in 10 punti per le ospiti, poi le azzurre si scrollano di dosso la tensione e iniziano a carburare: alzano il baricentro, pungono, macinano gioco e tengono lontana la squadra ospite dai propri 22 metri. Qualche errore e soprattutto qualche fallo di troppo frenano la nazionale allenata da Di Giandomenico che però chiude il primo tempo in sostanziale – e meritatissima – parità: 8-10.
Anche nella seconda frazione l’Italia ci mette un po’ a carburare e paga dazio con la meta dell’estremo ospite. La reazione delle nostre ragazze arriva anche questa volta ma non produce risultati e la meta del capitano gallese che chiude una devastante maul avanzante mette fine a una partita su cui le azzurre possono recriminare non poco visto che hanno sicuramente raccolto meno di quanto seminato. E senza i black-out ad inizio dei due tempi saremmo qui a raccontarci una partita forse un po’ diversa. Tra una settimana a L’Aquila l’Italia attende l’Irlanda.

Sei Nazioni U20: a Exeter l’Inghilterra infligge una severa sconfitta alla Francia imponendosi per 59 a 17, risultato che chiude la prima giornata del torneo di categoria

Italia: 15 Manuela Furlan, 14 Michela Sillari, 13 Mariagrazia Cioffi, 12 Paola Zangirolami, 11 Sofia Stefan, 10 Beatrice Rigoni, 9 Sara Barattin (capitano), 8 Elisa Giordano, 7 Isabellla Locatelli, 6 Lucia Cammarano, 5 Alice Trevisan,
4 Flavia Severin, 3 Lucia Gai, 2 Melissa Bettoni, 1 Elisa Cucchiella
Riserve: 16 Marta Ferrari, 17 Gaia Giacomoli, 18 Michela Este, 19 Elisa Pillotti, 20 Ilaria Arrighetti, 21 Claudia Salvadego, 22 Silvia Folli, 23 Maria Magatti
Mete: Manuela Furlan (36′)
Conversioni:
Punizioni: Michela Sillari (32′)

Galles: 15 Dyddgu Hywel, 14 Elen Evans, 13 Kerin Lake, 12 Robyn Wilkins, 11 Adi Taviner, 10 Elinor Snowsill, 9 Keira Bevan, 8 Shona Powell-Hughes, 7 Rachel Taylor, 6 Sioned Harries, 5 Mel Clay, 4 Rebecca Rowe, 3 Amy Evans, 2 Carys Phillips (capitano), 1 Caryl Thomas
Riserve: 16 Lowri Harries, 17 Cerys Hale, 18 Gwenllian Pyrs, 19 Siwan Lillicrap, 20 Alisha Butchers, 21 Sian Moore,
22 Gemma Rowland, 23 Jessica Kavanagh-Williams
Mete: Caryl Thomas(15′), Dyddgu Hywel (45′), Carys Phillips (65′)
Conversioni: Elinor Snowsill (16′)
Punizioni: Elinor Snowsill (8′)

Scozia-Irlanda e Inghilterra-Francia (ma pure le nostre ragazze): che il Sei Nazioni 2017 inizi!

sei-nazioni-2017

Ieri sera l’antipasto con le prime due gare del Sei Nazioni U20 (Italia-Galles finita 5-27 e Scozia-Irlanda terminata sul 19-20), oggi inizia il torneo vero, quello dei grandi.
Alle 15.25 a Edimburgo scendono in campo Scozia e Irlanda (diretta tv su DMAX, telecronaca di Antonio Raimondi e Vittorio Munari. Attenzione però, il Rugby Social Club diretto da Daniele Piervincenzi inizia alle 15.05), un paio d’ore dopo tocca a Inghilterra-Francia, le crunch, partita che non ha bisogno di presentazioni e che potremo vedere in diretta sempre su DMAX. Personalmente, per quello che vale, trovo forse più interessante la prima che non la seconda, ma tanto sono imperdibili entrambe…

L’Italia gioca domani alle 15 – diretta tv su DMAX, che ve lo dico a fare – contro il Galles, ma questa lunga giornata di Sei Nazioni prevede anche Inghilterra-Francia U20 che si gioca alle 13 italiane al Sandy Park di Exeter, mentre alle 15 a Jesi atteso debutto per la nazionale femminile contro le gallesi (ieri sera si è giocata la prima partita del torneo delle ragazze con le irlandesi che hanno vinto in Scozia 22-15), gara che verrà trasmessa in differita su Eurosport 2 alle 20.30 ma in diretta web sul sito del Sei Nazioni. Che dire, ci aspettano lunghe ore di mete e placcaggi, lo spettacolo in campo e sugli spalti è assicurato. Prepariamoci, e soprattutto: FORZA RAGAZZE!
Il programma e tutte le formazioni:

Sei Nazioni U20: Inghilterra-Francia, Exeter, ore 13 (italiane)
Inghilterra: 15 Tom Parton, 14 Joe Cokanasiga, 13 Max Wright, 12 Will Butler, 11 Sam Aspland-Robinson, 10 Max Malins, 9 Harry Randall, 8 Zach Mercer, 7 Ben Earl, 6 Tom Curry, 5. Nick Isiekwe, 4 Jack Nay, 3 Joseph Morris, 2 Joe Mullis, 1 Ollie Dawe
Riserve: 16 Jamie Blamire, 17 Jake Pope, 18 Ciaran Knight, 19 Justin Clegg, 20 Josh Bayliss, 21 Alex Mitchell, 22 Jacob Umaga, 23 Gabriel Ibitoye
Francia: 15 Roman Buros, 14 Geoffrey Cros, 13 Nathan Decron, 12 Theo Millet, 11 William Iraguha, 10 Thomas Darmon, 9 arthur Retière, 8 Selevasio Tolofua, 7 Julien Ruaud, 6 Alexandre Roumat, 5 Mickael Capelli, 4 Florian Verhaeghe (capitano), 3 Corentin Chabeaudie, 2 Florian Dufour, 1 Mathis Dumain
Riserve: 16 Leo Aouf, 17 Etienne Fourcade, 18 Ugo Boniface, 19 Baptiste Pesenti, 20 Killian Bendjaballah, 21 Bathiste Couilloud, 22 Anthony Fuertes, 23 Theo Dachary

Sei Nazioni Femminile: Italia-Galles, Jesi, ore 15
Italia: 15 Manuela Furlan, 14 Michela Sillari, 13 Mariagrazia Cioffi, 12 Paola Zangirolami, 11 Sofia Stefan, 10 Beatrice Rigoni, 9 Sara Barattin (capitano), 8 Elisa Giordano, 7 Isabellla Locatelli, 6 Lucia Cammarano, 5 Alice Trevisan,
4 Flavia Severin, 3 Lucia Gai, 2 Melissa Bettoni, 1 Elisa Cucchiella
Riserve: 16 Marta Ferrari, 17 Gaia Giacomoli, 18 Michela Este, 19 Elisa Pillotti, 20 Ilaria Arrighetti, 21 Claudia Salvadego, 22 Silvia Folli, 23 Maria Magatti
Galles: 15 Dyddgu Hywel, 14 Elen Evans, 13 Kerin Lake, 12 Robyn Wilkins, 11 Adi Taviner, 10 Elinor Snowsill, 9 Keira Bevan, 8 Shona Powell-Hughes, 7 Rachel Taylor, 6 Sioned Harries, 5 Mel Clay, 4 Rebecca Rowe, 3 Amy Evans, 2 Carys Phillips (capitano), 1 Caryl Thomas
Riserve: 16 Lowri Harries, 17 Cerys Hale, 18 Gwenllian Pyrs, 19 Siwan Lillicrap, 20 Alisha Butchers, 21 Sian Moore,
22 Gemma Rowland, 23 Jessica Kavanagh-Williams

Sei Nazioni: Scozia-Irlanda, Edimburgo ore 15.25 (italiane)
Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Sean Maitland, 13 Huw Jones, 12 Alex Dunbar, 11 Tommy Seymour, 10 Finn Russell, 9 Greig Laidlaw (c), 8 Josh Strauss, 7 Hamish Watson, 6 Ryan Wilson, 5 Jonny Gray, 4 Richie Gray, 3 Zander Fagerson, 2 Fraser Brown, 1 Allan Dell
Riserve: 16 Ross Ford, 17 Gordon Reid, 18 Simon Berghan, 19 Tim Swinson, 20 John Barclay, 21 Ali Price, 22 Duncan Weir, 23 Mark Bennett
Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Keith Earls, 13 Garry Ringrose, 12 Robbie Henshaw, 11 Simon Zebo, 10 Paddy Jackson, 9 Conor Murray, 8 Jamie Heaslip, 7 Sean O’Brien, 6 CJ Stander, 5 Devin Toner, 4 Iain Henderson, 3 Tadgh Furlong, 2 Rory Best (c), 1 Jack McGrath
Riserve: 16 Niall Scannell, 17 Cian Healy, 18 John Ryan, 19 Ultan Dillane, 20 Josh van der Flier, 21 Kieran Marmion, 22 Ian Keatley, 23 Tommy Bowe

Sei Nazioni: Inghilterra-Francia, Londra ore 17.50 (italiane)
Inghilterra: 15 Mike Brown, 14 Jonny May, 13 Jonathan Joseph, 12 Owen Farrell, 11 Elliot Daly, 10 George Ford, 9 Ben Youngs, 8 Nathan Hughes, 7 Tom Wood, 6 Maro Itoje, 5 Courtney Lawes, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Dylan Hartley (capitano), 1 Joe Marler
Riserve: 16 Jamie George, 17 Matt Mullan, 18 Kyle Sinckler, 19 Teimana Harrison, 20 James Haskell, 21 Danny Care, 22 Ben Te’o, 23 Jack Nowell
Francia: 15 Scott Spedding, 14 Noa Nakaitaci, 13 Gaël Fickou, 12 Rémi Lamerat, 11 Virimi Vakatawa, 10 Camille Lopez, 9 Baptiste Serin, 8 Louis Picamoles, 7 Kévin Gourdon, 6 Damien Chouly, 5 Yoann Maestri, 4 Sébastien Vahaamahina, 3 Uini Atonio, 2 Guilhem Guirado (c), 1 Cyril Baille
Riserve: 16 Clément Maynadier, 17 Xavier Chiocci, 18 Rabah Slimani, 19 Arthur Iturria, 20 Loann Goujon, 21 Maxime Machenaud, 22 Yoann Huget, 23 Jean-Marc Doussain